ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
6 ore

Wef e turismo, prove di convivenza a Davos

L’esecutivo locale ha intavolato una discussione con tutte le parti in causa per trovare una soluzione ideale per tutti per il prossimo anno
Svizzera
8 ore

Un 2022 in dolcezza per la lucernese Hug

La carenza di manodopera nella ristorazione fa le fortune dell’azienda che produce biscotti: vendite aumentate di 10 milioni lo scorso anno
Svizzera
9 ore

Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari

La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
10 ore

Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale

Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
11 ore

Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto

La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
13 ore

Contromano e in stato confusionale sull’A1, arrestato

Il rocambolesco fermo è avvenuto nei pressi di Neuenhof. Prima che la sua corsa finisse, il 64enne al volante ha invertito due volte la sua marcia
Svizzera
14 ore

In Svizzera si alleva sempre più pollame

Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
Svizzera
16 ore

Quasi uno svizzero su cinque ha due passaporti

Nel 2021 il 19% dei cittadini residenti dai 15 anni di età in su avevano una doppia cittadinanza: la maggioranza, quasi un quarto, sono gli italo-svizzeri
29.03.2022 - 12:01
Aggiornamento: 16:15

Traffico pesante, 24’410 infrazioni su 140mila controlli

In Ticino nel 2021 le irregolarità rilevate sono state 754 in poco più di 7’000 controlli. Sempre a sud delle Alpi, 42 gli stop a veicolo o autista

Ats, a cura de laRegione
traffico-pesante-24-410-infrazioni-su-140mila-controlli
Keystone
Un controllo di routine

Ammonta a 24’410 il numero di irregolarità riscontrate a fronte di 140’000 mezzi controllati nel 2021 tra camion, autoarticolati, furgoni e bus. È quanto emerge dal rapporto in materia, pubblicato congiuntamente dall’Ufficio federale delle strade (Ustra) e dall’Ufficio federale della dogana e della sicurezza dei confini (Udsc). In Ticino ne sono stati controllati poco più di 7’000 e le irregolarità riguardavano 754 casi.

Dei 139’732 mezzi ispezionati l’anno scorso, in 4’650 casi è stato disposto lo stop per veicolo o autista. In Ticino – nei controlli mobili – ciò si è reso necessario in 42 occasioni.

Le cifre

La polizia ha dedicato complessivamente 94’512 ore agli accertamenti su strada e 96’162 nei sette Centri di controllo traffico pesante (Cctp) della Confederazione. A ciò, sottolinea l’Ustra, si affiancano le operazioni condotte dall’Udsc (che fino allo scorso 31 dicembre si chiamava Amministrazione federale delle dogane) sui mezzi pesanti in entrata e in uscita dal territorio svizzero.

Nei sette centri sono stati ispezionati un totale di 31’564 mezzi pesanti: 12,6% in più dell’anno precedente, durante il quale, causa pandemia, circolavano molto meno camion. Rilevate irregolarità per 1’834 veicoli e/o autisti svizzeri (+13%) e 9’172 esteri (+21,1%); i fermi sono stati rispettivamente 323 (-4,7%) e 2’109 (+3,7%).

Per quanto riguarda invece i controlli mobili, le autorità di polizia nel 2021 hanno ispezionato 58’577 mezzi (+2,7% rispetto al 2020). Sono risultati non in regola 5’777 veicoli e/o conducenti svizzeri (-4,5%) e 4’137 esteri (+19,1%); per rispettivamente 1’342 (+11,6%) e 876 (+38,4%) è scattata la sospensione. Per uno stesso veicolo possono essere rilevate più infrazioni, ad esempio dimensioni e peso non conformi, difetti tecnici o inosservanza dei tempi di lavoro e di riposo.

Alle frontiere, l’Udsc ha dal canto suo ispezionato complessivamente 49’591 mezzi con operazioni di polizia stradale, contestando infrazioni a 279 mezzi e/o autisti svizzeri e a 3’211 veicoli e/o autisti esteri.

Primo centro in Ticino nel 2022

Quest’autunno sarà inaugurato il Cctp di Giornico (nell’area dell’ex acciaieria Monteforno), omologo di Ripshausen situato a nord del San Gottardo e in funzione dal 2009. La nuova struttura consentirà così di estendere le operazioni anche a sud, spiega l’Ustra, aggiungendo che l’investimento ammonta a circa 250 milioni di franchi.

Con l’entrata in servizio dell’impianto ticinese sarà possibile operare su entrambi i versanti dei valichi alpini di Sempione, San Gottardo e San Bernardino nonché a nord del Gran San Bernardo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved