ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 ore

Soldato impiegato al Wef indagato per un reato sessuale

Un portavoce della giustizia militare ha confermato un’informazione della ‘Weltwoche’. Avviata un’inchiesta.
Svizzera
7 ore

Circa 900 scosse sismiche in Svizzera e dintorni nel 2022

La terra ha tremato un po’ meno rispetto agli ultimi anni. Gli eventi più significativi percepiti nella Confederazione, hanno avuto epicentro all’estero.
Svizzera
9 ore

USS annuncia un referendum contro la riforma del 2º pilastro

I sindacati interrompono contestualmente la raccolta firma per l’iniziativa ‘Utili della Banca nazionale per un’AVS forte’
Svizzera
9 ore

Ginevra, Uber può continuare a operare

L’azienda ha ottenuto misure superprovvisionali. Lo Stato di recente aveva vietato le sue attività.
Svizzera
10 ore

Maurizio Dattrino al comando della Divisione territoriale 3

Il brigadiere ticinese, attinente di Arbedo, sostituirà il divisionario Lucas Caduff che va in pensione
Svizzera
11 ore

Penuria di farmaci, al lavoro una task force

Su incarico del Consiglio federale, avrà il compito di valutare le misure a breve termine per far fronte a questo fenomeno ‘problematico’
Svizzera
12 ore

Indonesiani contro Holcim, fallita la trattativa di risarcimento

Si tratta del secondo capitolo a livello giudiziario della vertenza, dopo che una conciliazione per stabilire un risarcimento è fallita lo scorso ottobre
Svizzera
14 ore

1° febbraio: è il giorno della prova sirene

Le sirene suoneranno in tutta la Svizzera. In Ticino alle 13.30, 13.35, 13.45 e 13.55 sarà diffuso un suono continuo e modulato, della durata di un minuto
Svizzera
16 ore

Esportare le procedure d’asilo è ‘un’idea balzana’

L’Udc vuole una Svizzera senza richiedenti e si ispira all’accordo tra Regno Unito e Ruanda. Il professor Achermann: vecchia idea, destinata a morire.
Svizzera
1 gior

Sulle etichette dei prodotti freschi anche il mezzo di trasporto

Lo chiede un’iniziativa parlamentare approvata dalla Commissione scienza, educazione e cultura degli Stati, in particolare per il trasporto via aereo
Svizzera
1 gior

Corona-Leaks, in esame la consegna dei dati a Marti

La consigliera federale Keller-Sutter chiede di verificare se il procuratore straordinario può legalmente accedere all’intera casella e-mail di Lauener
Svizzera
1 gior

Altra giornata di sciopero per i funzionari pubblici vodesi

È la terza nelle ultime sei settimane per rivendicare l’indicizzazione completa dei salari. Previsto un corteo fino alle porte del Gran Consiglio
Svizzera
1 gior

Stranieri di terza generazione, no a naturalizzazione agevolata

Prematura una revisione della procedura: la Commissione delle istituzioni politiche degli Stati raccomanda di respingere l’iniziativa parlamentare
Svizzera
1 gior

Gatto chiuso in una gabbia ritrovato morto nell’Aare

L’animale era stato recuperato da un pescatore a Wolfwil. Sulla vicenda sta indagando la Polizia cantonale solettese
Svizzera
1 gior

Catena della solidarietà, 154 milioni di ‘anelli’ nel 2022

L’anno appena concluso è stato il secondo in assoluto per la somma complessiva raccolta: solo nel 2004 le donazioni erano state superiori
07.06.2022 - 21:22
Aggiornamento: 22:26

Violenza carnale: ‘senatori’ per il principio ‘no significa no’

Con 25 voti a 18 il Consiglio degli Stati ha scelto la soluzione che si opponeva a quella del consenso esplicito

Ats, a cura de laRegione
violenza-carnale-senatori-per-il-principio-no-significa-no
Keystone
Karin Keller-Sutter è intervenuta durante il dibattito odierno

Ci vorrà ancora una seduta - prevista per lunedì prossimo - ai "senatori" per terminare l’esame della revisione del diritto penale in materia sessuale. Oggi, tuttavia, dopo un lungo dibattito, il plenum si è già espresso sull’aspetto centrale del dossier: per 25 voti a 18 ha scelto il principio del ‘no significa no’ che si opponeva a quello del consenso esplicito. Con la formula, ‘no significa no’, in futuro sarà possibile punire per violenza carnale anche chi, per commettere il reato, non esercita coazione sulla vittima usando violenza, minacce o pressioni psicologiche. In altre parole, la violenza carnale nel Codice penale comprende ora tutti i casi in cui l’autore del reato agisce ignorando intenzionalmente la volontà espressa dalla vittima (soluzione del veto).

Karin Keller-Sutter: ‘Un passo avanti’

Diversi oratori in aula, in primis la consigliera federale Karin Keller-Sutter, hanno sottolineato il passo avanti fatto con questa revisione che tiene conto dell’evoluzione della società. Tuttavia, l’esito del voto su questo particolare aspetto della revisione non è stato così scontato, visto che anche la soluzione del consenso esplicito ha raccolto consensi da destra a sinistra, con quest’ultima decisamente a favore di un passo ulteriore verso una maggior protezione delle vittime di violenza sessuale.

‘Sì significa sì’

La formulazione del ‘sì significa sì’ è stata difesa in particolare da Lisa Mazzone (Verdi/Ge) - all’origine di una proposta di minoranza in tal senso - e Céline Vara (Verdi/Vd), secondo le quali la soluzione del veto non terrebbe conto di quel particolare stato in cui può trovarsi una donna in frangenti delicati in compagnia di una persona dell’altro sesso, ossia pietrificata a causa della paura che le impedisce di parlare, incapace insomma di opporsi a un atto sessuale non voluto.

Marina Carobbio: ‘Troppe donne preferiscono non denunciare per paura’

Per Marina Carobbio Guscetti (Ps), inserire il consenso esplicito nel Codice penale significherebbe contribuire a cambiare la cultura sessuale del nostro Paese, rispondendo anche alle attese della popolazione, dando nel contempo alle vittime mezzi efficaci per difendersi da atti sessuali indesiderati. Attualmente, secondo la ‘senatrice’ ticinese, troppe donne preferiscono non denunciare per paura, vergogna, ma anche a causa di una legislazione inefficace che le colpevolizza. Ora abbiamo l’occasione per rimediare, ha spiegato.

‘Il consenso non può essere solo presunto’

Sulla stessa linea di Carobbio Guscetti si è espressa Isabelle Chassot (Centro/Fr), secondo cui il modello del consenso esplicito proteggerebbe meglio le donne. Per la consigliera agli Stati friburghese è importante dare un segnale chiaro alla società facendo capire che il consenso non può essere solo presunto. Chassot ha tuttavia ammesso che la differenza dei due modelli, nella pratica, non è poi così grande e che la soluzione del consenso esplicito non risolverà tutti i problemi.

Un ‘no’ è meno interpretabile

Dal canto suo, la ministra di giustizia e polizia ha sostenuto in aula la bontà della formula ‘no significa no’, precisando che un ‘no’ esplicito o un gesto di rifiuto difficilmente lasciano un grande margine all’interpretazione di un giudice, mentre non è detto che un ‘sì’ rispecchi veramente la volontà della donna. Keller-Sutter ha citato l’esempio di una donna che, dopo aver acconsentito ad un atto sessuale, ci ripensa. Insomma, con un ‘no’ sarebbe più facile stando alla consigliera federale che venga provata l’esistenza di un rapporto non consensuale.

Gli altri aspetti della revisione

Stando al progetto di legge, la definizione di violenza carnale è modificata introducendo il concetto più generico di "penetrazione corporale" che tiene conto anche delle vittime di sesso maschile. Per quanto riguarda le pene minime, la maggioranza ha deciso di mantenerla a un anno per la violenza carnale (art. 190 cpv. 2 P-CP). I ‘senatori’ hanno poi approvato una pena detentiva minima di un anno se la vittima ha meno di dodici anni.

Gli altri aspetti della revisione sui quali si discuterà lunedì prossimo riguardano l’introduzione di un articolo specifico per gli atti sessuali commessi da persone che esercitano un’attività nel settore sanitario (art. 193a P-CP). Questo prevede una pena detentiva fino a cinque anni o una pena pecuniaria per chiunque fa subire un atto sessuale adducendo un’indicazione medica. Viene proposta pure una nuova fattispecie di reato per punire la ‘pornovendetta’, vale a dire la diffusione di foto o video fatti di comune accordo durante una relazione. La commissione preparatoria ha però rinunciato alla disposizione sul ‘grooming’, contenuta nel progetto preliminare, perché non crede opportuno estendere la punibilità agli atti preparatori. Per ‘grooming’ si intende l’adescamento in rete di minorenni.

Nell’ambito della pornografia, la commissione propone inoltre due adeguamenti, per evitare che i minori si rendano punibili penalmente senza esserne coscienti. Il primo riguarda una modifica della definizione di pornografia dura, il secondo i minori che, di comune accordo, fabbricano, possiedono o consumano immagini o film che li raffigurano.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved