ULTIME NOTIZIE Svizzera
le mosse nell’udc
27 min

Stamm Hurter apre a una candidatura per il dopo-Maurer

È consigliera di Stato nel Canton Sciaffusa. Gregor Rutz, interpellato sullo stesso argomento, invece si tira indietro: era considerato tra i favoriti
Svizzera
3 ore

Negli impianti di risalita... saliranno anche i prezzi

Previsti aumenti ‘moderati’. Resta anche la sfida del reclutamento del personale
Svizzera
4 ore

Riuscita l’iniziativa per l’imposizione individuale dei coniugi

I promotori chiedono una tassazione separata allo stesso modo dei conviventi. Ma è già allo studio il progetto del Consiglio federale
Svizzera
4 ore

A sciare in elicottero: e scatta il ‘Sasso del Diavolo’

Il premio per il trasporto più insensato va all’offerta ‘Heliski’ di Swiss Helicopter. I più virtuosi? Un’azienda che produce case sostenibili in legno
Svizzera
5 ore

La distrazione al volante fa 60 morti e 1’100 feriti ogni anno

L’uso del telefono è la principale causa di disattenzione alla guida fra i giovani. L’Ufficio prevenzione infortuni lancia una campagna
Svizzera
5 ore

Fornitura di gas, se la solidarietà fra vicini (forse) non c’è

La Svizzera non sarebbe un partner interessante per la Germania, poiché non dispone di riserve sul proprio territorio
Svizzera
6 ore

Se la coda in autostrada fa perdere tempo e... soldi

Ammontano a tre miliardi di franchi i costi causati dai ritardi dovuti al traffico; a dirlo l’Ufficio federale dello sviluppo territoriale
Svizzera
9 ore

Il passaggio alle nuove polizze con QR è filato liscio

La Posta segnala pochi disagi. In molti hanno pagato le fatture nell’ultimo giorno di validità delle vecchie polizze
Svizzera
10 ore

Casse malati care, ma si risparmia con i giusti accorgimenti

Cambiare assicurazione, modificare la franchigia o scegliere un altro modello di cure può attenuare l’annunciato aumento dei premi
Svizzera
10 ore

Comprare casa costa sempre di più, nonostante i tassi all’insù

Il mercato rimane dominato dalla robusta domanda di alloggio e dall’offerta tuttora limitata
rincari
22 ore

Rallenta l’inflazione in Svizzera: +3,3%

I dati di settembre fanno segnare un lieve calo rispetto ad agosto. È la prima volta che accade dopo 20 mesi consecutivi di numeri in crescita o stabili
Svizzera
23 ore

Traffico sulla A13 e la A28, niente ‘bacchetta magica’

Il problema del traffico turistico di aggiramento sulle due arterie grigionesi impone una strategia sovracantonale
Svizzera
1 gior

Tentata rapina a mano armata a Crans Montana

Preso di mira, poco prima delle 6, un negozio del centro. È caccia ai malviventi (due) in Vallese
Svizzera
1 gior

Cresce il numero di persone con livello d’istruzione terziario

Tra i 25-34enni nell’arco di vent’anni la quota è raddoppiata: nel 2021 uno su due aveva conseguito un diploma corrispondente
06.05.2022 - 19:29
Aggiornamento: 19:53

‘Servono riforme per rallentare la corsa dei costi della salute’

La ricetta di curafutura prevede anche un intervento sulla spesa per i farmaci: ‘Incentivare la prescrizione di quelli generici o biosimilari’

di Generoso Chiaradonna
servono-riforme-per-rallentare-la-corsa-dei-costi-della-salute
Ti-Press
È la seconda voce di spesa al capitolo sanità

La fattura dei costi della salute sale ogni anno. Nel 2021 sono cresciuti del 5,1% (statistica Mokke, ndr) e anche quest’anno, dopo la tregua del 2020, non sfuggirà alla regola degli aumenti che in media sono stati del 2,5% negli ultimi dieci anni. C’è chi parla di premi al rialzo per il 2023 tra il 5 e oltre il 10% per molti (comparis.ch). Cifre che fanno riflettere e che richiedono riforme urgenti, se non per invertire la tendenza al rialzo, almeno per moderare l’aumento della spesa per la salute e di conseguenza i premi LaMal. Premi che per legge devono coprire i costi.

Di possibili riforme si è parlato ieri durante un incontro stampa promosso da curafutura, una delle due organizzazioni nazionali che rappresentano gli interessi degli assicuratori malattia.

Degli oltre 4mila franchi di spesa pro capite a livello svizzero, oltre il 42% è dovuto alle prestazioni mediche ambulatoriali, comprese quelle somministrate in ambito ospedaliero. La stessa dinamica, per quanto riguarda le prestazioni ambulatoriali, la si registra in Ticino, che a differenza del resto della Svizzera l’anno scorso ha fatto registrare un aumento dei costi – sempre stando alla statistica Mokke – del 9% con un costo pro capite sanitario di poco più di 5mila franchi. La voce di spesa con l’aumento maggiore – ha spiegato Céline Antonini, responsabile di curafutura per la Svizzera italiana – è quella per le prestazioni di fisioterapia che pur rappresentando una quota piccola della spesa sanitaria pro capite (il 4,6% in Ticino e il 3,6% a livello nazionale), nel solo 2021 è aumentata del 26,3% in Ticino e del 17,7% nel resto della Svizzera.

In una situazione in cui i costi della salute in generale tendono ad aumentare, le proposte per frenare i costi si moltiplicano. Tra queste l’iniziativa popolare dell’Alleanza di Centro denominata per ‘Premi più bassi - Freno ai costi nel settore sanitario’. Proposta che il Consiglio federale giudica troppo rigida e a cui contrappone un controprogetto (il messaggio è del novembre del 2021). L’idea è di fissare annualmente un obiettivo per la crescita massima dei costi complessivi a livello nazionale. Il Consiglio nazionale ne discuterà a giugno.

Curafutura, come ha spiegato Céline Antonini, è contraria sia all’iniziativa, sia al controprogetto. «Così come è formulato, il controprogetto sarebbe troppo dispendioso dal punto di vista amministrativo. Inoltre, c’è il rischio di un razionamento delle cure e di agire non solo sulle spese non necessarie, ma su tutte». Per curafutura prioritario è concludere riforme in cantiere da tempo e a uno stadio di elaborazione più avanzata, come l’uniformizzazione del finanziamento, tra casse malati ed ente pubblico, delle cure stazionarie e di quelle ambulatoriali (il cosiddetto Efas); il Tardoc, il nuovo tariffario che dovrebbe sostituire il Tarmed; oppure intervenendo sul margine di guadagno sui medicamenti.

E proprio i farmaci sono la seconda voce di spesa più elevata tra i costi della salute in ambito LAMal: il 22%, e in crescita costante da anni. Al primo posto troviamo le cure ambulatoriali (22,3%), mentre al terzo quelle stazionarie (il 20,1%). Nell’assicurazione di base la spesa annua per i farmaci nel 2021 era di 7,8 miliardi di franchi. Nel 2014, a titolo di paragone, aveva raggiunto i 5,3 miliardi di franchi. Il peso maggiore in questo ambito è dato dai farmaci oncologici, con progressioni di oltre il 15% nel solo ultimo anno (2,5 miliardi di franchi).

La ricetta di curafutura per moderare questa spesa? Sono tre i suggerimenti: considerare la frequenza di prescrizione di un singolo farmaco. «Se un farmaco è venduto frequentemente, allora il prezzo dovrebbe di conseguenza diminuire», spiega Antonini. Uno studio del 2020 ha concluso che con una tale misura si potrebbero risparmiare almeno 240 milioni l’anno. E questo solo per i 20 farmaci che rappresentano la spesa maggiore nell’assicurazione di base. Altri centinaia di milioni di franchi l’anno potrebbero essere risparmiati fissando dei margini di retribuzione per i farmacisti neutrali rispetto al prezzo dei farmaci. «In questo modo si incentiverebbe la prescrizione di medicamenti meno cari, ma ugualmente efficaci (generici o biosimilari) permettendo lo stesso guadagno ai farmacisti», continua Céline Antonini. Infine, si potrebbe estendere il diritto di ricorso contro i prezzi stabiliti dall’Ufficio federale della sanità pubblica anche agli assicuratori e non solo all’industria farmaceutica. «Il sistema in vigore porta ad avere ricorsi solo se il prezzo è troppo basso, non se è troppo alto», conclude Antonini.

«Queste sono solo alcune delle misure che proponiamo per cercare di rendere sostenibile, dal punto di vista finanziario, ma anche dell’accesso alle cure, il sistema sanitario svizzero», commenta da parte sua Pius Zängerle. «Il nostro obiettivo è quello di avere un volume di premi che rimanga il più possibile stabile e che nel contempo permetta lo sviluppo di una medicina di qualità», conclude il direttore di curafutura.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved