finanze-pubbliche-in-ripresa-ma-occhio-alla-guerra
Ti-Press
In ripresa
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
25 min

Ventisettenne annega nel lago di Zurigo

È accaduto attorno alle 13.30, mentre nella città iniziava la Streetparade: ancora da chiarire se il fatto sia collegato all’evento
Svizzera
1 ora

HotellerieSuisse, competitività intatta malgrado il franco forte

Lo sosteniene il presidente Andreas Züllig, secondo cui la competitività della Svizzera ‘è cresciuta globalmente’
Svizzera
2 ore

Un morto e tre feriti in un incidente sulla A9

A seguito del sinistro, avvenuto ieri attorno alle 17.30 nel tunnel di Chauderon, l’autostrada è rimasta chiusa per una decina di ore
Svizzera
4 ore

Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Streetparade

Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
5 ore

Derubato di telefono e portafoglio da ignoti

Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
Svizzera
6 ore

Smart contro un camion: una 22enne ferita in modo grave

L’incidente stradale si è verificato ieri pomeriggio a Hunzenschwil (Ag). I due veicoli si sono scontrati frontalmente
Svizzera
7 ore

Crisi energetica: la legna per riscaldarsi non è la soluzione

Lo afferma il meteorologo Jörg Kachelmann, secondo cui il pellet è dannoso per il clima tanto quanto il carbone, il gas o il petrolio
Svizzera
8 ore

Ritrovato il corpo dell’87enne sparito nelle acque del Lemano

L’uomo, un tedesco, era scomparso martedì pomeriggio nei pressi di Montreux. È stato rinvenuto a 100 m di profondità
29.03.2022 - 10:44
Ats, a cura de laRegione

Finanze pubbliche in ripresa, ma occhio alla guerra

Passato il picco della pandemia la situazione economica dovrebbe migliorare. All’orizzonte c’è però l’incertezza dettata dal conflitto

Grazie al miglioramento della situazione epidemiologica e alla conseguente ripresa economica, nel 2023 Cantoni e assicurazioni sociali dovrebbero registrare conti nuovamente in salute. Lo indica oggi l’Amministrazione federale delle finanze (Aff), che mette però in guardia da eventuali contraccolpi negativi causati dalla guerra in Ucraina.

Secondo la statistica finanziaria dell’Afc, strumento che fornisce una panoramica della situazione finanziaria delle amministrazioni pubbliche (Confederazione, Cantoni, Comuni e assicurazioni sociali pubbliche), la pandemia da coronavirus ha innescato la peggior crisi economica degli ultimi decenni, portando nel 2020 a un disavanzo record di 21 miliardi di franchi per le finanze delle amministrazioni pubbliche.

Il deficit del 3% del Pil è dovuto a un forte aumento delle uscite nei settori parziali di Confederazione, Cantoni e assicurazioni sociali pubbliche e a una riduzione del gettito fiscale della Confederazione (soprattutto a titolo di imposta preventiva).

Buona parte delle uscite supplementari sono dovute alle indennità per perdita di guadagno e per lavoro ridotto e all’acquisto di materiale sanitario. Nel 2021 le misure di stabilizzazione sono state completate con aiuti per i casi di rigore erogati alle imprese. Negli anni 2020 e 2021 l’insieme delle amministrazioni pubbliche ha registrato uscite complessive pari a circa 34 miliardi per fronteggiare la pandemia.

Verso una normalizzazione nel 2022

Sulla scia della ripresa dell’economia, nel corso del 2022 la situazione finanziaria delle amministrazioni pubbliche dovrebbe normalizzarsi. La distribuzione supplementare dell’utile della Banca nazionale svizzera e la crescita sostenuta del gettito fiscale dei Cantoni e dei Comuni dovrebbero contribuire in misura importante all’evoluzione positiva dell’intero settore delle amministrazioni pubbliche.

Debito in crescita nel 2020/21...

Per finanziare – 2020 e 2021 – le misure volte mitigare le conseguenze negative della pandemia, le amministrazioni pubbliche hanno utilizzato la liquidità disponibile e aumentato il debito. Anche nel 2022 il capitale di terzi per l’insieme delle amministrazioni pubbliche (in particolare a livello di Confederazione) dovrebbe continuare ad aumentare in termini nominali e raggiungere un nuovo record di 314,3 miliardi.

...e flessione nel 2023

Secondo le stime attuali, per il 2023 è previsto un calo del debito grazie alle eccedenze di finanziamento nei settori parziali di Confederazione, Cantoni e assicurazioni sociali. Grazie alla forte crescita economica, la quota di capitale di terzi per l’insieme delle amministrazioni pubbliche dovrebbe passare dal 42,6% (2020) al 41,4% (2021) del PIL. La pressione globale sui prezzi potrebbe portare anche in Svizzera a un’impennata dell’inflazione. In tal caso le previsioni sull’evoluzione delle finanze pubbliche per i prossimi anni potrebbero risultare troppo ottimistiche.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
economia finanze pubbliche guerra pandemia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved