ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 ore

L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare

Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
Svizzera
5 ore

In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico

Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
5 ore

Si addormenta al volante e provoca un incidente frontale

Fortunatamente illesi i due protagonisti del sinistro avvenuto a Villmergen, nel Canton Argovia. Al 67enne è stata ritirata la patente sul posto
Svizzera
6 ore

Grave incidente sugli sci per Philipp Kutter

Dopo l’infortunio, il consigliere nazionale zurighese del Centro (e sindaco di Wädenswil), è stato trasferito al centro specialistico di Nottwil
Svizzera
6 ore

Jelmoli si ristruttura, centinaia di dipendenti interessati

Nessun operatore interessato a gestire la struttura, e Swiss Prime Site, l’attuale proprietario, ne annuncia una profonda ristrutturazione
Svizzera
7 ore

Terremoto in Turchia, echi anche nel nostro Paese

Le prime onde sismiche sono state registrate anche dalla stazione di misurazione di Zurigo, circa 6 minuti dopo la scossa principale
Svizzera
7 ore

Berna accoglie l’appello lanciato dalle autorità turche

La Catena svizzera di salvataggio (composta da un’ottantina di persone) è pronta a partire alla volta delle zone colpite dal violento terremoto
Svizzera
8 ore

La migrazione degli anfibi minacciata dal cambiamento climatico

Non bastava il pericolo di essere investiti durante gli spostamenti verso il luogo di deposizione: il riscaldamento globale ne sconvolge la riproduzione
Svizzera
9 ore

Sostegno e aiuti dalla Svizzera alle vittime del terremoto

Mano tesa del nostro Paese verso Turchia e Siria. Lo indica il presidente della Confederazione Alain Berset con un ‘cinguettio’
Svizzera
10 ore

Dopo il passaporto, è la carta d’identità a rifarsi il look

Il nuovo documento sarà disponibile a partire dal 3 marzo. Quelli emessi prima avranno comunque validità fino alla loro scadenza
Svizzera
1 gior

‘La penuria di farmaci è un problema internazionale’

Secondo Yvonne Gilli, presidente della Federazione dei medici svizzeri, urge una ‘soluzione globale ai massimi livelli’
Svizzera
1 gior

Maggioranza favorevole a riesportazione armi in Ucraina

Secondo un sondaggio il 55% della popolazione ritiene che Paesi terzi dovrebbero essere in grado di fornire all’Ucraina armi di produzione elvetica
Svizzera
1 gior

Tamedia fa ammenda su accuse di mobbing e sessismo

Un’ex redattrice del settimanale ‘Das Magazin’ accusa l’ex responsabile della pubblicazione rimproverando al gruppo un atteggiamento attendista
Svizzera
1 gior

Il Vallese sui casinò si ritiene svantaggiato rispetto al Ticino

Il Consiglio federale intende accordare la concessione per una sola casa da gioco: protesta il consigliere di Stato Darbellay
Svizzera
1 gior

Raccolte le firme per l’iniziativa sul mantenimento del contante

Già certificate oltre 111‘000 firme a favore del ‘Sì a una valuta svizzera libera e indipendente sotto forma di monete o banconote’
03.03.2022 - 13:18
Aggiornamento: 16:51

Ex regie, nessun limite massimo per salari e manager

Il Consiglio degli Stati, ancora una volta, decide la non entrata nel merito sul progetto di legge elaborato ‘obtorto collo’ dal Consiglio federale

ATS, a cura de laRegione
ex-regie-nessun-limite-massimo-per-salari-e-manager
Keystone
Ueli Maurer

Dopo numerose discussioni, rapporti e contro rapporti, l’idea di porre un tetto massimo – un milione di franchi – ai salari dei manager attivi nelle aziende parastatali come le Ffs, La Posta o Ruag è definitivamente archiviata. Per la seconda volta, nonostante la chiara volontà del Nazionale di regolare questo problema, il Consiglio degli Stati ha respinto oggi (27 voti a 13) l’entrata nel merito su un progetto scaturito da un’iniziativa parlamentare dell’ex deputata Susanne Leutenegger Oberholzer (Ps/Bl).

Il progetto di legge si concentra sui manager di sette aziende legate alla Confederazione: Ffs, La Posta, Ruag, Suva, Swisscom, Skyguide e Ssr. I loro dirigenti e membri del consiglio di amministrazione non dovrebbero guadagnare più di un consigliere federale. Ma per la maggioranza del plenum, il progetto in discussione – elaborato ‘obtorto collo’ dal Consiglio federale perché obbligato dallo stesso parlamento che aveva accolto l’iniziativa inoltrata nel 2016, malgrado si sia sempre detto contrario – considera che l’obiettivo di limitare le remunerazioni sia stato nel frattempo raggiunto.

L’idea di evitare eccessi salariali, insomma, non avrebbe più senso, come ha ricordato il consigliere federale Ueli Maurer. Nel suo intervento, il ministro delle finanze ha fatto presente che dal 2016 ne è passata di acqua sotto i ponti e, nonostante gli sforzi e le modifiche apportate al disegno di legge governativo, finora nessun progetto è riuscito a coagulare attorno a sé un consenso sufficiente.

Il fatto, secondo il ministro Udc – che ha chiesto la non entrata nel merito – è che non siamo contrari al principio in sé, bensì al fatto di iscrivere per legge un tetto massimo. «Sappiamo che il tema è delicato e quindi, nel frattempo, abbiamo adottato dei correttivi affinché i salari dei manager delle ex regie federali rimangano entro certi limiti: praticamente nessuno più percepisce oltre il milione di franchi, ossia la somma destinata a un consigliere federale». Maurer ha poi fatto presente l’impossibilità di porre un tetto al salario dei manager di Swisscom, ex regia ormai privatizzata e quotata in borsa.

Per la maggioranza dei ‘senatori’, inoltre, la soluzione proposta è eccessivamente indifferenziata. Se si dovesse proprio stabilire un tetto massimo, occorrerebbe fissare diversi limiti di retribuzione corrispondenti alle differenti condizioni delle aziende. Si tratta di un compito complesso che non compete tuttavia al legislatore, come ha ricordato anche Stefan Engler (Centro/Gr), che ha invitato a tenere conto della separazione dei poteri. Oltre a ciò, anche in base agli sviluppi dinamici all’interno delle aziende, il Consiglio federale deve disporre di un certo margine d’azione nel determinare gli stipendi.

Una minoranza, anche se senza troppa convinzione, ha perorato l’entrata nel merito allo scopo di rispondere al disagio manifestato dalla popolazione verso gli eccessi salariali. Thomas Minder (Indipendente-Udc/Sh), già all’origine dell’iniziativa contro le retribuzioni abusive nel settore privato, si è detto scioccato che certi manager possano guadagnare somme importanti che si avvicinano al milione – Minder ha fatto l’esempio della Suva – pur non avendo di gran lunga le stesse responsabilità di un ministro.

A suo avviso, l’argomento del governo secondo cui sarebbe difficile trovare manager bravi se vengono offerte remunerazioni non in linea col mercato non regge. Per il ‘senatore’ sciaffusano, un manager delle ex regie dovrebbe accontentarsi di un salario simile a quello corrisposto a un Segretario di stato, ossia 380 mila franchi l’anno circa. Somme superiori sono a suo dire eccessive e inaccettabili, specie agli occhi del contribuente.

Per Minder, tenuto conto di queste somme, vi sarebbero sul mercato un numero sufficiente di persone considerate idonee a guidare un’azienda parastatale, che gode per di più sovente di una garanzia statale ed è protetta dalla concorrenza.

Il progetto del Nazionale

In prima lettura, nel marzo 2021, la modifica della Legge sul personale federale era stata approvata dal Consiglio nazionale con 139 voti a 44 e 4 astensioni. Dopo la prima non entrata nel merito degli Stati nel settembre scorso, la camera del popolo aveva ribadito la propria volontà di legiferare in materia in dicembre, approvando nuovamente per ragioni formali l’entrata in materia. Oggi gli Stati hanno preferito porre fine all’esperimento, rifiutandosi di affrontare nei particolari il progetto uscito dalle discussioni del Nazionale.

La revisione fissa a un milione di franchi la rimunerazione annua massima che può essere versata ai quadri di grado più elevato o ai membri dei consigli d’amministrazione di sette grandi aziende della Confederazione, ossia Ffs, Ruag, Skyguide, Suva, Ssr, La Posta e anche Swisscom, benché quest’ultima azienda sia quotata in Borsa. Rispetto al progetto governativo, il Nazionale ha deciso di includere nella regolamentazione le altre imprese della Confederazione come Swissmedic o i Politecnici federali.

Circa le altre aziende e stabilimenti della Confederazione, la definizione dell’importo avrebbe dovuto essere di competenza del Consiglio federale. A ciò si aggiunge anche il divieto di versare indennità di partenza previsto nel progetto.

Un consigliere federale percepisce circa 445 mila franchi lordi all’anno, a cui si aggiunge una somma forfettaria di 30 mila franchi. Aggiungendo la rendita di previdenza e altre prestazioni, si arriva a uno stipendio di circa un milione all’anno.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved