ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Mattarella auspica Berna in programmi europei di ricerca

Per il presidente italiano ‘una collaborazione che si inserisce nel più ampio contesto europeo e contribuisce allo sviluppo del nostro continente’
Svizzera
7 ore

Sulla protezione della biodiversità la Svizzera è indietro

La Confederazione è all’ultimo posto in Europa: dal 2012 nessuna zona è stata inserita nella rete paneuropea di aree protette ‘Smeraldo’
Svizzera
8 ore

Tetto massimo ai premi di cassa malati, non se ne parla

Il Consiglio degli Stati ha respinto l’entrata in materia sulla proposta socialista di limitare i premi al 10% del reddito disponibile
Svizzera
9 ore

Cercasi mangiatori di plastica nei suoli alpini

L’Istituto federale di ricerca sulla foresta, la neve e il paesaggio ne ha analizzato la possibilità: scoperti organismi sensibili
Successione Sommaruga-Maurer
23 ore

I partiti mantengono un profilo basso

A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto
Svizzera
23 ore

Sergio Mattarella accolto con gli onori militari

Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
1 gior

Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone

La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
1 gior

Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’

La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
03.05.2022 - 20:21

Meno aiuti sociali per cittadini extra Ue? Proposta mal accolta

Non convince affatto l’avamprogetto del Consiglio federale. Solo Udc e Alleanza del Centro lo sostengono.

Ats, a cura de laRegione
meno-aiuti-sociali-per-cittadini-extra-ue-proposta-mal-accolta
Keystone
Consultazione terminata

Berna – A causa dei costi crescenti il Consiglio federale vuole tagliare gli aiuti sociali per gli stranieri provenienti Paesi esterni all’Unione europea (Ue) e all’Associazione europea di libero scambio (Aels). La proposta ha però trovato una notevole opposizione in procedura di consultazione, soprattutto perché si andrebbero a toccare famiglie con bambini. Solo UDC e Alleanza del Centro sostengono il testo governativo.

Le modifiche proposte dall’esecutivo riguardano la Legge federale sugli stranieri e la loro integrazione (LStrl) e la procedura di consultazione scade oggi.

L’idea è quella di abbassare le prestazioni dei primi tre anni di permanenza in Svizzera. Inoltre, bisognerebbe incentivare maggiormente lo svolgimento di una formazione. Oltre a questo, le nuove norme vogliono prendere maggiormente in considerazione il livello di integrazione nella Confederazione.

Tagli "fuori dal mondo"

Come accennato, durante la consultazione quasi tutte le parti interessati hanno reagito negativamente. PS, Verdi e Verdi liberali si oppongono alla visione discriminatoria di persone da Paesi terzi che ricevono aiuti sociali, casi che spesso riguardano famiglie monoparentali con bambini. Abbassare gli aiuti per ottenere una maggiore integrazione viene definito fuori dal mondo, oltre che cinico, sottolineano in particolare socialisti ed ecologisti.

Oltretutto si parla di pochissimi casi, quindi il potenziale di risparmio sarebbe di circa tre milioni di franchi. Come se non bastasse, gli aiuti fuori dal settore asilo sono di competenza dei Cantoni.

UDC: servono più misure

UDC e Alleanza del Centro accolgono invece favorevolmente le proposte del governo. Secondo i democentristi l’aumento dei costi in ambito sociale è da ricondurre a persone con passato migratorio. Proprio per questo sono necessarie misure ancora più restrittive.

Il Centro si dice d’accordo con le misure, a condizione che si limitino ai primi tre anni di permanenza. Il PLR ha invece chiesto un prolungamento fino al 9 maggio per consegnare la sua risposta sul tema.

Competenze cantonali

La Conferenza dei direttori cantonali delle opere sociali (CDOS) valuta dal canto suo l’intervento del Consiglio federale come problematico, poiché si immischia in competenza chiaramente cantonali. Oltre a questo, crea un trattamento iniquo e rende più difficile l’integrazione.

L’Associazione dei Comuni svizzeri dubita della reale efficacia della proposta, e anche della sua costituzionalità. I risparmi per Cantoni e Comuni non dovrebbero poi risultare particolarmente rilevanti.

Contro risparmi "ai danni dei più poveri" si schiera infine l’Unione sindacale svizzera (USS). La prevista modifica viola a loro dire l’uguaglianza delle persone davanti alla legge così come il diritto all’aiuto in caso di bisogno. Il criterio di integrazione è poi difficile da verificare.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved