04.04.2022 - 16:06
Aggiornamento: 17:58

Prima la neve, ora una nottata con temperature glaciali

Colpo di coda dell’inverno oltre Gottardo. A risentirne potrebbero essere i frutteti. ‘Particolarmente sensibili ciliegi, pruni e albicocchi’

Ats, a cura de laRegione
prima-la-neve-ora-una-nottata-con-temperature-glaciali
Keystone
Candele riscaldanti fra gli albicocchi di Nendaz

Dopo le nevicate del weekend, la settimana al Nord delle Alpi è iniziata con il bel tempo ma anche con temperature glaciali. Nella notte tra ieri e oggi, la colonnina di mercurio è scesa ben al di sotto degli zero gradi in numerose regioni svizzere. Si tratta di condizioni pericolose per gli alberi in piena fioritura.

Sull’Altipiano, il terreno è gelato ad altitudini inferiori ai 700 metri, riferisce MeteoNews su Twitter. A Welschenrohr (So), il termometro è sceso sino a -11,1 gradi, ad Hallau (Sh) a - 5,4 gradi.

In altre regioni esposte del Giura, del Vallese e dell’Engadina, si sono registrate temperature al di sotto dei -10 gradi. Fiocchi di neve cadranno ancora sporadicamente durante la giornata odierna, mentre nei prossimi giorni, stando a Srf Meteo, le giornate saranno più miti.

«I frutticoltori sono in allerta visto che le gelate tardive potrebbero danneggiare fiori e piante – sottolinea Beatrice Rüttemann dell’Associazione Svizzera Frutta –. Particolarmente sensibili risultano gli alberi di ciliegio, di prugna e albicocca». Tali piante sono infatti in piena fioritura al di sotto dei 600 metri.

Candele riscaldanti nei frutteti

Quale misura precauzionale, taluni frutticoltori hanno acceso candele riscaldanti nei loro frutteti. Altri hanno chiuso i teloni di plastica al fine di ridurre la dispersione termica. Altri ancora hanno utilizzato l’irrigazione aerea degli alberi per proteggere i fiori dal freddo eccessivo.

«È ancora troppo presto per stimare eventuali danni. Gelate tardive possono ancora verificarsi fino alla metà di maggio. Inoltre, è sufficiente il 10% dei fiori per avere delle belle raccolte di frutti» secondo Rüttemann.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved