credit-suisse-condannata-a-pagare-una-multa-di-due-milioni
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
10 ore

Caduta fatale per un’alpinista sul Pilatus

Una donna di 36 anni è morta dopo esser precipitata per centinaia di metri nel settore di Gsäss
Svizzera
11 ore

Gli imprenditori: non ci sarà un aumento astronomico dei salari

Il presidente dell‘Unione svizzera degli imprenditori (USI) Valentin Vogt ritiene irrealistiche le richieste dei sindacati: ’gettano fumo negli occhi’
Svizzera
1 gior

Paura di un inverno al freddo, occhio alle truffe

In Vallese segnalati annunci online fasulli di legna da ardere e pellet a basso costo. Si chiede di pagare in anticipo, ma la merce non viene consegnata.
Svizzera
1 gior

Incidente mortale ieri sera a Schlatt

Forse un malore all’origine del sinistro costato la vita a un novantenne, andato a cozzare contro una scalinata e il muro di un cimitero
Svizzera
1 gior

Ventisettenne annega nel lago di Zurigo

È accaduto attorno alle 13.30, mentre nella città iniziava la Streetparade: ancora da chiarire se il fatto sia collegato all’evento
Svizzera
1 gior

HotellerieSuisse, competitività intatta malgrado il franco forte

Lo sosteniene il presidente Andreas Züllig, secondo cui la competitività della Svizzera ‘è cresciuta globalmente’
Svizzera
1 gior

Un morto e tre feriti in un incidente sulla A9

A seguito del sinistro, avvenuto ieri attorno alle 17.30 nel tunnel di Chauderon, l’autostrada è rimasta chiusa per una decina di ore
Svizzera
1 gior

Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Streetparade

Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
1 gior

Derubato di telefono e portafoglio da ignoti

Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
27.06.2022 - 14:27
Aggiornamento: 16:21

Credit Suisse condannata a pagare una multa di due milioni

L’istituto bancario è stato condannato dal Tribunale penale federale di Bellinzona nell’ambito del processo sul riciclaggio di denaro della mafia bulgara

Il Tribunale penale federale (TPF) ha inflitto una multa di 2 milioni di franchi a Credit Suisse nel processo sul riciclaggio di denaro della mafia bulgara. Un imputato ha ottenuto la sospensione parziale della pena detentiva, gli altri tre la sospensione.

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) aveva messo nel mirino Credit Suisse e i quattro accusati per la loro presunta collaborazione con Evelin Banev, capo di una rete criminale che importava decine di tonnellate di cocaina dall’America Latina all’Europa.

Con l’aiuto della banca e degli altri imputati, l’organizzazione di Banev avrebbe riciclato parte dei proventi dell’attività. Si parla di più di 70 milioni di franchi in un periodo fra il 2004 e il 2007. Nei due atti d’accusa depositati dalla procura federale, composti da oltre 600 pagine, si presume che i guadagni per tonnellata di cocaina ammontassero a 30 milioni di euro.

La banca è stata condannata per violazione della responsabilità aziendale in relazione al reato di riciclaggio di denaro aggravato. La corte ha ravvisato da parte della banca carenze sia nel monitoraggio delle relazioni bancarie con la mafia bulgara sia nella sorveglianza delle norme antiriciclaggio nel periodo compreso tra luglio 2007 e dicembre 2008. I fatti precedenti al 27 giugno 2007 sono prescritti.

Il TPF ha pure chiesto il sequestro di 12 milioni di franchi versati su conti legati a questa organizzazione. Inoltre Credit Suisse dovrà versare 19 milioni di franchi per compensare gli importi che non hanno potuto essere sequestrati a causa delle sue inadempienze.

Fatti "vecchi"

In una reazione, Credit Suisse ha annunciato che "prende atto di questa decisione relativa a precedenti carenze organizzative". La banca ha annunciato che farà ricorso contro il verdetto presso la Corte d’appello del Tribunale penale federale.

Tra gli imputati, un uomo di fiducia di Evelin Banev, il capo della banda bulgara, è stato condannato a 36 mesi di reclusione, di cui la metà sospesi, e a 160 aliquote giornaliere da 260 franchi. È stato riconosciuto colpevole di partecipazione a un’organizzazione criminale, riciclaggio di denaro e tentato riciclaggio di denaro.

L’ex consulente alla clientela di Credit Suisse, che ha fatto da tramite tra la banca e i bulgari, è stata condannata a 20 mesi di carcere e a 129 aliquote giornaliere da 250 franchi per riciclaggio di denaro aggravato. Alla donna, gravemente malata, è stata concessa la sospensione della pena in entrambi i casi.

Sanzioni sospese

Gli altri due imputati, un bulgaro residente in Vallese e un ex impiegato di banca svizzero, sono stati riconosciuti colpevoli di partecipazione, rispettivamente sostegno a un’organizzazione criminale e di riciclaggio di denaro aggravato. Il primo è stato condannato a 12 mesi e 10 aliquote giornaliere da 100 franchi e il secondo a 14 mesi e 90 aliquote giornaliere da 360 franchi. Tutte queste sanzioni sono sospese.

A fine febbraio l’MPC aveva chiesto una multa di 5 milioni di franchi - il massimo consentito dalla legge - e un totale di 41 milioni di franchi di risarcimenti nei confronti di Credit Suisse. Per i quattro co-accusati era stata chiesta la sospensione parziale o totale della pena. Il tribunale ha tenuto conto della durata del procedimento e della prescrizione di gran parte dei fatti e ha mitigato le sanzioni.

(sentenza SK.2020.62)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
credit suisse mafia bulgara riciclaggio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved