ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
10 ore

L’onere normativo a carico delle imprese va ridotto

Lo sostiene il Consiglio federale, che ha adottato un progetto di legge a destinazione del Parlamento
Svizzera
11 ore

Stati, Mathilde Crevoisier Crelier al posto di Baume-Schneider

La socialista, municipale di Porrentruy, ha annunciato oggi al governo del canton Giura di aver accettato la nomina.
Svizzera
14 ore

Con la Ue la via bilaterale resta la più vantaggiosa

È la conclusione a cui giunge la bozza del rapporto sul tema Confederazione elvetica-Unione europea adottato dal Consiglio federale
Svizzera
16 ore

‘Per favorire la sicurezza si tolgano le strisce pedonali’

Fa discutere l’indicazione dell’Upi, secondo cui in una strada del comune di Hünenberg (Zg) vanno tolte le strisce gialle: ‘Lì son troppo pericolose’
Svizzera
16 ore

Riforma Avs21: dal 2025 aumenterà l’età pensionabile delle donne

A partire dal 1° gennaio 2024 invece vi sarà l’aumento dell’Iva per finanziare la riforma
Svizzera
18 ore

Sergio Ermotti nel Cda di Innosuisse

L’ex Ceo di Ubs è stato nominato oggi dal Consiglio federale ed entrerà in carica dal primo gennaio
Svizzera
18 ore

Sorpasso a destra, non si rischia più la patente

Il ritiro resta possibile, ma non è più automatico: il Tribunale federale applica per la prima volta la nuova prassi
Svizzera
19 ore

‘L’iniziativa anti-vaccini va respinta’

A ribadirlo il governo. Se approvata, questa causerebbe un’incertezza del diritto in diversi settori. Inoltre a oggi non vi è un obbligo vaccinale
Svizzera
21 ore

La casetta in campagna sì... ma vicino a una città

Metà degli intervistati da Comparis dichiara di voler vivere in campagna, mentre solo un quarto preferisce le città. I ticinesi i più restii a spostarsi
Svizzera
22 ore

Secondo tunnel del San Gottardo: potenziale presenza di amianto

Nel frattempo sono state prese misure per proteggere i lavoratori e la popolazione, ha indicato oggi l’Ufficio federale delle strade
Svizzera
23 ore

Svizzera romanda in ‘bianco’, ecco le prime nevicate in pianura

Secondo MeteoNews, fino a domenica sono previsti tra i 5 e i 15 centimetri di neve in pianura e tra i 10 e i 50 centimetri in montagna
Svizzera
1 gior

Regolazione del lupo, Regazzi: ‘Era ora’, Gysin: ‘Andati oltre’

La modifica della legge federale sulla caccia permetterà ‘abbattimenti preventivi’. A Palazzo federale un dibattito acceso e opinioni agli antipodi
Svizzera
1 gior

Pensioni: novembre dal rendimento positivo, ma non nel 2022

Sarà difficile recuperare il rendimento negativo accumulato nei primi undici mesi. Dal 2006 solo tre anni con segno più
Svizzera
1 gior

Consiglio federale, la ripartizione dei dipartimenti

Ambiente, energia e comunicazioni ad Albert Rösti, Giustizia e polizia per Elisabeth Baume-Schneider
Svizzera
1 gior

Baume-Schneider, Rösti: l’en plein delle Franches-Montagnes

La regione della consigliera federale eletta esce due volte vincitrice. La ‘Question jurassienne’? Il bernese dice che lui l’aveva già chiusa
28.04.2022 - 15:38

Il Ticino uno dei cantoni più accoglienti per i profughi ucraini

Lo ha dichiarato il capo dello stato maggiore di crisi della Segreteria di Stato della migrazione. Il Ticino accoglie oltre 800 rifugiati più del previsto

Ats, a cura de laRegione
il-ticino-uno-dei-cantoni-piu-accoglienti-per-i-profughi-ucraini
Ti-Press

Il Ticino è uno dei cantoni più accoglienti per i rifugiati in fuga dall’Ucraina. Lo ha detto oggi a Berna David Keller, capo dello stato maggiore di crisi in seno alla Segreteria di Stato della migrazione (Sem), spiegando che dal Sud delle Alpi sono arrivati molti segnali positivi in termini di solidarietà. Le persone in cerca di protezione attribuite sinora al Ticino sono 2’577, sebbene in termini di ripartizione ideale siano previsti 1’701 rifugiati, secondo quanto indica la tabella sull’attribuzione cantonale di persone con statuto di protezione S. Sono oltre 800 in più del previsto, ha spiegato il funzionario della Sem.

A oggi 43’014 rifugiati registrati in Svizzera

Attualmente nei centri federali d’asilo sono occupati circa 5’000 degli oltre 9’000 posti di alloggio, ha detto Keller basandosi su un documento della stessa Sem, nel quale viene precisato che attualmente sono tra 500 e 1’000 le persone che ogni giorno si fanno registrare in queste strutture. Stando alla Sem, anche i Cantoni dispongono al momento di un numero sufficiente di posti di alloggio e di riserve per accogliere le persone con statuto di protezione S attribuite loro dalla Confederazione. A oggi, secondo i dati forniti dalla Sem su Twitter, ci sono 43’014 rifugiati registrati, di cui 35’928 hanno ottenuto lo status S.

Squilibri cantonali saranno corretti

Rispetto ai sopracitati squilibri fra cantoni, Keller ha fatto anche l’esempio di Appenzello Esterno, che dovrebbe accogliere 268 persone e invece ne ospita attualmente 556. I cantoni romandi sono invece meno attivi ma ciò verrà corretto nelle prossime settimane. Lo Stato maggiore Asilo (Sonas) ha accolto con favore il ritorno – da lunedì – all’assegnazione cantonale proporzionale alla popolazione dei rifugiati dall’Ucraina. In questo modo, ha spiegato Keller, sarà possibile compensare gradualmente gli squilibri venutisi a creare. La quota proporzionale alla popolazione secondo la chiave di ripartizione in Ticino si attesta al 4% e nei Grigioni al 2,3%. Il Canton Zurigo ha la quota maggiore (17,9%), seguito da Berna (12%), Vaud (9,4%) e Argovia (8,0%).

La nuova prassi non ha comunque effetto retroattivo e dunque le persone che sono già state registrate e attribuite a un Cantone potranno rimanervi. Attualmente, otto cantoni (Ag, Fr, Ge, Lu, Ne, Sg, Vd, Vs) accolgono decisamente meno persone di quanto dovrebbero. Leggermente in negativo – ma nell’ordine di poche decine – anche Grigioni, Glarona, Obvaldo, Soletta, Uri e Zurigo.

Barriera linguistica

I rifugiati ucraini sono "relativamente ben qualificati", ha detto dal canto suo Philipp Berger, a capo della sezione Ammissione al mercato del lavoro della Sem, citando una scheda sulla valutazione delle qualifiche professionali. Tuttavia, non tutti riusciranno a ottenere un lavoro corrispondente alla loro formazione e alle loro qualifiche. Tra i fattori viene citata ad esempio la barriera linguistica.

Rispetto ad altri gruppi di rifugiati giunti in Svizzera in passato, secondo la Sem, "le qualifiche professionali del gruppo in esame sono buone" anche se c’è "il rischio di una certa dequalificazione". Più di un quarto di loro (28%) proviene dal mondo accademico, ha aggiunto Berger, sottolineando che la quota è elevata anche nel ramo "servizi e vendita" (27%). Artigiani e operai si situano invece attorno al 10%, mentre lavori d’ufficio e professioni affini raggiungono il 12%.

È quanto emerge da un sondaggio effettuato su campione di oltre 1’700 persone, di cui 80% donne e 20% uomini. In 1’338 casi è stato possibile identificare la professione, mentre per 436 persone i dati riguardanti la professione non sono disponibili o non sono leggibili oppure si tratta di pensionati o studenti.

Città svizzere in difficoltà

Alcune città elvetiche al momento sono in difficoltà nel trovare alloggi per i rifugiati, ha spiegato Nicolas Galladé (Ps), municipale di Winterthur (Zh) e presidente dell’Iniziativa delle città per la politica sociale.

L’obiettivo ora è di creare capacità negli alloggi collettivi il più rapidamente possibile per essere in grado di ospitare altri rifugiati, ha aggiunto, ricordando che comunque gli ucraini entrano con un visto Schengen e dunque possono viaggiare ovunque e cercare liberamente un alloggio.

Poiché molti rifugiati preferiscono le città, esse risultano pesantemente gravate. Inoltre, il processo di ammissione richiede molto tempo e le autorità cittadine faticano a far fronte al carico di lavoro, ha detto Galladé.

I rifugiati ucraini sono ucraini?

Stando a Gaby Szöllösy, segretaria generale della Conferenza cantonale delle direttrici e direttori cantonali delle opere sociali, il 96% dei rifugiati che hanno recentemente richiesto lo status di protezione S in Svizzera sono cittadini ucraini, anche se tra chi è in fuga dall’Ucraina ci sono persone di 80 nazionalità diverse. All’ultimo conteggio, ha sottolineato, 1’580 persone non avevano la cittadinanza ucraina.

Affinché a questi ultimi sia concesso lo status di protezione S, bisogna prima assicurarsi che le persone abbiano vissuto in Ucraina, ha precisato Keller. Secondo il capo dello stato maggiore di crisi è poi necessario chiedersi se la persona in questione non possa tornare in sicurezza nel suo paese d’origine: se la risposta è "sì", otterrà lo status S, mentre in caso contrario potrà avere la possibilità di chiedere asilo in Svizzera.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved