ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
14 min

Il parto anonimo è sempre più possibile in Svizzera

Sempre più ospedali danno alle donne la possibilità di partorire in modo confidenziale, come alternativa alle “baby finestre”
Svizzera
1 ora

Secondo il Ceo, i prezzi dei prodotti Nestlé saliranno ancora

Secondo Mark Schneider, però, la multinazionale non è responsabile del rincaro essendo essa stessa vittima dell’aumento dei prezzi
Svizzera
2 ore

L’urto e poi le fiamme: incidente sull’A2, una donna è grave

Il sinistro è avvenuto questa notte fra il tunnel del Seelisberg e Altdorf. La conducente è uscita dal veicolo incendiato con l’aiuto di altre persone
la guerra in ucraina/1
4 ore

Sulla riesportazione delle armi svizzere il vento è cambiato

Commissione degli Stati vuole allentare la legge. Anche per sostenere l’industria bellica svizzera. Le risposte alle principali domande.
Svizzera
18 ore

Riesportazione di armi: ‘La legge va allentata’

La commissione della politica di sicurezza degli Stati ha chiesto con 6 voti contro 4 e 2 astensioni di modificare la legge federale sul materiale bellico
Svizzera
19 ore

Compromesso all’orizzonte sulla riforma della Lpp

Sul modello di compensazione, la commissione del Nazionale si allinea al Consiglio degli Stati. Restano in sospeso altri punti
Svizzera
21 ore

Il falso poliziotto non passa mai di moda. Due colpi a segno

Malfattori particolarmente attivi nelle truffe telefoniche. Anziani raggirati a Pratteln e San Gallo, per un importo complessivo di 80mila franchi
Svizzera
21 ore

Iniziativa sui ghiacciai, al popolo l’ultima parola

Le firme raccolte sono oltre il doppio di quelle necessarie: riuscito il referendum dell’Udc contro la legge per la neutralità carbonica entro il 2050
Svizzera
21 ore

Berna intende aumentare lo stoccaggio di farmaci

Nell’inventario delle scorte obbligatorie saranno inseriti anche i preparati contro il morbo di Parkinson e gli antiepilettici
Svizzera
22 ore

Questione giurassiana, Baume-Schneider può fare da mediatrice

Come i suoi predecessori in seno al Dipartimento federale di giustizia e polizia, la consigliera federale farà da giudice sul ‘caso’ Moutier
Svizzera
23 ore

Altri due casi di influenza aviaria nel Canton Zurigo

Per gli esperti federali la situazione in Europa è ‘preoccupante’. Misure estese in Svizzera fino a metà marzo
Svizzera
23 ore

Sostegno pubblico degli ospedali nel mirino

Per la presidente dell’associazione H+ Regine Sauter, i nosocomi devono essere indipendenti dallo Stato. E propone correttivi
07.04.2022 - 17:41
Aggiornamento: 18:13

‘La Svizzera può contribuire a risolvere la crisi ucraina’

Lo afferma il presidente croato Zoran Milanovic che ha definito intelligente la decisione di Berna di riprendere le sanzioni Ue

Ats, a cura de laRegione
la-svizzera-puo-contribuire-a-risolvere-la-crisi-ucraina
Keystone

Per il presidente croato Zoran Milanovic, la Svizzera può avere un ruolo, con i suoi buoni uffici, nel conflitto in Ucraina. In visita ufficiale, oggi a Ginevra, dopo aver incontrato il presidente della Confederazione Ignazio Cassis, ha lodato l’atteggiamento "intelligente" di Berna nella ripresa delle sanzioni dell’Ue.

Rilevando la necessità di "buoni uffici" per risolvere la crisi ucraina, Milanovic ha detto alla stampa che a suo avviso "solo alcuni paesi possono svolgere questo ruolo", senza menzionare quali. Più tardi ha indicato a Keystone-Ats che la Svizzera è uno di questi.

Un lavoro ‘da orologiaio’

Berna ha fatto un "lavoro di precisione da orologiaio" nel suo approccio della crisi ucraina, ha aggiunto. Secondo lui, la ripresa elvetica delle sanzioni europee "non viola la neutralità".

Dal canto suo, Cassis ha detto che l’Ucraina ha occupato gran parte della discussione col suo omologo. "Siamo testimoni di immagini e video che ci scioccano, che ci sconvolgono", ha dichiarato. "Questo non sarebbe dovuto accadere nel ventunesimo secolo".

Cassis ha ribadito che Berna vuole un’indagine internazionale indipendente per "verificare se ci sono crimini di guerra". "In qualità di Stato depositario delle Convenzioni di Ginevra, la Svizzera s’impegna affinché esse siano rispettate. Inoltre sostiene gli sforzi della comunità internazionale volti a documentare e punire i crimini di guerra", ha detto il ticinese, citato in un comunicato del Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae), diretto dallo stesso Cassis. A questo scopo, il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite ha appena istituito una commissione internazionale d’inchiesta.

‘La questione del Kosovo deve essere risolta’

Più in generale, Milanovic, che conosce bene Ginevra per avervi lavorato come diplomatico, ha lanciato un avvertimento riguardo ai Balcani occidentali. La questione del Kosovo deve essere risolta, ha insistito. "È come se questo problema non esistesse", ha deplorato, facendo appello agli altri Stati europei. Li ha esortati a non "trascurarlo (...). È il nostro dovere".

Prima della conferenza stampa congiunta, Cassis aveva indicato in un tweet che i colloqui bilaterali, accanto all’Ucraina avevano riguardato i Balcani occidentali, la politica europea della Svizzera e le relazioni bilaterali tra Berna e Zagabria, giudicate "eccellenti".

Orizzonte Europa: sviluppare ulteriormente la via bilaterale

Per quanto concerne l’evoluzione delle relazioni tra Berna a Bruxelles, Cassis ha sottolineato che la Svizzera vuole stabilizzare e sviluppare ulteriormente la via bilaterale. Ha illustrato al suo ospite l’impostazione generale decisa dal Consiglio federale per un pacchetto di negoziati. Si è inoltre parlato del secondo contributo svizzero ad alcuni Stati membri dell’Ue, tra i quali figura la Croazia, e dell’auspicata associazione della Svizzera, ora considerata solo uno Stato terzo, ai programmi Orizzonte Europa (promozione della ricerca e dell’innovazione) ed Erasmus+ (mobilità studentesca).

Dopo l’incontro con i media, Milanovic e Cassis hanno continuato a parlare della guerra in Ucraina con studenti dell’università di Ginevra. Il presidente della Confederazione ha nuovamente spiegato la sua reticenza ad accusare le forze armate russe di crimini di guerra e crimini contro l’umanità.

Credibilità compromessa del Consiglio di sicurezza

"Ho mantenuto una linea sobria", ha detto il capo del Dfae. "Facciamo attenzione", ha insistito, mettendo in guardia contro una giustizia delle reti sociali. Cassis ha denunciato l’atteggiamento di alcuni responsabili politici che vogliono ottenere visibilità "scandalizzando" certe situazioni.

Il presidente della Confederazione ha anche deplorato la perdita di "credibilità" e "forza d’impatto" del Consiglio di sicurezza dell’Onu a causa dei veti. Si è pure rammaricato per gli ostacoli a una riforma dell’istanza da parte di coloro "che hanno il potere", i cinque membri permanenti.

A due mesi dalla probabile elezione della Svizzera al Consiglio di sicurezza, Cassis ritiene che il conflitto in Ucraina abbia il potenziale di cambiare l’ordine internazionale in vigore dalla Seconda Guerra mondiale. "Forse questa guerra sarà una svolta", ha detto.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved