vaccini-la-svizzera-cedera-all-estero-fino-a-15-milioni-di-dosi
Fiale del vaccino Moderna (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
45 min

Preventivo 2023: eccedenza di 0,3 miliardi ma nubi all’orizzonte

Dal 2024 in poi le direttive del freno all’indebitamento non potranno essere rispettate e sarà quindi necessario adottare contromisure.
Svizzera
1 ora

Materie prime: ‘Serve maggiore trasparenza’

Il Consiglio federale ha deciso di voler raccogliere maggiori dati statistici su un settore sul quale aleggia una certa opacità
Svizzera
2 ore

Proposta una tassa per le auto elettriche

Lo suggerisce il Consiglio federale. Queste vetture non sottostanno alle tasse sui carburanti, utilizzate anche per finanziare le infrastrutture stradali.
Svizzera
3 ore

Veicoli più sicuri, al via la consultazione

Si mira a introdurre sistemi di assistenza alla guida e ad adottare un nuovo tachigrafo in grado di monitorare il rispetto degli orari degli autisti
Svizzera
3 ore

Alloggi protetti, anche in Ticino ne servono di più

Secondo un rapporto adottato oggi dal Consiglio federale anche nella Svizzera occidentale e in quella centrale sono necessarie maggiori strutture
Svizzera
4 ore

La polizia ferma con il taser un uomo armato di ascia a Berna

Il 51enne ha minacciato gli agenti rifiutandosi di gettare le armi. Fermata anche una donna che ha disturbato l’operazione di polizia.
Svizzera
7 ore

Dal traffico costi annui per 1’600 pro capite

Nel 2019 la spesa complessiva per danni all’ambiente e alla salute ha raggiunto i 14 miliardi di franchi
Svizzera
21 ore

Novartis taglia 1’400 posti di lavoro in Svizzera

La riduzione degli impieghi riguarda il 10% dei posti occupati nella Confederazione
coronavirus
23.02.2022 - 20:55

Vaccini: la Svizzera cederà all’estero fino a 15 milioni di dosi

Per il 2022 Berna ha a disposizione circa 34 milioni di dosi: 20 milioni per il primo semestre e 14 per il secondo

Un massimo di 15 milioni di dosi di vaccini saranno cedute dalla Svizzera ad altri Paesi entro la metà di quest’anno, qualora non fossero destinate a essere somministrate nella Confederazione. Lo comunica oggi il Consiglio federale, aggiungendo inoltre di aver deciso di acquistare medicamenti per proteggere dal Covid-19 gli immunodepressi.

Per il 2022, sottolinea in una nota il governo, Berna ha a disposizione circa 34 milioni di dosi, di cui 20 milioni per il primo semestre e 14 per il secondo. Nel caso in cui dovesse rendersi necessaria un’ulteriore vaccinazione di richiamo, l’approvvigionamento della popolazione svizzera sarebbe garantito in qualsiasi momento, viene assicurato.

Tale strategia garantisce che la Svizzera disponga sempre dell’ultima variante di vaccino disponibile presso i rispettivi produttori, a condizione che sia stata omologata da Swissmedic. Tuttavia, per attenuare il rischio di fallimento di una determinata tecnologia o di inadempimento di un fabbricante, il Consiglio federale ha comprato più dosi di quelle che servono per immunizzare tutti i cittadini.

L’esecutivo ha quindi deciso di cedere all’estero fino a 15 milioni di dosi entro la metà del 2022, sempre che il loro uso non sia necessario in Svizzera. I vaccini in eccesso verranno donati in via prioritaria attraverso il meccanismo multilaterale dell’iniziativa Covax.

Sin dall’inizio della lotta contro la pandemia, ricorda il governo, la Svizzera si è impegnata a garantire che il maggior numero possibile di persone abbia accesso a vaccini efficaci e sicuri. Lo scorso giugno sono state ad esempio donate quattro milioni di dosi del preparato di AstraZeneca. In dicembre poi, la Confederazione ha posticipato la fornitura di un milione di dosi di Moderna affinché l’iniziativa Covax potesse beneficiare delle capacità produttive.

Farmaci per immunodepressi

Non tutte le persone però riescono a sviluppare una protezione contro il Sars-CoV-2. Si tratta in particolare di immunodepressi che presentano gravi patologie di base, che seguono una terapia farmacologica che influisce fortemente sul sistema immunitario o che lo inibisce oppure che si sono sottoposte a un trapianto di organo o cellule staminali.

Questi soggetti estremamente vulnerabili in futuro potranno beneficiare di una protezione preventiva grazie a nuovi medicamenti la cui omologazione è prevista nel corso del 2022. Il Consiglio federale ha deciso di concordare garanzie di acquisto con i fabbricanti per potersi procurare rapidamente tali farmaci e metterli a disposizione degli interessati, ma specifica che saranno esclusivamente rivolti a una categoria ben precisa e non serviranno dunque da alternativa alla vaccinazione per la popolazione in generale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus dosi estero svizzera vaccino vaccino anti covid
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved