neutralita-climatica-da-raggiungere-entro-il-2050
Ti-Press
Da azzerare entro il 2050
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Caro-carburanti, da Berna niente sgravi sui dazi

Per ora non sussiste alcuna necessità immediata di adottare misure compensatorie: così il Governo risponde a diversi interventi parlamentari
Svizzera
1 ora

Fondi russi bloccati: ‘Sanzioni di ampiezza e peso mai visti’

Parole di elogio dall’ambasciatore americano nella Confederazione per gli sforzi di Berna nella ricerca dei capitali da congelare: ‘Sforzi immensi’
Svizzera
2 ore

Sostegno secolare a favore di 3’000 progetti e associazioni

Rosso semi-trasparente: è il centesimo distintivo del 1° agosto di Pro Patria. Dalla sua creazione, stanziati quasi 500 milioni di franchi
Svizzera
3 ore

Pfister, ‘la comunità politica europea di Macron è un’opzione’

Per il presidente del Centro, il Consiglio federale dovrebbe approfondire il modello lanciato dal premier francese: ‘È un’opportunità’
Svizzera
15 ore

Vaccino Moderna ai bambini sotto i 5 anni? Swissmedic ci pensa

Coronavirus, secondo i dati dell’Ufficio federale della sanità pubblica, da inizio pandemia nella Confederazione sono morti cinque bimbi
Svizzera
17 ore

In Svizzera accolti oltre 50’000 rifugiati dall’Ucraina

Dei 50’172 che a oggi si sono annunciati, 48’574 hanno ottenuto lo statuto S (il 97,8% di quelli complessivi rilasciati dalla Confederazione)
Svizzera
21 ore

Società elettriche, ecco il piano di salvataggio

Consiglio federale pronto a mettere sul piatto fino a dieci miliardi di franchi per evitare il collasso del sistema
Svizzera
21 ore

A 229 km/h nel tunnel del Gubrist, ecco l’atto d’accusa

Nella sua folle corsa il pirata della strada aveva pure urtato altre auto, per poi finire la sua corsa tamponando la vettura che lo precedeva
Svizzera
21 ore

Il Consiglio federale corre ai ripari sulle forniture di gas

Adottato un piano per far fronte all’eventuale riduzione delle forniture dalla Russia: riserve stoccate in Paesi vicini e opzione per ulteriori forniture
Svizzera
21 ore

F-35A, si ratifichi subito l’acquisto. Senza passare dal voto

Il Consiglio federale sposa le raccomandazioni della Commissione di sicurezza degli Stati. Ma non sul tema dei Tiger, che vorrebbe pensionare
Svizzera
23 ore

Da dicembre treni supplementari da e per il Ticino

Cambiamenti in vigore con l’introduzione dell’orario invernale. Per la prima volta Grigioni e Romandia uniti da un collegamento diretto
Svizzera
23 ore

Manca il rientro e si cappotta: 82enne ferito in modo serio

L’uomo ha perso il controllo della sua vettura dopo una deviazione all’altezza di Rongellen, nel canton Grigioni
Svizzera
23 ore

Anche Berna espelle diplomatici russi, ma ‘discretamente’

Secondo fonti parlamentari, il Dfae non pubblicizza i rimpatri delle sospette spie per non compromettere un’eventuale mediazione elvetica fra Mosca e Kiev
26.04.2022 - 16:51

Neutralità climatica da raggiungere entro il 2050

Per riuscirci, il controprogetto indiretto all’iniziativa sui ghiacciai chiede obiettivi intermedi e valori indicativi per settore

Ats, a cura de laRegione

L’obiettivo delle emissioni nette di gas serra pari a zero, da raggiungere entro il 2050, deve essere fissato nella legge e concretizzato attraverso la definizione di obiettivi intermedi e valori indicativi per settore.

È quanto si propone il controprogetto indiretto all’iniziativa sui ghiacciai adottato dalla Commissione dell’ambiente del Consiglio nazionale (Capte-N) per 17 voti a 7.

Attraverso una modifica legislativa, concepita come legge quadro, la commissione propone di ancorare il più rapidamente possibile nella legislazione nazionale una strategia efficace che permetta di perseguire in modo attivo una politica climatica svizzera di lungo termine.

Il settore degli edifici e quello dei trasporti dovranno raggiungere l’obiettivo di emissioni di CO2 pari a zero entro il 2050, mentre entro la stessa data l’industria dovrà ridurre le sue emissioni del 90%. Una serie di obiettivi intermedi dovrebbe permettere di definire un percorso di riduzione fino al 2050: per esempio, entro il 2040 in Svizzera le emissioni dovranno essere ridotte del 75% rispetto a quelle del 1990.

Sono previsti vari strumenti tesi ad assicurare l’orientamento a lungo termine dell’economia e della società verso l’obiettivo delle emissioni nette pari a zero. Ciò significa che entro il 2050 le emissioni di gas serra dovranno essere ridotte il più possibile, mentre le emissioni residue dovranno essere sottratte dall’atmosfera attraverso le cosiddette ‘emissioni negative’. Inoltre, il progetto di legge prevede che i flussi finanziari vengano indirizzati verso investimenti rispettosi del clima e che le misure di adattamento al cambiamento climatico siano rafforzate.

Strumenti di promozione

Il progetto prevede l’adozione di diversi strumenti di promozione. È previsto ad esempio che la Confederazione sostenga le aziende nella pianificazione, su base volontaria, di misure atte a ridurre a zero le loro emissioni nette di gas serra entro il 2050.

Inoltre, durante un periodo di sei anni, saranno destinati 1,2 miliardi di franchi per la promozione di tecnologie e processi innovativi per la riduzione delle emissioni.

La Confederazione sarà tenuta a dare il buon esempio, e già entro il 2040 la sua Amministrazione centrale dovrà aver conseguito l’obiettivo delle zero emissioni nette. A questo obiettivo dovranno puntare, pure entro il 2040, anche le Amministrazioni centrali dei Cantoni e le imprese parastatali.

Un programma straordinario prevede inoltre che la Confederazione promuova direttamente la sostituzione degli impianti di riscaldamento a combustibile fossile e degli impianti elettrici, scarsamente efficienti, e fideiussioni per il risanamento energetico degli edifici. Il relativo impegno finanziario si svilupperà su un periodo di dieci anni per un importo di 200 milioni di franchi l’anno. Ciò permetterà anche di ridurre la dipendenza dall’importazione di energie fossili.

Attraverso la definizione di obiettivi dettagliati, la legge istituisce la base che permetterà in futuro l’adozione di adeguate misure di protezione del clima a breve termine, specialmente nella legge sul CO2. Tali misure dovranno essere socialmente sostenibili e volte a rafforzare l’economia nazionale. Laddove possibile, occorrerà pure prevedere un sostegno particolare per le regioni di montagna e le regioni periferiche.

L’iniziativa

In marzo, il Consiglio nazionale aveva respinto l’iniziativa ‘Per un clima sano (Iniziativa per i ghiacciai)’ a favore del controprogetto diretto del Consiglio federale, ma con l’idea già di dare la precedenza al controprogetto indiretto, ossia a livello legislativo, del parlamento. Quest’ultimo dovrebbe entrare in vigore più rapidamente rispetto al controprogetto diretto, dunque a livello costituzionale, dopo la bocciatura popolare, lo scorso giugno, della rivista legge sul CO2.

L’iniziativa chiede che a partire dal 2050 la Svizzera non emetta più gas serra di quanto i serbatoi naturali e tecnici di CO2 ne possano assorbire. Entro tale data vanno poi vietati i combustibili fossili. Sono ammesse eccezioni per applicazioni tecnicamente non sostituibili, a condizione che le emissioni vengano compensate in Svizzera.

Il controprogetto perora anche una compensazione delle emissioni entro il 2050. Nella controproposta, il consumo di combustibili e carburanti fossili non viene vietato, ma dovrà essere ridotto "nella misura massima tecnicamente possibile, economicamente sostenibile e compatibile con la sicurezza del Paese".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
controprogetto indiretto neutralità climatica
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved