ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

I pirati (informatici) salgono sui convogli delle Ffs

L’ex regia federale è finita nel mirino degli hacker. Ma la compagnia assicura: ‘Operazioni ferroviarie e dati dei clienti non sono stati toccati’
Svizzera
3 ore

Tracce di listeria in due tipi di formaggio

Sono stati rinvenuti in diversi lotti del francese Gaperon d’Auvergne e della Tomette des Alpes
Svizzera
3 ore

Henrique Schneider da luglio alla testa dell’Usam

Cambio della guardia in vista per l’Unione svizzera delle arti e mestieri. L’attuale presidente, Hans-Ulrich Bigler, passa il testimone
Svizzera
4 ore

Anche i clienti commerciali della Posta dovranno usare SwissID

Il cambiamento, che dovrebbe avvenire entro la metà dell’anno in corso, coinvolge circa 350’000 utenti
Svizzera
5 ore

Bonus milionari se la ristrutturazione andrà in porto

Li avrebbe promessi ai suoi 500 manager Credit Suisse. Che domani annuncerà i risultati del quarto trimestre e dell’intero anno
Svizzera
5 ore

‘Brilla’ un obice ritrovato nelle acque del Reno

Il proiettile di mortaio, probabilmente risalente agli anni Novanta, era stato ritrovato non lontano dal quartiere residenziale di St. Alban
Svizzera
6 ore

Meteonews avverte: fazzoletti a portata di mano

Brutte notizie per gli allergici: il rialzo delle temperature previsto nei prossimi giorni porterà un’aumento dei pollini nell’aria
Svizzera
6 ore

‘A Iskenderun ci davano poche speranze, e invece...’

Il fiuto dei cani svizzeri per ritrovare i superstiti sotto le macerie del terremoto in Turchia. Al lavoro due squadre alternate sull’arco di 24 ore
30.05.2022 - 17:46
Aggiornamento: 18:12

Critiche alla riorganizzazione delle dogane: ‘No armi ai civili’

La commissione di sorveglianza parlamentare critica le tempistiche e le modalità della ristrutturazione e chiede che il Parlamento sia meglio informato

critiche-alla-riorganizzazione-delle-dogane-no-armi-ai-civili
Keystone

La riorganizzazione delle dogane solleva critiche. Alcune decisioni sono state prese ancor prima che la relativa legge sia stata adottata, mettendo il Parlamento di fronte al fatto compiuto. Questa la conclusione di una commissione di sorveglianza parlamentare pubblicata oggi.

L’Amministrazione federale delle dogane (AFD), recentemente rinominata Ufficio federale della dogana e della protezione dei confini (UDSC), sta attraversando una profonda trasformazione. Nel 2018 è stato lanciato il programma di semplificazione dei processi e di digitalizzazione DaziT, che sarà portato a termine nel 2026, mentre nel 2019 è stata decisa una riforma dello sviluppo organizzativo dell’unità amministrativa.

La Commissione della gestione del Consiglio degli Stati (CdG-CS) ha esaminato diversi aspetti della riorganizzazione.

Per quanto riguarda la fusione tra l’Amministrazione federale delle dogane e il Corpo delle guardie di confine, la commissione rileva che "l’UDSC e il Dipartimento federale delle finanze (DFF), anticipando la prevista revisione della legge sulle dogane, hanno preso decisioni la cui opportunità è politicamente discutibile", si legge nel rapporto.

Parlamento raggirato

La nuova organizzazione risulterebbe problematica se il Parlamento si discostasse dal progetto del Consiglio federale, che potrebbe essere necessario rivedere sotto alcuni aspetti. Per la commissione, questa situazione non deve ripetersi. La libertà del legislativo non dev’essere ostacolata da misure di riorganizzazione già in atto.

In attesa dell’entrata in vigore della nuova legge, la commissione formula due raccomandazioni. I dipendenti civili delle dogane non devono portare armi e indossare uniformi. Entro lo stesso termine non andrebbero peraltro aumentati gli effettivi del personale di sicurezza con armi e uniformi autorizzato ad accedere a dati sensibili.

Migliori informazioni alle Camere

La commissione ritiene inoltre che la portata della riorganizzazione prevista non possa essere dedotta dal messaggio del Consiglio federale sul programma DaziT trasmesso al Parlamento nel 2017. Il Consiglio federale è pertanto invitato a informare i parlamentari in modo trasparente e più dettagliato.

Per quanto riguarda il personale, la commissione osserva che il processo di trasformazione è sostenuto da una chiara maggioranza. Tuttavia, dalle audizioni con i sindacati e gli ex dipendenti è emerso che la situazione all’interno della AFD era tesa e "probabilmente è ancora almeno in parte tesa", si legge nel rapporto. Le autorità avrebbero dovuto prestare maggiore attenzione all’accompagnamento del personale.

Il Consiglio federale è invitato a prendere posizione sul rapporto entro il 23 settembre 2022.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved