Svizzera
Un assegno energetico per chi abita in affitto
È la proposta del presidente dell’Associazione svizzera degli inquilini Carlo Sommaruga per attenuare gli oneri a loro carico
Il consigliere agli Stati ginevrino
(Keystone)
31 marzo 2022
|

Di fronte all’esplosione dei prezzi dell’energia, il presidente dell’Associazione svizzera degli inquilini (Asi) Carlo Sommaruga vuole un assegno energetico compreso tra i 200 e i 400 franchi annui per persona. Secondo il consigliere agli Stati ginevrino (Ps), si tratta di attenuare così gli oneri per gli inquilini.

L’assegno energetico può essere facilmente collegato con il sistema di riduzione dei premi dell’assicurazione malattie, ha spiegato Sommaruga in un’intervista pubblicata oggi dai giornali del gruppo Ch-Media. Tale sistema è concepito specificatamente per sostenere le persone con bassi redditi, ha aggiunto. La Confederazione, con l’aiuto dei cantoni, potrebbe facilmente adeguare l’assegno ai redditi ed estenderlo in modo tale che la classe media venga pure presa in considerazione.

La Svizzera, ha ricordato Sommaruga, è un Paese di inquilini che sono diventati ostaggio di questa situazione. Essi non possono isolare autonomamente gli edifici e installare i pannelli solari sui tetti. Sono subordinati ai proprietari. Per questo gli inquilini di un appartamento mal isolato devono sborsare 1’200 franchi supplementari all’anno a causa dei costi dell’energia. Questa somma si basa sulla maggiorazione dei prezzi tra i 60 e i 120 franchi per litro di olio da riscaldamento e su un consumo annuo di 2’000 litri, ha indicato il presidente dell’Asi, precisando che la situazione è molto simile per quanto riguarda il gas.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE