covid-i-cantoni-d-accordo-perche-berna-faccia-di-piu
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Incidente mortale ieri sera a Schlatt

Forse un malore all’origine del sinistro costato la vita a un novantenne, andato a cozzare contro una scalinata e il muro di un cimitero
Svizzera
2 ore

Ventisettenne annega nel lago di Zurigo

È accaduto attorno alle 13.30, mentre nella città iniziava la Streetparade: ancora da chiarire se il fatto sia collegato all’evento
Svizzera
3 ore

HotellerieSuisse, competitività intatta malgrado il franco forte

Lo sosteniene il presidente Andreas Züllig, secondo cui la competitività della Svizzera ‘è cresciuta globalmente’
Svizzera
4 ore

Un morto e tre feriti in un incidente sulla A9

A seguito del sinistro, avvenuto ieri attorno alle 17.30 nel tunnel di Chauderon, l’autostrada è rimasta chiusa per una decina di ore
Svizzera
6 ore

Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Streetparade

Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
7 ore

Derubato di telefono e portafoglio da ignoti

Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
Svizzera
8 ore

Smart contro un camion: una 22enne ferita in modo grave

L’incidente stradale si è verificato ieri pomeriggio a Hunzenschwil (Ag). I due veicoli si sono scontrati frontalmente
Svizzera
10 ore

Crisi energetica: la legna per riscaldarsi non è la soluzione

Lo afferma il meteorologo Jörg Kachelmann, secondo cui il pellet è dannoso per il clima tanto quanto il carbone, il gas o il petrolio
Svizzera
10 ore

Ritrovato il corpo dell’87enne sparito nelle acque del Lemano

L’uomo, un tedesco, era scomparso martedì pomeriggio nei pressi di Montreux. È stato rinvenuto a 100 m di profondità
Svizzera
1 gior

In Svizzera moria di pesci di ‘proporzioni storiche’

La federazione dei pescatori teme che un numero ancora maggiore di specie autoctone possa scomparire per sempre
Svizzera
1 gior

Unia: ‘Divario salariale aumenta, occorre intervenire’

Il sindacato denuncia la stagnazione degli stipendi più bassi e l’aumento di quelli dei dirigenti
22.04.2022 - 15:17
Aggiornamento: 16:49
Ats, a cura de laRegione

Covid, i Cantoni d’accordo perché Berna faccia di più

La Conferenza dei direttori cantonali della sanità pubblica favorevole alla ‘situazione particolare’ anche in caso di ondate pandemiche meno violente

Per i Cantoni, il Consiglio federale dovrebbe poter dichiarare la "situazione particolare" anche in caso di un’ondata pandemica non particolarmente violenta. Questa l’opinione prevalente sui compiti delle autorità per il futuro qualora dovesse ripetersi quanto accaduto col coronavirus. Il Consiglio federale vorrebbe invece far capo ai poteri eccezionali solo in caso di nuova ondata violenta.

Dopo il ritorno alla "situazione normale" dall’inizio di aprile, si è aperta una fase di transizione che durerà fino alla primavera 2023; il Consiglio federale ha stabilito che le autorità devono dar prova di un’accresciuta vigilanza e una maggiore capacità di reazione in caso di problemi. I compiti rispettivi dei Cantoni e della Confederazione, messi in consultazione fino a oggi, devono essere meglio specificati.

La Conferenza dei direttori cantonali della sanità pubblica (CDS), che non ha voluto prendere posizione sul documento di base, accoglie favorevolmente l’esistenza di un piano che definisca le reciproche competenze, dicendosi d’accordo con la suddivisione presentata.

La CDS esprime tuttavia alcune riserve circa le condizioni che darebbero alla Confederazione il potere di avocare a sé le competenze cantonali, ha specificato a Keystone-ATS Tobias Bär a nome della CDS.

Se si verificasse una nuova ondata epidemica con un elevato rischio di sovraccarico del sistema sanitario, l’attenzione si sposterebbe inevitabilmente di nuovo verso il Consiglio federale. Se l’obbligo di portare la mascherina sui trasporti pubblici dovesse essere reintrodotto, sarebbe difficile applicare regolamenti diversi a seconda dei cantoni. In caso di un netto peggioramento della situazione epidemiologica, la CDS pensa che la "situazione normale" non dovrebbe essere mantenuta troppo a lungo. Ne va del successo stesso della lotta contro la propagazione del morbo.

La pensano così San Gallo, Turgovia e i due Appenzello. Questi Cantoni accolgono le proposte del Consiglio federale per il periodo di transizione, in particolare il sostegno alla ricerca e alla promozione di nuovi farmaci contro il coronavirus. A loro avviso, tale sostegno andrebbe esteso sino alla fine del 2023. Se la situazione epidemiologica richiedesse di nuovo misure a livello nazionale, sarebbe opportuno che la Confederazione ne assumesse il coordinamento, "anche se l’ondata pandemica non è particolarmente violenta".

I quattro Cantoni non sono d’accordo con l’istituzione di nuove istanze intercantonali per l’applicazione di eventuali misure protettive. Tali organismi, a loro parere, non hanno l’autorità legale per imporre soluzioni a tutto il Paese. Inoltre, l’acquisto e la distribuzione dei vaccini dovrebbero essere organizzati il più rapidamente possibile attraverso le strutture esistenti. I medici di famiglia dovrebbero ricevere dosi individuali di vaccino attraverso i canali di distribuzione abituali, mentre le casse malattia dovrebbero integrare i costi nei rispettivi cataloghi di prestazioni.

Infine, i quattro Cantoni chiedono migliori controlli sui centri, istituiti rapidamente, deputati al depistaggio del virus. Sono necessari criteri di autorizzazione nazionali e linee guida informatiche uniformi. Per i Cantoni è infatti impossibile, col sistema attuale, controllare l’emissione di certificati.

Nonostante il ritorno alla "situazione normale" secondo la terminologia della legge sulle epidemie, la pandemia non è terminata a detta del Consiglio federale. Non si sa ancora come evolverà la situazione; il coronavirus molto probabilmente non scomparirà, ma farà la sua apparizione con fiammate stagionali.

Le strutture devono quindi essere mantenute durante la fase di transizione affinché la Confederazione e i Cantoni possano reagire rapidamente ai nuovi sviluppi. Ciò vale in particolare per i test, le vaccinazioni, la ricerca dei contatti, la sorveglianza e l’obbligo di segnalazione degli ospedali.

Col ritorno alla situazione normale, dall’inizio di aprile la responsabilità principale delle misure di protezione è stata trasferita di nuovo ai Cantoni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus direttori cantonali sanità
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved