ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 ore

Elezioni cantonali a Zugo: Status quo per il governo cantonale

Il Consiglio di Stato rimane quindi composto da tre rappresentanti dell’Alleanza di Centro, due liberali radicali e due Udc
Svizzera
7 ore

Zurigo, 17enne perde la vita dopo una rissa

Altri tre ragazzi sono rimasti feriti nell’alterco scoppiato ieri notte in un appartamento di Oetwil am See
Svizzera
7 ore

L’inflazione colpisce duramente gli anziani

L’indagine ha evidenziato notevoli differenze regionali: gli anziani sono più colpiti in Ticino, dove il 30% dei pensionati vive in condizioni precarie
Svizzera
8 ore

‘Il riscaldamento a 19 gradi? Non s’ha da fare’

A dirlo è il settore immobiliare che critica la raccomandazione del Consiglio federale, poiché una casa troppo fredda è considerata ‘un difetto’
Svizzera
9 ore

Dopo l’addio di Maurer in casa Udc parte il ‘toto-nome’

Tramite il ‘Sonntagsblick’ il presidente democentrista Marco Chiesa stila il possibile profilo (o profili) del successore di Ueli Maurer
Svizzera
1 gior

Un velo indossato male e la morte: il grido degli svizzeri

Più di mille persone hanno manifestato in varie città a sostegno delle della protesta in corso in Iran dopo la morte della 22enne curda Mahsa Amini
Svizzera
1 gior

Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini

Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
1 gior

Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa

Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
2 gior

Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher

La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
2 gior

Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica

Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
2 gior

Minacce nucleari, improbabili o meno a Berna ci si premunisce

Definite dal Dipartimento della difesa l’organizzazione e le competenze in caso di grave crisi atomica
Svizzera
2 gior

Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito

Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
20.04.2022 - 11:40
Aggiornamento: 16:31

Migliorato l’E-Voting della Posta, ma ancora punti deboli

Il sistema di voto elettronico sviluppato dal Gigante giallo è stato sottoposto a una verifica indipendente che si è conclusa questo febbraio

Ats, a cura de laRegione
migliorato-l-e-voting-della-posta-ma-ancora-punti-deboli
Keystone

Il sistema di voto elettronico sviluppato dalla Posta è migliorato sensibilmente da quando la Cancelleria federale ha deciso di sottoporlo a una verifica indipendente svoltasi dal luglio 2021 a questo febbraio. Tuttavia sussistono ancora problemi, alcuni dei quali abbastanza importanti da richiedere notevoli lavori.

I primi rapporti d’esame, pubblicati oggi, realizzati da specialisti indipendenti su mandato della stessa Cancelleria federale coprono quattro settori: il protocollo crittografico del sistema, il software utilizzato, l’infrastruttura e l’esercizio presso la Posta, nonché un test d’intrusione cui deve essere esposto il sistema.

La verifica su ogni settore, basata sulle versioni del sistema dall’estate all’autunno 2021, è stata svolta da più esperti. L’esame dell’infrastruttura e dell’esercizio nei Cantoni è ancora in corso.

Sistema migliorato...

I risultati sotto forma di rapporti d’esame mostrano che dal 2019 il sistema di voto elettronico della Posta è stato notevolmente migliorato. La documentazione è strutturata in modo più chiaro, completo e adeguato.

Anche il codice sorgente riceve perlopiù buoni voti. Inoltre, la valutazione dei processi di sviluppo del sistema è buona. Dal test d’intrusione è emerso che nessuno degli attacchi sferrati in questo contesto è andato a buon fine.

...ma ci sono ancora punti deboli

I rapporti indicano tuttavia che il sistema richiede ulteriori migliorie, in parte importanti. Le lacune riscontrate riguardano tra l’altro il protocollo crittografico che deve garantire la verificabilità nel rispetto della segretezza del voto. Quanto riscontrato è stato comunicato alla Posta affinché potesse procedere alle necessarie migliorie.

Risolto questo problema, il sistema sarà nuovamente sottoposto a una verifica indipendente per sincerarsi che esso ottemperi ai requisiti di sicurezza definiti nelle basi legali rielaborate concernenti l’impiego di sistemi di voto elettronico. Tali basi legali – l’ordinanza sui diritti politici (Odp) e l’ordinanza della CaF concernente il voto elettronico (Ove) – saranno ultimate entro la metà del 2022; in seguito l’Odp sarà sottoposta al Consiglio federale per la messa in vigore, mentre l’Ove sarà posta in vigore dalla Cancelleria federale.

Quando le nuove basi legali e i rapporti finali della verifica indipendente saranno disponibili, i Cantoni potranno richiedere al Consiglio federale un’autorizzazione di principio per l’impiego del sistema di voto elettronico della Posta in occasione di consultazioni federali. L’analisi dei rischi e la responsabilità per un eventuale impiego restano di competenza sia dei Cantoni, in quanto responsabili dello svolgimento delle votazioni, sia della Confederazione, in quanto autorità che rilascia l’autorizzazione.

130 falle

In una nota odierna, il Gigante giallo precisa di aver sottoposto la sua versione Beta, pronta all’inizio del 2021, al banco di prova di esperte ed esperti internazionali, tra cui anche specialisti di crittografia e hacker etici, con l’obiettivo di individuare ed eliminare tempestivamente eventuali falle.

Nel corso delle analisi, la Posta ha sviluppato ulteriormente la versione beta e pubblicato varie release. Seguiranno ulteriori rielaborazioni. Grazie alle analisi e ai test ha ricevuto circa 130 segnalazioni. Quattro di queste riportavano un livello di gravità "elevato" a cui la Posta ha rimediato presentando proposte di soluzione o attuando direttamente la correzione nel sistema. Per ora non sono emersi risultati "critici" del massimo livello di gravità. L’azienda ha ricompensato coloro che hanno individuato i diversi punti deboli con una somma che a oggi ammonta a circa 97mila franchi.

Primi Cantoni interessati

Stando al calendario della Posta, il sistema di voto elettronico potrebbe diventare operativo già nel 2023. Si tratta di un obiettivo ambizioso, ha affermato Urs Bruderer, portavoce della Cancelleria federale, a Keystone-Ats. A ogni modo, ci sono già alcuni Cantoni interessati, come Basilea Città, Turgovia e San Gallo, che vorrebbero eseguire delle prove col nuovo sistema.

La Svizzera non ha attualmente un sistema di voto elettronico. La Posta ha ritirato il suo sistema nel 2019 dopo la scoperta di diverse vulnerabilità, per poi rimettersi al lavoro. Ginevra ha fatto lo stesso nel 2018, ma per motivi finanziari.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved