ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Elezioni cantonali a Zugo: Status quo per il governo cantonale

Il Consiglio di Stato rimane quindi composto da tre rappresentanti dell’Alleanza di Centro, due liberali radicali e due Udc
Svizzera
4 ore

Zurigo, 17enne perde la vita dopo una rissa

Altri tre ragazzi sono rimasti feriti nell’alterco scoppiato ieri notte in un appartamento di Oetwil am See
Svizzera
5 ore

L’inflazione colpisce duramente gli anziani

L’indagine ha evidenziato notevoli differenze regionali: gli anziani sono più colpiti in Ticino, dove il 30% dei pensionati vive in condizioni precarie
Svizzera
5 ore

‘Il riscaldamento a 19 gradi? Non s’ha da fare’

A dirlo è il settore immobiliare che critica la raccomandazione del Consiglio federale, poiché una casa troppo fredda è considerata ‘un difetto’
Svizzera
7 ore

Dopo l’addio di Maurer in casa Udc parte il ‘toto-nome’

Tramite il ‘Sonntagsblick’ il presidente democentrista Marco Chiesa stila il possibile profilo (o profili) del successore di Ueli Maurer
Svizzera
1 gior

Un velo indossato male e la morte: il grido degli svizzeri

Più di mille persone hanno manifestato in varie città a sostegno delle della protesta in corso in Iran dopo la morte della 22enne curda Mahsa Amini
Svizzera
1 gior

Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini

Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
1 gior

Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa

Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
01.03.2022 - 12:50
Aggiornamento: 14:35

Lavoratori edili vogliono migliori protezione e salario

All’indomani dell’avvio delle trattative contrattuali, Syna e Unia scendono in campo per presentare le richieste dei loro associati

ATS, a cura di Moreno Invernizzi
lavoratori-edili-vogliono-migliori-protezione-e-salario
Keystone
La strada verso un nuovo contratto nazionale mantello è... un cantiere aperto

I muratori vogliono essere meglio protetti e non essere più ‘derubati’ del tempo di viaggio o di maltempo. Le loro richieste vengono presentate oggi durante una conferenza stampa dai sindacati Syna e Unia, mentre le trattative contrattuali con la Società svizzera degli impresari costruttori (Ssic) hanno preso avvio ieri.

Il contratto nazionale mantello (Cnm), che regola le condizioni di lavoro minime scade alla fine dell’anno, ha ricordato oggi in un comunicato il responsabile dei negoziati del settore della costruzione di Unia Nico Lutz. "Senza Cnm tutto sarebbe permesso: nessun salario minimo, nessuna tredicesima, una settimana di 50 ore e nessuna protezione contro il licenziamento in caso di malattia", sottolinea Lutz ribadendo l’importanza dei negoziati.

I lavoratori edili hanno definito le loro rivendicazioni prima dei negoziati: più di 17’500 di loro hanno partecipato a un grande sondaggio condotto nei cantieri lo scorso autunno. Chiedono una migliore protezione contro il licenziamento e in caso di intemperie: i lavoratori edili – viene sottolineato – non devono né subire riduzioni salariali, né farsi carico da soli del rischio e recuperare tutte le ore di lavoro perse. Ci devono essere criteri chiari per interrompere il lavoro.

Per il riconoscimento delle trasferte

I lavoratori edili chiedono anche che, in futuro, il tempo di viaggio dall’azienda al cantiere venga interamente pagato. "Attualmente, mezz’ora al giorno non viene retribuita, il che è illegale", sostengono i sindacati.

I muratori chiedono anche giornate lavorative più corte, pause retribuite e più vacanze. Essi considerano tali misure come essenziali per contrastare "la pressione crescente dei tempi e dei termini di consegna". I lavoratori edili esigono inoltre che vengano installati più servizi igienici nei cantieri.

Un lavoratore edile su due prima o poi abbandona la professione e cambia ramo professionale, constatano i sindacati. Questi reputano necessario agire tempestivamente per rendere più attrattive le condizioni di lavoro in quanto si accentua una carenza di personale qualificato "a tutti i livelli": apprendisti, operai, quadri, capioperai, capimuratori o direttori dei lavori.

Nell’attuale buona situazione congiunturale, i datori di lavoro devono investire nel miglioramento delle condizioni di lavoro, ha detto Johann Tscherrig, responsabile del ramo edilizia del sindacato Syna, citato nel comunicato. "Purtroppo, i lavoratori edili approfittano ben poco dei vantaggi delle buone prospettive congiunturali, anzi. Con il boom delle costruzioni cresce la necessità di personale nell’edilizia principale. Sul breve periodo, l’attuale carenza di personale qualificato si accentuerà pertanto ulteriormente. Per i dipendenti ciò significa ancora più lavoro in tempi ancora più brevi", ammonisce Tscherrig.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved