ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
14 ore

Sarebbe riuscita l’iniziativa per la responsabilità ambientale

I Giovani Verdi annunciano di aver raccolto oltre 100mila firme. Il concetto di ‘limite naturale’ al centro della proposta di modifica costituzionale.
Svizzera
14 ore

Giornalista scopre monumento nazista nel cimitero di Coira

Ha fatto parte del culto dell’eroe con cui Hitler ha giustificato la guerra, scrive la Srf. Le autorità non ne erano a conoscenza.
Svizzera
17 ore

Nel programma Udc la lotta agli uffici per la parità di genere

Anticipate le linee guida per le Federali: ‘Preoccupazione’ per gli asterischi nei testi, niente soldi alle istituzioni che sostengono ‘ideologie’
Svizzera
18 ore

Prodotti bio troppo cari: bocciata la proposta di Mister prezzi

Stefan Meierhans ha proposto ai rivenditori una ‘soluzione amichevole’, subito però rispedita al mittente
Svizzera
20 ore

Si potrà abbattere un lupo capobranco con prove diverse dal Dna

Così il Taf sul caso del maschio alfa del branco del Beverin: la partecipazione determinante dell’esemplare al danno potrà essere dimostrata in altri modi
Svizzera
22 ore

Grigioni: furgone contro un’auto, una donna gravemente ferita

Il violento scontro è successo ieri, giovedì 26 gennaio, a Schiers in Val Prettigovia
Svizzera
1 gior

Wef e turismo, prove di convivenza a Davos

L’esecutivo locale ha intavolato una discussione con tutte le parti in causa per trovare una soluzione ideale per tutti per il prossimo anno
Svizzera
1 gior

Un 2022 in dolcezza per la lucernese Hug

La carenza di manodopera nella ristorazione fa le fortune dell’azienda che produce biscotti: vendite aumentate di 10 milioni lo scorso anno
Svizzera
1 gior

Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari

La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
1 gior

Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale

Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
1 gior

Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto

La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
1 gior

Contromano e in stato confusionale sull’A1, arrestato

Il rocambolesco fermo è avvenuto nei pressi di Neuenhof. Prima che la sua corsa finisse, il 64enne al volante ha invertito due volte la sua marcia
Svizzera
1 gior

In Svizzera si alleva sempre più pollame

Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
26.04.2022 - 16:51

Neutralità climatica da raggiungere entro il 2050

Per riuscirci, il controprogetto indiretto all’iniziativa sui ghiacciai chiede obiettivi intermedi e valori indicativi per settore

Ats, a cura de laRegione
neutralita-climatica-da-raggiungere-entro-il-2050
Ti-Press
Da azzerare entro il 2050

L’obiettivo delle emissioni nette di gas serra pari a zero, da raggiungere entro il 2050, deve essere fissato nella legge e concretizzato attraverso la definizione di obiettivi intermedi e valori indicativi per settore.

È quanto si propone il controprogetto indiretto all’iniziativa sui ghiacciai adottato dalla Commissione dell’ambiente del Consiglio nazionale (Capte-N) per 17 voti a 7.

Attraverso una modifica legislativa, concepita come legge quadro, la commissione propone di ancorare il più rapidamente possibile nella legislazione nazionale una strategia efficace che permetta di perseguire in modo attivo una politica climatica svizzera di lungo termine.

Il settore degli edifici e quello dei trasporti dovranno raggiungere l’obiettivo di emissioni di CO2 pari a zero entro il 2050, mentre entro la stessa data l’industria dovrà ridurre le sue emissioni del 90%. Una serie di obiettivi intermedi dovrebbe permettere di definire un percorso di riduzione fino al 2050: per esempio, entro il 2040 in Svizzera le emissioni dovranno essere ridotte del 75% rispetto a quelle del 1990.

Sono previsti vari strumenti tesi ad assicurare l’orientamento a lungo termine dell’economia e della società verso l’obiettivo delle emissioni nette pari a zero. Ciò significa che entro il 2050 le emissioni di gas serra dovranno essere ridotte il più possibile, mentre le emissioni residue dovranno essere sottratte dall’atmosfera attraverso le cosiddette ‘emissioni negative’. Inoltre, il progetto di legge prevede che i flussi finanziari vengano indirizzati verso investimenti rispettosi del clima e che le misure di adattamento al cambiamento climatico siano rafforzate.

Strumenti di promozione

Il progetto prevede l’adozione di diversi strumenti di promozione. È previsto ad esempio che la Confederazione sostenga le aziende nella pianificazione, su base volontaria, di misure atte a ridurre a zero le loro emissioni nette di gas serra entro il 2050.

Inoltre, durante un periodo di sei anni, saranno destinati 1,2 miliardi di franchi per la promozione di tecnologie e processi innovativi per la riduzione delle emissioni.

La Confederazione sarà tenuta a dare il buon esempio, e già entro il 2040 la sua Amministrazione centrale dovrà aver conseguito l’obiettivo delle zero emissioni nette. A questo obiettivo dovranno puntare, pure entro il 2040, anche le Amministrazioni centrali dei Cantoni e le imprese parastatali.

Un programma straordinario prevede inoltre che la Confederazione promuova direttamente la sostituzione degli impianti di riscaldamento a combustibile fossile e degli impianti elettrici, scarsamente efficienti, e fideiussioni per il risanamento energetico degli edifici. Il relativo impegno finanziario si svilupperà su un periodo di dieci anni per un importo di 200 milioni di franchi l’anno. Ciò permetterà anche di ridurre la dipendenza dall’importazione di energie fossili.

Attraverso la definizione di obiettivi dettagliati, la legge istituisce la base che permetterà in futuro l’adozione di adeguate misure di protezione del clima a breve termine, specialmente nella legge sul CO2. Tali misure dovranno essere socialmente sostenibili e volte a rafforzare l’economia nazionale. Laddove possibile, occorrerà pure prevedere un sostegno particolare per le regioni di montagna e le regioni periferiche.

L’iniziativa

In marzo, il Consiglio nazionale aveva respinto l’iniziativa ‘Per un clima sano (Iniziativa per i ghiacciai)’ a favore del controprogetto diretto del Consiglio federale, ma con l’idea già di dare la precedenza al controprogetto indiretto, ossia a livello legislativo, del parlamento. Quest’ultimo dovrebbe entrare in vigore più rapidamente rispetto al controprogetto diretto, dunque a livello costituzionale, dopo la bocciatura popolare, lo scorso giugno, della rivista legge sul CO2.

L’iniziativa chiede che a partire dal 2050 la Svizzera non emetta più gas serra di quanto i serbatoi naturali e tecnici di CO2 ne possano assorbire. Entro tale data vanno poi vietati i combustibili fossili. Sono ammesse eccezioni per applicazioni tecnicamente non sostituibili, a condizione che le emissioni vengano compensate in Svizzera.

Il controprogetto perora anche una compensazione delle emissioni entro il 2050. Nella controproposta, il consumo di combustibili e carburanti fossili non viene vietato, ma dovrà essere ridotto "nella misura massima tecnicamente possibile, economicamente sostenibile e compatibile con la sicurezza del Paese".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved