Svizzera
Il Covid ha pesato sul turismo anche nel 2021: -43,9% di entrate
Rispetto al 2019 la bilancia segna un -605 milioni di franchi
(Keystone)
28 giugno 2022
|

Il coronavirus ha continuato a farsi sentire sugli affari del turismo in Svizzera nel 2021. Le entrate di visitatori stranieri sono aumentate, raggiungendo i 10,1 miliardi di franchi, cifra però inferiore del 43,9% rispetto al 2019, si legge in un comunicato odierno dell’Ufficio federale di statistica (UST).

Sempre all’interno della bilancia turistica, le spese generate dagli svizzeri per viaggi all’estero sono cresciute 13,4%, rimanendo inferiori del 43% rispetto al 2019. La bilancia risulta quindi negativa, con -605 milioni di franchi.

A partire dal mese di aprile dell’anno scorso, il numero di turisti stranieri in Svizzera è cresciuto rispetto al 2020, sottolinea l’UST. Per la categoria dei soggiorni con pernottamenti ciò si è tradotto in una progressione delle entrate. Al contrario, per le entrate dei soggiorni senza pernottamenti è di nuovo stato registrato un calo (-260 milioni).

Nel 2021 gli svizzeri hanno in generale preferito rimanere in patria, come conferma il numero record di pernottamenti generato da residenti. È stata tuttavia osservata una ripresa dei viaggi in alcuni Paesi. Ripreso anche il turismo degli acquisti.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE