manifestarono-a-seno-nudo-per-l-8-marzo-sei-donne-prosciolte
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Horizon Europe: alcuni Stati vogliono che la Svizzera partecipi

Non si sa di preciso di quali nazioni Ue si tratti, ma Germania, Austria e Pesi Bassi hanno in passato fatto intendere di essere favorevoli
Svizzera
1 ora

Notifiche per le aziende estere, ‘cinque giorni bastano’

L’organizzazione sindacale Travail.Suisse sarebbe disposta ad accettare la riduzione del termine d’annuncio
Svizzera
6 ore

Zurigo, ripescato un cadavere dal lago: indagini in corso

La polizia ha ricevuto ieri mattina la segnalazione di un corpo che galleggiava nella zona del Bellevue e del Quaibrücke
Svizzera
6 ore

Ondata di fallimenti: bancarotte aumentate del 41%

Le aziende più colpite sono quelle attive nel ramo dei servizi. Creditreform ha confrontato il primo semestre di quest’anno con quello del 2021.
Svizzera
7 ore

Governo in vacanza, ma non mancheranno gli incontri ufficiali

Cassis sarà impegnato a New York a inizio agosto, Keller-Sutter si recherà questo mese a Praga. Parmelin sarà in Sudafrica questa settimana.
diplomazia
20 ore

Sette princìpi e una promessa: Ucraina in pace e democratica

La Dichiarazione di Lugano convince i partecipanti e Kiev, ma il premier ucraino esagera e chiede per il suo Paese i soldi congelati degli oligarchi
Svizzera
21 ore

‘L’addio ai Tiger è prematuro’

È il parere della Commissione della politica di sicurezza del Nazionale. Per esprimersi definitivamente, invece, sugli F-35A attende ancora due rapporti
Svizzera
22 ore

Abitazioni di proprietà, prezzi salgono nonostante aumento tassi

La causa è l’offerta estremamente limitata. Aumenti soprattutto nei comuni rurali e nei centri
Svizzera
1 gior

Un dipendente su tre non vuole più andare in ufficio

Il sondaggio del portale finews.ch riguarda gli impiegati del settore finanziario
gallery
Svizzera
1 gior

A Zurigo una nuvola artificiale contro la canicola

Un grande anello in alluminio diffonde goccioline talmente piccole da non bagnare i passanti, ma che permettono di far calare la temperatura di vari gradi
Svizzera
1 gior

Salgono i casi di coronavirus, 46’025 nell’ultima settimana

Nell’arco di sette giorni il numero di nuove infezioni è salito del 39%, quello delle ospedalizzazioni del 51,7%
19.05.2022 - 18:49
Aggiornamento: 19:31
Ats, a cura de laRegione

Manifestarono a seno nudo per l’8 marzo, sei donne prosciolte

Le militanti femministe erano accusate di manifestazione vietata secondo le norme Covid, disturbo alla quiete pubblica e di abbigliamento indecente

Sei militanti femministe sono state assolte oggi dal Tribunale di polizia di Losanna. Erano accusate di aver manifestato a seni nudi per le vie del capoluogo vodese durante la Giornata internazionale delle donne dell’8 marzo 2021.

Le attiviste facevano parte di un gruppo di 18 donne che avevano sfilato senza autorizzazione a Losanna, in un contesto di regole severe legate alla pandemia di Covid-19. Dopo una quindicina di minuti, erano state fermate dalla polizia che aveva chiesto loro di dichiarare la loro identità e di rivestirsi. Avevano obbedito senza resistenza prima di allontanarsi.

Tutte in seguito erano state condannate per decreto d’accusa a una multa di 360 franchi oltre a 200 franchi di spese giudiziarie. Dodici donne hanno pagato la multa, mentre sei vi si sono opposte. Sono proprio queste ultime ad essere state oggi sui banchi degli imputati del tribunale losannese.

La Prefettura di Losanna le accusava di aver partecipato a una manifestazione vietata di oltre 15 persone nello spazio pubblico, di disturbo alla quiete pubblica e di abbigliamento contrario al decoro e alla morale pubblica. Le sei donne si erano opposte proprio a quest’ultimo capo d’accusa.

Un solo capo d’accusa mantenuto

Nella sua sentenza, il presidente del Tribunale di polizia losannese, Giovanni Intignano, ha cancellato due delle accuse nei confronti delle sei attiviste, ovvero il disturbo alla quiete pubblica e l’abbigliamento indecente.

Ha mantenuto invece la condanna per il primo capo d’accusa e il pagamento delle spese giudiziarie, per un totale di 250 franchi anziché 560. Ha tuttavia sottolineato il carattere pacifico della manifestazione.

Uscendo dal tribunale le sei imputate hanno dichiarato di essere sollevate e molto contente. "Era quello che speravamo", ha detto una di loro. "Si tratta di una vittoria, il nostro obiettivo è stato raggiunto, ovvero quello di una giurisprudenza potenzialmente utilizzabile da altre donne e per altre manifestazioni", ha rilevato un’altra attivista.

‘Sessualizzazione discriminante’

Denunciando una sessualizzazione discriminante da parte delle autorità, le militanti femministe hanno nel frattempo creato un collettivo denominato "Revoltétons-nous!" (letteralmente "Rivoltettiamoci!"). L’obiettivo è duplice: raccogliere fondi per pagare le spese di giustizia, ma anche lottare contro la sessualizzazione dei corpi femminili.

"È scandaloso che durante una marcia femminista, dei torsi nudi possano venir giudicati ‘indecenti’ o ‘immorali’. Per questo motivo ci opponiamo a questa decisione, con l’obiettivo di fare giurisprudenza, e di potenzialmente poter partecipare legalmente a manifestazioni femministe a seni e torsi nudi", avevano rivendicato prima del processo.

La loro difesa era garantita da cinque avvocate e un avvocato. I difensori ritenevano in particolare che non vi fosse stato un comportamento indecente e chiedevano pertanto il proscioglimento delle sei imputate. Il loro corteo era "privo di ogni carattere sessuale", ha detto durante l’udienza una delle avvocate. "Non ci si riproduce infatti marciando a torso nudo", ha aggiunto.

Regolamento di polizia

La difesa ha pure invocato il diritto alla vita privata e all’espressione della propria personalità. Ha ricordato che si trattava di un impegno politico durante un avvenimento puntuale, ovvero la Giornata internazionale dei diritti delle donne, che le attiviste non erano completamente nude e che non avevano mostrato le loro parti genitali.

Una delle avvocate ha sottolineato come i veri colpevoli fossero invece i curiosi che si erano fermati per guardare le donne a seni nudi e pure per filmarle. Ha pure rilevato l’aspetto discriminatorio del Regolamento della polizia del comune di Losanna sull’abbigliamento, che "non è neutrale" e "prende di mira le donne". "Un uomo non si vedrebbe infliggere le stesse sanzioni di una donna se manifestasse a torso nudo", ha aggiunto.

Alla fine, il tribunale le ha dato ragione, prosciogliendo le imputate dai capi d’accusa più controversi, che la difesa aveva giudicato senza fondamento giuridico e sproporzionati.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
losanna militanti femministe
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved