keller-sutter-nessuna-disparita-di-trattamento-fra-rifugiati
Keystone
29.03.2022 - 16:15
Aggiornamento: 16:31
Ats, a cura de laRegione

Keller-Sutter: nessuna disparità di trattamento fra rifugiati

La responsabile del Dipartimento giustizia e polizia non esclude che la solidarietà della Svizzera possa diminuire con l’arrivo di molte più persone

La consigliera federale Karin Keller-Sutter non vede alcuna disparità nel trattamento dei rifugiati ucraini rispetto ad altri. Inoltre la responsabile del Dipartimento federale di giustizia e polizia non esclude che la solidarietà della Svizzera possa diminuire "nel caso in cui dovessero arrivare ancora più rifugiati e le autorità non dovessero svolgere il loro lavoro".

Lo statuto di protezione S, applicato per la prima volta, assicura innanzitutto che il sistema non crolli di fronte all’enorme numero di persone che cercano protezione, ha detto Keller-Sutter oggi alla trasmissione "Tagesgespräch" della radio svizzerotedesca SRF. Inoltre, la grande maggioranza di queste persone, che non si considerano come rifugiate bensì come sfollate, ha la ferma intenzione di tornare in Ucraina.

Queste persone sono minacciate collettivamente. Non bisogna confondere le situazioni. A questo proposito, Keller-Sutter non vede alcuna disparità di trattamento o trattamento preferenziale dei rifugiati ucraini rispetto ad altri rifugiati che vengono in Svizzera. In linea di principio, la prassi elvetica in materia di asilo continua a basarsi su un esame caso per caso, ha sottolineato.

Alla domanda se non tema che la grande solidarietà in Svizzera possa presto attenuarsi, Keller-Sutter ha detto che secondo lei il rischio c’è soprattutto se dovessero giungere in Svizzera molti più dei 50’000 rifugiati previsti e le autorità non facessero il loro lavoro.

"Se vogliamo mantenere la solidarietà tra sei mesi o un anno e rimanere credibili a medio termine, dobbiamo essere in grado di rendere conto di chi è venuto in Svizzera e nello spazio Schengen. In questo senso, siamo in bilico tra la protezione delle vittime e la sicurezza.

Per poter affrontare la situazione, è fondamentale che tutte le autorità, gli uffici e le organizzazioni coinvolti siano tolleranti tra loro. "A volte dobbiamo anche chiudere un occhio e sostenerci a vicenda, altrimenti non possiamo assolvere il compito".

Keller-Sutter ha negato di aver cambiato opinione dai tempi in cui era ministra di giustizia nel cantone di San Gallo, dove era considerata più dura. "Non sono cambiata".

Tuttavia, ha riconosciuto che la guerra nel centro dell’Europa, che non era ritenuta possibile, "ci riguarda tutti". Molte persone in Svizzera hanno quindi la sensazione che "potremmo essere anche noi". La situazione tocca particolarmente perché circa la metà dei bambini di un intero Paese sono rifugiati. Sono persone particolarmente vulnerabili.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
karin keller-sutter russiaucraina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved