ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
15 ore

In autostrada al massimo a 100 all’ora

È la proposta lanciata dall’Associazione traffico e ambiente per diminuire i consumi energetici
Svizzera
16 ore

Il Parlamento converge... sul solare

Da sabato sarà obbligatorio installare pannelli fotovoltaici sui grandi edifici di nuova costruzione
Svizzera
16 ore

Aborto: 20 anni di regime dei termini

Due decenni fa veniva concessa, in tutti i cantoni, l’interruzione di gravidanza. Presente ai festeggiamenti anche Karin Keller-Sutter.
Svizzera
17 ore

Premi di cassa malati, in Ticino l’aumento sarà del 9,2%

A livello nazionale invece il rincaro sarà pari allo 6,6%.
Svizzera
18 ore

Per i piloti di Swiss mediazione ‘inutile’. Verso lo sciopero.

Nella discussione per il nuovo contratto collettivo di lavoro le maestranze chiedono un incontro con i vertici
Svizzera
19 ore

Vittime di violenza: necessari centri di prima assistenza

La necessità di garantire la documentazione e il rilevamento delle tracce da parte di un medico legale senza obbligo di sporgere denuncia
Svizzera
21 ore

Si prospettano lunghe attese per il pediatra

Due i fattori: la penuria di personale e la scelta dei genitori di recarsi direttamente al Pronto soccorso, senza consultare prima il medico di base
Svizzera
23 ore

Premi di cassa malati, previsti forti aumenti in Ticino

Oggi alle 14 ci sarà l’annuncio del ministro della Sanità Alain Berset
Svizzera
1 gior

Più soldi nel portamonete dei pensionati in Svizzera

Il Parlamento chiede un adeguamento integrale delle rendite Avs all’inflazione. Niente da fare per l’aumento dei sussidi di cassa malati.
Svizzera
1 gior

Offensiva solare, obbligo pannelli solo per edifici grandi

La Camera del popolo ha deciso di limitare tale vincolo alle strutture che occupano una superficie al suolo superiore a 300 metri quadrati
Svizzera
1 gior

‘No’ definitivo alla privatizzazione di PostFinance

Lo ha decretato il Consiglio nazionale bocciando senza opposizioni un progetto di revisione legislativa del governo sull’organizzazione della Posta
Ecuador
1 gior

Affonda barca alle Galapagos, svizzeri a bordo: vi sono morti

Secondo le autorità, quattro persone sono decedute e altre quattro risultano disperse: nessuna indicazione per ora sulla sorte dei cittadini elvetici
Svizzera
1 gior

Piano salvataggio aziende elettriche, eliminate divergenze

Il Consiglio federale ha redatto un progetto di legge così da equipaggiarsi precauzionalmente contro un eventuale collasso del sistema
Svizzera
1 gior

Allarme per le piccole medie imprese: ‘Bollette sestuplicate’

Preoccupazione per l’associazione di categoria attiva nell’industria delle macchine, elettrotecnica e metallurgica
Svizzera
1 gior

Sei indebitato? Avrai (forse) una seconda chance

Chiesti miglioramenti sul progetto di legge del Consiglio federale che mira a sostenere le persone in difficoltà finanziarie
Svizzera
1 gior

Le donne contro la riforma Avs: in centinaia a Berna

La manifestazione indetta dalle donne socialiste e dalle co-presidenti della sezione femminile del partito. Annunciato sciopero per il 14 giugno 2023
Svizzera
1 gior

Ecco come hanno votato gli italiani in Svizzera

Il Partito democratico perde la leadership dei voti di lista, ma il risultato a livello di coalizione presenta alcune sorprese rispetto al voto in Italia
Svizzera
1 gior

I faggi precocemente ingialliti sono destinati a morire presto

Secondo uno studio del Wsl, gli alberi su terreni secchi che perdono presto le foglie non si riprendono negli anni successivi
Svizzera
2 gior

‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’

A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
02.05.2022 - 15:44
Aggiornamento: 16:13

Con la pandemia si sono moltiplicate le minacce alle autorità

Pubblicato il rapporto di attività 2021 di Fedpol. Presi di mira consiglieri federali, parlamentari e alti funzionari della Confederazione

Ats, a cura de laRegione
con-la-pandemia-si-sono-moltiplicate-le-minacce-alle-autorita
Keystone
Ottobre 2021: agenti della Polizia federale e della Polizia cantonale bernese presidiano l’entrata di Palazzo federale

Berna – Con lo scoppio della pandemia di Covid-19 e l’adozione di misure di protezione volte ad arginare la diffusione del coronavirus, sono cresciute anche le minacce nei confronti delle autorità. È quanto constatato dall’Ufficio federale di polizia (Fedpol) nel suo rapporto d’attività per il 2021, in cui si precisa che le minacce non hanno risparmiato nessuno: consiglieri federali, giudici e membri del parlamento nazionale.

Nel biennio 2020-2021, il numero di minacce segnalate e anche effettive è aumentato bruscamente. Mentre nel 2019 ci sono state 246 segnalazioni e 18 minacce effettive, nel 2020 ne sono state registrate, rispettivamente, 885 e 64.

Libero sfogo alla rabbia

Fedpol collega l’aumento di queste manifestazioni di insofferenza alle misure di protezione adottate dalle autorità durante la pandemia per arginare la propagazione del virus, i casi di malattia e i decessi. Fotomontaggi con immagini crude o altre minacce sono stati postati sulle reti sociali o inviati per e-mail.

Utilizzando talvolta anche un linguaggio volgare, i mittenti prendevano di mira i politici e, in definitiva, la società e la democrazia, secondo Fedpol. Con l’arrivo della pandemia è come se si fosse rotta una diga: vi sono persone che non riescono a controllare la propria rabbia lasciando che essa si sfoghi sui tasti del computer.

Fedpol può reagire a dichiarazioni giudicate particolarmente ingiuriose o aggressive contattando il mittente e rendendolo attento sul rischio di inoltrarsi in un terreno minato che potrebbe avere anche conseguenze penali. Chiunque sia minacciato o si senta minacciato può presentare denuncia penale. In caso di reati ufficiali come la coazione, l’incitamento all’odio o l’incitamento alla violenza, Fedpol indaga d’ufficio e presenta una denuncia al Ministero pubblico della Confederazione. L’anno scorso, 120 casi di minacce sono stati segnalati alla Procura federale.

Per la ricerca di minacce o inviti all’azione sulle reti sociali e nei siti web, Fedpol ha istituito nel 2021 la task force "Cymon" – acronimo per Cyber Monitoring. Solo da metà settembre alla fine dell’anno, il gruppo ha elaborato fino a 4’000 messaggi ogni giorno. Il numero di minacce variava sensibilmente a seconda del momento. All’annuncio di nuove misure contro il Covid-19, le minacce salivano alle stelle. Anche il referendum contro la Legge Covid-19 in novembre ha registrato un picco. Per fortuna non tutte le minacce si sono rivelate pericolose, anche se secondo Fedpol non bisogna dimenticare l’effetto d’imitazione.

Divieti d’ingresso

L’anno passato, Fedpol ha anche disposto un maggior numero di divieti d’ingresso – contro, tra gli altri, diversi mafiosi – nel quadro della lotta contro il crimine organizzato e lo spionaggio (187 divieti rispetto ai 167 del 2020). Venticinque divieti riguardavano persone legate alla criminalità organizzata, generalmente la mafia (rispetto ai quattro del 2020). Settanta persone sono state allontanate per sospetta attività di spionaggio, rispetto alle 19 dell’anno precedente.

Al contrario, i divieti legati al terrorismo sono scesi a 92 l’anno scorso da 144 nel 2020. Per quanto riguarda le espulsioni, ne sono state ordinate due per terrorismo nel 2021. Su un totale di 28 espulsioni dal 2016, 26 riguardavano questa fattispecie di reato.

Stando a Fedpol, quando viene decisa un’espulsione ciò non significa che essa verrà eseguita immediatamente. Entro la fine del 2021, erano pendenti ancora dieci espulsioni. I motivi? Il rispetto del principio di non respingimento in un Paese dove la vita dell’interessato sarebbe in pericolo o una pena detentiva pendente.

Pedocriminalità in aumento

Fra i fenomeni che hanno occupato maggiormente Fedpol nel 2021 figura anche la pedocriminalità, fenomeno che ha generato l’anno scorso ben 7’176 segnalazioni dall’organizzazione privata americana National Center for missing and exploited children (NCMEC).

Grazie alla collaborazione con privati e fornitori di servizi elettronici, NCMEC raccoglie milioni di segnalazioni di contenuti illegali secondo la legge vigente negli Stati Uniti. Se una di queste segnalazioni riguarda la Svizzera, il file viene inviato a Fedpol per l’analisi. Dopo aver esaminato se i contenuti condivisi fossero da considerarsi illegali anche secondo il diritto elvetico, gli agenti hanno trasmesso 1’399 segnalazioni alle autorità cantonali di perseguimento penale. Si tratta di un incremento del 4% rispetto al 2020.

Bancomat, furti col botto

Oltre alle minacce e alla pedocriminalità, a destare preoccupazione fra gli inquirenti è l’uso sempre più frequente di esplosivo per derubare i bancomat. Secondo il rapporto annuale di Fedpol, i casi in cui sono stati usati esplosivi o gas si sono verificati in undici cantoni. Tranne alcuni episodi, i colpi si verificano solitamente in zone vicine ai confini. La Svizzera orientale e la grande Zurigo sono state le aree più colpite da questo fenomeno.

Nel 2019 e nel 2020, la maggior parte dei bancomat veniva ancora aperta con del gas pompato nel bancomat. L’anno scorso l’evoluzione, in negativo: sono stati usati esplosivi in 17 casi e il gas in altre sette esplosioni (24 in totale).

In altri 21 casi, gli autori hanno fatto capo ad altre tecniche per saccheggiare i bancomat; si va dalla manipolazione elettronica a speronamenti compiuti con un veicolo utilizzato come ariete.

Rischio per i residenti

Fedpol fa notare che l’uso di esplosivi non solo causa danni ingenti, ma mette a rischio l’incolumità delle persone, in particolare i residenti e le persone che potrebbero trovarsi nei paraggi, nonché i servizi di emergenza.

Le autorità hanno infatti rinvenuto sui luoghi teatro di simili atti anche cariche inesplose. Benché le bande, i loro metodi e il comportamento di fuga siano noti, la ricerca e le indagini si rivelano complicate, secondo Fedpol. Spesso, poco prima di compiere il furto, i criminali usano auto rubate con targhe false oppure si spostano a bordo di vetture senza targhe, attraversando deliberatamente i confini nazionali e facendo attenzione a non lasciare tracce biologiche sulla scena del crimine.

Secondo Fedpol, ci sono molti indizi secondo i quali gli autori utilizzerebbero basi all’estero per preparare i colpi in Svizzera. Tuttavia, grazie agli scambi di informazioni a livello internazionali e intercantonale, le indagini e gli arresti di simili malfattori stanno diventando più frequenti. Alla fine del 2021, quattro sospetti sono stati fermati a Bartenheim, in Alsazia (F).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved