ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

‘L’assunzione e la formazione di ucraini va incoraggiata’

Lo auspica il presidente dell’Associazione Svizzera-Ucraina Andrei Lushnycky, secondo cui entrambi i Paesi ne trarrebbero vantaggi
Svizzera
3 ore

Aumenta la percentuale di donne? Gli uomini cambiano strada

Più che le competenze e gli interessi, nell’ambito lavorativo sono le proporzioni a creare mestieri tipicamente maschili e femminili
Svizzera
16 ore

Addio carta: il Canton Berna si dà al digitale

Dal primo marzo le autorità comunicheranno, salvo rare eccezioni, unicamente attraverso i mezzi elettronici
Svizzera
20 ore

Ringier istituisce gruppo di lavoro su missione giornalistica

Alla ‘task force’ il compito di sviluppare una dichiarazione che i caporedattori saranno chiamati a dover rispettare
Svizzera
21 ore

Marco Chiesa sollecita la congiunzione delle liste con il Plr

Per il presidente dll’Udc è l’unico modo per evitare l’avanzata della sinistra. Che non risparmia di critiche
Svizzera
22 ore

I Verdi puntano a diventare la terza forza politica del Paese

Dall’assemblea di Ginevra, il presidente Balthasar Glättli non lesina critiche all’indirizzo dell’Udc e della sua posizione in materia energetica
Svizzera
23 ore

Sale la tensione con la Cina? Le Pmi svizzere delocalizzano

A causa della delicata situazione, le aziende battenti bandiera rossocrociata si orientano su piazze produttive in Vietnam, Thailandia e India
Svizzera
1 gior

L’Udc pronta a dar battaglia a ‘cultura woke’ e immigrazione

Adunata dei delegati a Bülach per lanciare l’anno elettorale 2023. Piatto forte dell’assemblea discussioni sul genere e approvvigionamento energetico
Svizzera
1 gior

Sarebbe riuscita l’iniziativa per la responsabilità ambientale

I Giovani Verdi annunciano di aver raccolto oltre 100mila firme. Il concetto di ‘limite naturale’ al centro della proposta di modifica costituzionale.
Svizzera
1 gior

Giornalista scopre monumento nazista nel cimitero di Coira

Ha fatto parte del culto dell’eroe con cui Hitler ha giustificato la guerra, scrive la Srf. Le autorità non ne erano a conoscenza.
02.06.2022 - 16:30

Impianti fotovoltaici su infrastrutture stradali e ferroviarie

Il Nazionale ha accolto oggi due mozioni al riguardo. Potenzialmente si potrebbe produrre corrente elettrica pari al fabbisogno annuo di 22mila famiglie

Ats, a cura de laRegione
impianti-fotovoltaici-su-infrastrutture-stradali-e-ferroviarie
Ti-Press

Occorre accelerare chiaramente lo sviluppo della produzione fotovoltaica sulle infrastrutture stradali e ferroviarie esistenti, quali le pareti contro l’inquinamento fonico, le facciate e i tetti. È quanto chiedono due mozioni in tal senso, accolte oggi dal Nazionale.

La prima, adottata con 138 voti contro 48 e 1 astenuto, domanda che le Ferrovie federali svizzere (Ffs) e l’Ufficio federale delle strade (Ustra) sfruttino il potenziale utilizzabile per installare impianti fotovoltaici su ripari fonici, facciate, tetti, nonché su coperture di infrastrutture esistenti.

La seconda, approvata con 153 voti contro 26 e 3 astenuti, chiede che l’Ustra possa mettere gratuitamente a disposizione di terzi superfici per la costruzione di impianti fotovoltaici su ripari fonici, coperture e semicoperture autostradali, rotatorie di svincolo e scarpate lungo le strade nazionali.

Corrente pari al fabbisogno annuo di 22mila famiglie

Stando a uno studio in risposta a un postulato del consigliere nazionale Bruno Storni (Ps/Ti), installando pannelli fotovoltaici lungo autostrade e linee ferroviarie si potrebbe potenzialmente fornire corrente elettrica pari al consumo annuo di 22mila famiglie (ossia 101 GWh di energia solare all’anno).

Secondo il documento, 55 GWh potrebbero essere ricavati installando appositi impianti sulle barriere antirumore delle autostrade, 46 GWh su quelle lungo le linee ferroviarie. L’eventuale realizzazione di tali impianti fotovoltaici dipende in larga misura dai costi di investimento e dalla possibilità di utilizzare la corrente così erogata per consumo proprio.

Queste mozioni, ha dichiarato la consigliera federale Simonetta Sommaruga, non sono la soluzione a tutti i problemi ma il potenziale delle pareti antirumore costituisce un piccolo contributo, non disprezzabile, rispetto al potenziale degli impianti fotovoltaici nazionale (ossia inclusi tetti e facciate degli edifici).

La ministra dell’energia e dell’ambiente è stata incalzata da domande, provenienti soprattutto dai ranghi dell’Udc. Secondo Erich Hess (Udc/Be), con l’accettazione di queste mozioni, le Ffs e l’Ustra saranno costretti a procrastinare spese urgenti e importanti per poster installare tali impianti fotovoltaici. Inoltre, se le superfici fossero messe a disposizione gratuitamente, ciò comporterebbe una distorsione del mercato.

Ma Sommaruga ha replicato che già oggi l’Ustra può mettere gratuitamente superfici a disposizione di terzi per la costruzione di impianti fotovoltaici. Inoltre, le spese per le strade e le ferrovie sono già previste nel budget, ha aggiunto. E il plenum l’ha seguita approvando a larga maggioranza i due atti parlamentari.

Favorire l’installazione di termopompe

Il Nazionale ha poi approvato una terza mozione che mira a favorire l’installazione di termopompe aria-acqua. Il progresso tecnologico fa sì che queste pompe di calore siano oggi meno rumorose, l’ordinanza contro l’inquinamento fonico (Oif) va quindi adattata, ha spiegato Roger Nordmann (Ps/Vd) a nome della commissione, citando l’esempio di Basilea Città che ha rinunciato a chiedere un permesso di costruzione per gli impianti di piccole dimensioni.

La consigliera federale Simonetta Sommaruga era in questo caso contraria: l’atto parlamentare non può essere attuato unicamente con una modifica d’ordinanza, serve una revisione della legge sulla protezione dell’ambiente (LPAmb). La ministra dell’ambiente e dell’energia vorrebbe soluzioni che possano essere implementate più rapidamente.

Le tre mozioni passano ora al Consiglio degli Stati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved