politica-europea-il-consiglio-federale-ci-consulti
Keystone
Svizzera e Ue si studiano ancora dopo la rottura dei negoziati sull’accordo quadro (nella foto, il presidente della Confederazione Ignazio Cassis)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
50 min

Metà delle economie domestiche svizzera è indebitata

Leasing dell’auto e bollette non pagate (un nucleo famigliare su sei ne è stato confrontato) in cima alla classifica delle tipologie
Svizzera
57 min

Detenuto rinvenuto morto nel carcere di Liestal

Dai primi accertamenti non dovrebbe esserci stato coinvolgimento di terzi. L’uomo, 30enne, era sospettato di omicidio
Svizzera
1 ora

C’è rischio di caduta: amaca ritirata dal mercato

Problemi alle cuciture intermedie delle cinghie per i set del modello ‘Rewind’, venduti da Coop tra l’8 marzo e il 17 giugno
Svizzera
1 ora

Nuovo balzo in avanti dell’inflazione: +3,4% in giugno

In crescita pure i prezzi al consumo. Fra le cause l’incremento di carburanti, olio e ortaggi; in controtendenza vini rossi e insalate
Svizzera
2 ore

Rischia di annegare nelle acque del Lago di Poschiavo

Grave infortunio balneare sabato pomeriggio: protagonista un 54enne italiano, rianimato sul posto e poi elitrasportato a Coira
Svizzera
3 ore

Nottata ‘illuminata’ da oltre 9’000 fulmini in Svizzera

Temporali e forte vento in tutto il Paese. Le raffiche più forti sono state misurate sul Weissfluhjoch, con 111 km/h
Svizzera
3 ore

‘Prima di pensare all’Europa si pensi ai problemi interni’

Lo pensa il presidente dell’Alleanza del Centro Gerhard Pfister, secondo cui ‘le discussioni con l’Ue sembrano già condurre a un’altra impasse
Svizzera
14 ore

Scoperto un pipistrello con la rabbia nel canton Berna

La Svizzera è attualmente, tranne in questo caso, esente dalla malattia, sia negli animali domestici che in quelli selvatici
17.05.2022 - 16:37
Aggiornamento: 17:00
Ats, a cura de laRegione

Politica europea, ‘il Consiglio federale ci consulti’

La Commissione della politica estera del Consiglio degli Stati esige un coinvolgimento formale nelle decisioni governative riguardanti l’Ue

Berna – Essere coinvolta nelle decisioni del Consiglio federale sull’Unione europea. È quanto chiede la Commissione della politica estera degli Stati (Cpe-S), dopo aver sentito tra gli altri il presidente della Confederazione Ignazio Cassis e l’ambasciatore Petros Mavromichalis, capo della Delegazione dell’Ue per la Svizzera.

Alla discussione con Cassis sullo stato dei colloqui esplorativi con la Commissione europea era presente pure la segretaria di Stato del Dipartimento degli affari esteri (Dfae) Livia Leu, indicano in una nota odierna i servizi del Parlamento.

Delusione

Il capo del Dfae ha ribadito che finora sono stati condotti due colloqui esplorativi in merito alle proposte del Consiglio federale per un nuovo pacchetto negoziale. I membri della Cpe-S erano interessati in particolare al tipo di classificazione attribuito alla lettera inviata dal rappresentante della Commissione Ue alla segretaria di Stato Leu e divenuta di dominio pubblico la scorsa settimana.

La commissione si è detta delusa dello stato della procedura e ha pertanto deciso all’unanimità di esigere che, dopo i colloqui esplorativi, il Governo la consulti formalmente come previsto dall’art. 152 della legge sul Parlamento, precisa il comunicato.

All’ambasciatore Mavromichalis, la commissione ha invece chiesto informazioni circa la posizione dell’Ue nei vari accordi di accesso al mercato. Ha inoltre approfondito le condizioni per l’avvio di colloqui intesi ad associare la Svizzera al programma quadro di ricerca Orizzonte Europa.

Recenti sviluppi in Ucraina

Con il presidente della Confederazione la Cpe-S ha pure discusso dei recenti sviluppi in Ucraina. In tale contesto ha potuto chiarire la situazione geopolitica e strategica, come pure delineare i futuri scenari per la difesa del continente europeo e della Svizzera, precisano i servizi parlamentari.

In primo luogo, sono stati approfonditi gli elementi della nuova architettura di sicurezza europea, il futuro del partenariato per la pace nonché la protezione degli impianti nucleari. Ha inoltre tematizzato l’eventuale adesione della Svezia e della Finlandia alla Nato e le conseguenze di un simile passo per la loro neutralità. Ha altresì trattato temi umanitari, ad esempio la visita ai prigionieri russi e ucraini da parte del Comitato internazionale della Croce rossa (Cicr).

Sanzioni

La Cpe-S ha inoltre discusso con il consigliere federale Guy Parmelin, capo del Dipartimento federale dell’economia (Dfe), della politica svizzera in materia di sanzioni contro la Russia e della compatibilità con il diritto vigente e la politica della neutralità. La commissione è stata infine informata sulla strategia europea in materia di sanzioni, sulla sua attuazione in Svizzera e sulle differenze attuative nei singoli Paesi, conclude la nota.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
commissione consiglio federale consultazione politica estera ue
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved