luce-verde-al-salvagente-per-le-societa-elettriche
Ti-Press
Il progetto convince
ULTIME NOTIZIE Svizzera
diplomazia
6 ore

Sette princìpi e una promessa: Ucraina in pace e democratica

La Dichiarazione di Lugano convince i partecipanti e Kiev, ma il premier ucraino esagera e chiede per il suo Paese i soldi congelati degli oligarchi
Svizzera
7 ore

‘L’addio ai Tiger è prematuro’

È il parere della Commissione della politica di sicurezza del Nazionale. Per esprimersi definitivamente, invece, sugli F-35A attende ancora due rapporti
Svizzera
8 ore

Abitazioni di proprietà, prezzi salgono nonostante aumento tassi

La causa è l’offerta estremamente limitata. Aumenti soprattutto nei comuni rurali e nei centri
Svizzera
10 ore

Un dipendente su tre non vuole più andare in ufficio

Il sondaggio del portale finews.ch riguarda gli impiegati del settore finanziario
gallery
Svizzera
11 ore

A Zurigo una nuvola artificiale contro la canicola

Un grande anello in alluminio diffonde goccioline talmente piccole da non bagnare i passanti, ma che permettono di far calare la temperatura di vari gradi
Svizzera
11 ore

Salgono i casi di coronavirus, 46’025 nell’ultima settimana

Nell’arco di sette giorni il numero di nuove infezioni è salito del 39%, quello delle ospedalizzazioni del 51,7%
Svizzera
12 ore

Nuovamente percorribile la strada del Susten

Riaperto il valico tra i cantoni Uri e Berna, dopo che ieri una frana ne aveva provocato la momentanea chiusura
Svizzera
13 ore

Secondo richiamo raccomandabile, ma non prima dell’autunno

Covid, secondo booster per ora consigliato solo agli ultraottantenni e immunocompromessi. Passata l’estate, lo sarà per le persone ‘a rischio’
Svizzera
15 ore

Ha un nome il corpo ritrovato nell’Aare, a Rubigen

Formalmente identificata la salma rinvenuta il 29 giugno: si tratta di un 76enne bernese dato per disperso dopo che si era tuffato più a monte
24.05.2022 - 16:42
Aggiornamento: 17:03
Ats, a cura de laRegione

Luce verde al salvagente per le società elettriche

La maggioranza della commissione sposa il piano elaborato dal governo per sostenere le grandi aziende. Con lievi correttivi

I fornitori di elettricità devono essere in grado di acquistarla in qualsiasi momento, anche in caso di estremo e improvviso aumento dei prezzi. A pensarlo è la Commissione dell’ambiente, della pianificazione del territorio e dell’energia degli Stati (Capte-S), che sostiene il meccanismo di salvataggio per questo settore concepito dal governo. Tuttavia, vorrebbe che la cerchia dei beneficiari venisse ampliata.

Non vi sono dubbi che un tale meccanismo sia necessario: i prezzi dell’elettricità sono infatti ai massimi storici, anche a causa del conflitto in Ucraina.

Le aziende che operano in questo campo devono fornire temporaneamente importanti somme di denaro per garantire le loro transazioni. Se i prezzi continuassero a salire, rischierebbero di non poter più raccogliere i fondi necessari e di rimanere senza liquidità, è il timore della commissione. E uno scenario simile metterebbe in pericolo la sicurezza dell’approvvigionamento.

Per evitare ciò, settimana scorsa il Consiglio federale aveva trasmesso al parlamento il messaggio concernente una legge urgente per il salvataggio delle aziende elettriche di rilevanza sistemica in caso di crisi. Grazie ai 10 miliardi di franchi che verrebbero messi sul piatto, fornirebbe alle società liquidità sotto forma di prestiti entro poche ore. Tale aiuto finanziario sarà sussidiario. Le imprese dovranno prima prendere ogni ragionevole provvedimento per risolvere da sole i loro problemi di liquidità.

L’esecutivo, oltre a un tasso d’interesse conforme al mercato, ha deciso che la Confederazione riscuoterà un supplemento di rischio compreso tra il 4 e il 10%. Questa condizione è stata fissata allo scopo di stimolare le aziende a fare tutto il possibile per ottenere finanziamenti dai loro proprietari e dalle banche, in modo da ricorrere al sostegno di Berna solo in casi di estrema emergenza.

Pur approvandolo nel suo insieme per sei voti a uno (due astenuti), la Capte-S ha modificato il progetto in qualche punto. In particolare vuole allargare la cerchia dei beneficiari degli aiuti, attualmente limitata ad Alpiq, Axpo e BKW. A esse la commissione vorrebbe aggiungere le aziende di importanza sistemica per la loro rilevanza regionale, per il loro mandato di servizio universale e per la loro produzione propria.

Inoltre, la concessione di prestiti non dovrebbe influire sugli obblighi delle aziende nei confronti di Cantoni e Comuni, come nel caso delle concessioni o dei canoni per i diritti d’acqua.

Una minoranza avrebbe invece preferito rispedire il progetto di legge al governo, in quanto convinta che il meccanismo, nella sua forma attuale, metta troppo l’accento sul salvataggio delle singole imprese. A suo avviso, l’obiettivo principale del progetto dovrebbe essere quello di assicurare un approvvigionamento sicuro di energia elettrica. Le società interessate andrebbero sottoposte a una procedura di risanamento.

Il dossier verrà ora affrontato dal Consiglio degli Stati nell’ormai imminente sessione estiva, al via lunedì prossimo. Contrariamente agli auspici del governo però, non si potranno finire i lavori parlamentari sul tema in questa tornata parlamentare. Finché la legge non sarà approvata, il Consiglio federale dovrà quindi all’occorrenza ricorrere al diritto di necessità per garantire al Paese le forniture di elettricità.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aziende elettriche piano salvataggio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved