governo-vodese-destra-vincitrice-al-primo-turno
Keystone
Christelle Luisier unica eletta già al primo turno
20.03.2022 - 18:29
Aggiornamento : 18:53

Governo vodese, destra vincitrice al primo turno

L’alleanza di Plr, Udc e Centro in buona posizione per il ballottaggio. Luisier (Plr) rieletta al primo turno, Amarelle (Ps) in affanno

Ats, a cura di Stefano Guerra

Losanna – Come previsto, per l’elezione del Consiglio di Stato vodese tutto si deciderà nel secondo turno, ma l’Alleanza della destra, composta di PLR, UDC e Centro, che aveva l’obiettivo di strappare la maggioranza alla sinistra, questa sera ha in mano buone carte.

La "ministra" uscente del PLR Christelle Luisier è stata eletta al primo turno con il 50,08% dei consensi (75’113 suffragi). I vodesi decideranno il 10 aprile chi occuperà le altre sei poltrone del governo.

Amarelle in difficoltà

Luisier precede due altri candidati liberali radicali, i consiglieri nazionali Isabelle Moret (47,25%) e Frédéric Borloz (47,07%). Seguono vicinissime le due uscenti socialiste Nuria Gorrite (46,67%) e Rebecca Ruiz (45,88%).

Il consigliere nazionale dell’UDC Michaël Buffat (39,8%) e la presidente dell’Alleanza del Centro cantonale Valérie Dittli (39,79%), più distanziati, precedono di pochissimo la terza uscente del PS, Cesla Amarelle (39,4%) e il candidato dei Verdi Vassilis Venizelos (37,67%).

Partecipazione in calo

Bassa la partecipazione, che, per l’elezione del governo, ha raggiunto il 34,2% contro il 40,13% del 2017 – la legislatura nel Canton Vaud dura cinque anni. Per i sette seggi del governo, i vodesi potevano scegliere tra 25 candidati.

Attualmente in Consiglio di Stato siedono le tre socialiste Ruiz, Amarelle e Gorrite, la verde Béatrice Métraux e i tre liberali radicali Luisier, Philippe Leuba e Pascal Broulis. L’ecologista e i due esponenti maschili del PLR non sollecitavano un nuovo mandato, che scade alla fine di giugno.

Per mantenere la maggioranza acquisita dieci anni or sono, la sinistra, accanto alle tre uscenti del PS, ha candidato Venizelos. A destra, per riconquistarla, PLR, UDC e Alleanza del Centro hanno trovato un’intesa e presentato cinque nomi.

Ballottaggio, la partita è aperta

Secondo il politologo René Knüsel, interrogato da Keystone-ATS, l’Alleanza di destra ha ottenuto un buon risultato e ha mostrato coesione.

"L’alleanza di destra ha funzionato molto bene (...). Il nostro risultato ci darà molta energia per il secondo turno, ma nulla è ancora deciso", ha detto dal canto suo Luisier di fronte ai media.

A sinistra, l’uscente Amarelle sta probabilmente pagando il prezzo di un Dipartimento esposto alle critiche, quello della formazione, aggiunge Knüsel. Venizelos dal canto suo soffrirebbe della sua mancanza di notorietà.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alleanza christelle luisier destra elezione governo vaud
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved