ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
17 min

Aviaria, dopo il Ticino e Zurigo ora c’è un caso pure a Lucerna

Il virus H5N1 è stato riscontrato in un gabbiano reale zampegialle a Sursee rinvenuto nei pressi della città vecchia
Svizzera
1 ora

Dopo partita ‘caldo’ alla stazione di Altstetten

Scontri fra tifosi del San Gallo e polizia (che fa ricorso ai proiettili di gomma) a margine della partita con lo Zurigo
Svizzera
3 ore

‘Salta’ un bancomat a Neuendorf, ladri in fuga

Preso di mira un distributore di denaro all’interno di un negozio. Per motivi di sicurezza la zona attorno è stata isolata per diverse ore
Svizzera
3 ore

Sunrise, massa salariale ritoccata al rialzo

L’incremento globale sarà del 2,6%, del 2,8% per i dipendenti soggetti al contratto collettivo di lavoro
Svizzera
3 ore

Il 2022 buona annata per i funghi, pessima per gli avvelenamenti

Aumentate del 25% le chiamate al numero di emergenza 145 di Tox Info Suisse, è il secondo dato più alto di sempre
Svizzera
3 ore

Violenza verso le donne, l’Esercito vuol vederci chiaro

Un sondaggio metterà in luce l’atteggiamento dei soldati nei confronti delle donne in grigioverde
Svizzera
5 ore

Soldi degli oligarchi per l’Ucraina? ‘Si può fare’

Secondo Mark Pieth, professore di diritto penale ed esperto di corruzione, una base legale che lo consente nel nostro Paese già c’è
Svizzera
6 ore

‘Qui la disinformazione non è sufficientemente contrastata’

Lo sostiene il sociologo vallesano Laurent Cordonier, secondo cui nel nostro Paese si dovrebbe fare di più
coronavirus
23.02.2022 - 20:55

Vaccini: la Svizzera cederà all’estero fino a 15 milioni di dosi

Per il 2022 Berna ha a disposizione circa 34 milioni di dosi: 20 milioni per il primo semestre e 14 per il secondo

vaccini-la-svizzera-cedera-all-estero-fino-a-15-milioni-di-dosi
Fiale del vaccino Moderna (Keystone)

Un massimo di 15 milioni di dosi di vaccini saranno cedute dalla Svizzera ad altri Paesi entro la metà di quest’anno, qualora non fossero destinate a essere somministrate nella Confederazione. Lo comunica oggi il Consiglio federale, aggiungendo inoltre di aver deciso di acquistare medicamenti per proteggere dal Covid-19 gli immunodepressi.

Per il 2022, sottolinea in una nota il governo, Berna ha a disposizione circa 34 milioni di dosi, di cui 20 milioni per il primo semestre e 14 per il secondo. Nel caso in cui dovesse rendersi necessaria un’ulteriore vaccinazione di richiamo, l’approvvigionamento della popolazione svizzera sarebbe garantito in qualsiasi momento, viene assicurato.

Tale strategia garantisce che la Svizzera disponga sempre dell’ultima variante di vaccino disponibile presso i rispettivi produttori, a condizione che sia stata omologata da Swissmedic. Tuttavia, per attenuare il rischio di fallimento di una determinata tecnologia o di inadempimento di un fabbricante, il Consiglio federale ha comprato più dosi di quelle che servono per immunizzare tutti i cittadini.

L’esecutivo ha quindi deciso di cedere all’estero fino a 15 milioni di dosi entro la metà del 2022, sempre che il loro uso non sia necessario in Svizzera. I vaccini in eccesso verranno donati in via prioritaria attraverso il meccanismo multilaterale dell’iniziativa Covax.

Sin dall’inizio della lotta contro la pandemia, ricorda il governo, la Svizzera si è impegnata a garantire che il maggior numero possibile di persone abbia accesso a vaccini efficaci e sicuri. Lo scorso giugno sono state ad esempio donate quattro milioni di dosi del preparato di AstraZeneca. In dicembre poi, la Confederazione ha posticipato la fornitura di un milione di dosi di Moderna affinché l’iniziativa Covax potesse beneficiare delle capacità produttive.

Farmaci per immunodepressi

Non tutte le persone però riescono a sviluppare una protezione contro il Sars-CoV-2. Si tratta in particolare di immunodepressi che presentano gravi patologie di base, che seguono una terapia farmacologica che influisce fortemente sul sistema immunitario o che lo inibisce oppure che si sono sottoposte a un trapianto di organo o cellule staminali.

Questi soggetti estremamente vulnerabili in futuro potranno beneficiare di una protezione preventiva grazie a nuovi medicamenti la cui omologazione è prevista nel corso del 2022. Il Consiglio federale ha deciso di concordare garanzie di acquisto con i fabbricanti per potersi procurare rapidamente tali farmaci e metterli a disposizione degli interessati, ma specifica che saranno esclusivamente rivolti a una categoria ben precisa e non serviranno dunque da alternativa alla vaccinazione per la popolazione in generale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved