e-una-tematica-mondiale-noi-abbiamo-segnato-la-via
Keystone
‘Continueremo a batterci contro l’allevamento intensivo’
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

Plr: sì alla modifica della legge sull’imposta preventiva

Durante l’assemblea dei delegati si è parlato anche in larga misura di sicurezza della Svizzera
Svizzera
11 ore

Cassis e Keller-Sutter smorzano le critiche contro il Governo

Da un lato hanno relativizzato le critiche all’Esecutivo, dall’altro hanno mostrato comprensione di fronte alla stanchezza delle persone.
Svizzera
14 ore

Cade un elicottero sul Wiriehorn: due persone ferite

Il velivolo civile si è schiantato al suolo poco dopo le 11 sulla montagna dell’Oberland bernese.
Svizzera
17 ore

Con l’auto tra le bancarelle del mercato. Un ferito grave

A Ginevra un trentenne ha perso il controllo della vettura. In corso le indagini per capire se all’origine via sia un consumo eccessivo di alcool o droga.
Svizzera
17 ore

Plr: uno status di protezione più orientato al futuro rimpatrio

Durante l’assemblea dei delegati di oggi si parlerà di guerra, dell’aumento del budget dell’esercito e dell’imposta preventiva
Svizzera
1 gior

Tunnel del Gottardo riaperto, due feriti gravi nell’incidente

Un’auto ha invaso la corsia opposta schiantandosi contro un camion, una delle cui ruote si è staccata colpendo un’altra vettura
Svizzera
1 gior

Il duello fratricida Maillard/Nordmann potrebbe non esserci

Candidatura al Consiglio degli Stati, fra i due socialisti vodesi sarebbe stato trovato un accordo. La ‘soluzione’ verrà presentata sabato ai delegati
Svizzera
1 gior

Comm. Ambiente degli Stati: neutralità climatica entro il 2050

La Commissione raccomanda al plenum di approvare il controprogetto indiretto all’iniziativa ‘Per un clima sano (Iniziativa per i ghiacciai)’
Svizzera
1 gior

Moderna fa domanda di estensione per il vaccino contro Omicron

Il vaccino ambivalente contiene mRNA messaggero sia per la proteina spike del ceppo di Wuhan sia per quella delle varianti Omicron
Svizzera
1 gior

Zurigo, studenti alla guida dei tram: rabbia del sindacato

La Vpod: ‘Flessibilità promessa ai giovani ma non ai lavoratori fissi’. L‘azienda: ‘Lo facciamo per sgravare i dipendenti’
Svizzera
1 gior

Lupo, Comm. Ambiente agli Stati è per l’abbattimento preventivo

Le popolazioni di lupi dovranno essere regolate per evitare danni o pericoli futuri. Lo sostiene il progetto approvato per 9 voti a 2
Svizzera
1 gior

Il coltellino svizzero celebra i suoi 125 anni

Il ‘coltello da ufficiale svizzero e sportivo’ è stato registrato da Karl Elsener, svittese fondatore di Victorinox, il 12 giugno del 1897
Svizzera
1 gior

Mussolini dottore honoris causa all’Unil: errore, ma no a revoca

L‘università di Losanna fa ammenda per il titolo concesso al Duce nel 1937, ma invece della revoca propone misure per una ‘politica basata sulla memoria’
Svizzera
1 gior

Processo FIFA: Jérôme Valcke condannato, Al-Khelaifi assolto

Nell’appello per la vicenda dei diritti tv, undici mesi sospesi all’ex segretario generale per falsità in documenti e ripetuta corruzione passiva
Svizzera
1 gior

Furti di cellulari: Ticino poco colpito, Ginevra invece in testa

I ladri agiscono principalmente in luglio e agosto e durante il weekend, lo evidenzia l’assicurazione Axa
Svizzera
1 gior

Falso poliziotto nei Grigioni: truffa da 65mila franchi

L’uomo è riuscito a farsi consegnare i soldi da una 76enne contattata per telefono. La somma sarebbe servita a evitare l’arresto (inventato) della figlia
Svizzera
2 gior

Libera circolazione, è scontro sui controlli

Critiche su controlli a condizioni di lavoro e salari da parte della vigilanza federale. Le associazioni sindacali e i padronati non ci stanno
Svizzera
2 gior

Oltre 600 condannati scontano la pena in strutture private

Nel marzo di quest’anno, sul totale di 6’945 persone condannate alla privazione della libertà, 633 erano in un istituto non penitenziario
Svizzera
2 gior

L’agricoltura svizzera verso un futuro sostenibile

Secondo il Consiglio federale, la Svizzera deve orientarsi verso alimenti più sani e ridurre gli sprechi
Svizzera
2 gior

Crescono le nascite in Svizzera, sempre di più le mamme over 30

Nel 2021 sono nati 89’600 bambini, il 3,4% in più rispetto all’anno precedente. Tre bambini su dieci sono figli di genitori non uniti in matrimonio
Svizzera
2 gior

Il divario salariale uomini-donne è sceso (di poco) nel 2021

Gli stipendi delle donne sono aumentati sia per il lavoro a tempo pieno che per quello parziale, mentre in alcuni casi sono calati quelli degli uomini
Svizzera
2 gior

Travail.Suisse: ‘Sostenere maggiormente chi ha redditi bassi’

L’organizzazione sindacale propone un piano di 18 misure per rafforzare il potere d’acquisto
Svizzera
2 gior

In Svizzera, le località top sono Zurigo e Ginevra

La città sulla Limmat si piazza al terzo posto fra quelle con la migliore qualità, quella sul Lemano al sesto. Davanti a tutti Vienna
Svizzera
2 gior

Personale di Swissport disdice il contratto collettivo di crisi

I sindacati: ‘È giunto il momento di tornare alle condizioni di lavoro abituali’. La società non avrebbe però intenzione di soddisfare le richieste
Svizzera
2 gior

Bimba di 4 anni muore dopo essere caduta in una piscina

L’incidente è avvenuto la scorsa settimana a Baar, nel canton Zugo. Le indagini proseguono per stabilire le circostanze esatte
laR
 
14.02.2022 - 18:16
Aggiornamento : 18:52

‘È una tematica mondiale. Noi abbiamo segnato la via’

Malgrado la bocciatura delle urne, Anna Grun (Sentencie Politics) trova il lato positivo: ‘In queste settimane se ne è parlato in tutto il mondo’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Sì, ovviamente siamo dispiaciuti per l’esito della votazione, e in particolare perché i contrari siano stati così tanti (poco meno di tre votanti su quatto si è espresso contro: il 74,24%, ndr), ma d’altro canto sperare di spuntarla forse sarebbe stato eccessivo», commenta Anna Grun, responsabile della comunicazione in seno a Sentience Politics. Che, al di là della delusione per la secca bocciatura dalle urne per l’iniziativa che mirava a dare pari-diritti degli esseri umani ai primati, trova comunque una nota positiva: «Malgrado l’esito finale della votazione, siamo riusciti a portare sotto i riflettori dell’opinione pubblica questa tematica. E non solo in Svizzera: nelle ultime settimane la nostra iniziativa (che, se accolta, sarebbe stata un unicum a livello mondiale) ha fatto parlare di sé ben al di fuori dei confini cantonali e nazionali. Abbiamo contato più di trecento articoli che parlavano della nostra battaglia per i primati, scritti da ogni angolo del mondo. Siamo stati contattati perfino da giornalisti ungheresi, russi e addirittura australiani. E questo è un chiaro segno che l’interesse, attorno alla problematica dei diritti degli animali, non per forza di cose i primati, è parecchio: quello degli animali è sicuramente un soggetto molto importante e d’attualità, oltre che molto sensibile. In fondo ciò a cui ambivamo con la nostra iniziativa era far passare il messaggio che l’essere umano non può porsi a un livello sempre superiore agli animali, ma deve considerarli sul suo stesso piano, e dunque deve tenere in considerazione anche gli interessi di questi ultimi».

Per arrivare fino alle urne, la vostra campagna per i diritti dei primati ha dovuto affrontare (e vincere) una battaglia passata anche dal Tribunale federale. «E già il fatto di aver vinto quel round, iniziato nel 2017 ma chiuso solo nel 2020, per noi è stato importante, una bella vittoria. E di questo possiamo andare orgogliosi. Più che per l’immediato, quella vittoria è stata importante per il futuro: è stato un primo passo nella direzione giusta».

Una votazione (non solo) simbolica

Considerando che su territorio cantonale, a Basilea le uniche scimmie sono quelle presenti allo zoo di Basilea e a quello di Lange Erlen («fino a qualche anno fa pure i colossi farmaceutici come Novartis e Roche avevano qualche scimmia per i loro test, ma oggi non più»), la vostra era da ritenere più una battaglia simbolica che altro? «Se vogliamo sì, possiamo anche definirla una battaglia simbolica. Anche se l’aspirazione resta quella di poter garantire questi diritti a tutti i primati. Ed è appunto con questo intento che avevamo lanciato la nostra campagna. Poi, però, la decisione del Tribunale federale ci ha imposto un cambio di rotta, circoscrivendo la campagna ai soli primati del Cantone, escludendo quelli dei privati». Cantone che, di fatto, però non ha in gestione diretta scimmie... «È vero che in caso di accettazione, sarebbero stati solo i primati di competenza del Cantone a beneficiare dei pari-diritti, ma è altrettanto vero che su questo punto il Tribunale federale non si era rivelato così categorico, lasciando anzi un buono spiraglio d’azione, cosa che avrebbe potuto tradursi in quello che si può definire un ‘effetto indiretto’ per i privati. I quel caso i passi futuri sarebbero stati tutti ancora da scrivere».

Ma così non è andata... Sfumato il progetto dei diritti dei primati, ora l’attenzione di Sentience Politics torna a focalizzarsi sull’altra grande campagna che sta portando avanti. Stavolta nel mirino ci sono gli allevamenti intensivi: «Questi erano i nostri due grandi progetti. Chiuso il capitolo primati a Basilea, ora torniamo a focalizzarci sull’altra questione, dove potremo concentrare tutte le nostre forze. Sulla questione dei primati, e in particolare su quanto hanno detto le urne domenica, dovremo ancora discutere, per capire se e come eventualmente riprendere in mano il discorso. Ad ogni modo ciò che questa esperienza ci ha dimostrato è che quello dei primati non è un tema che concerne solo la città di Basilea, il suo Cantone o la Svizzera, ma riguarda il mondo intero: siamo persuasi che altri Paesi seguiranno la via che abbiamo tracciata». Perché avete scelto di perorare la vostra causa proprio a Basilea? «Sono molteplici le ragioni che ci hanno indotti a sostenere la nostra campagna proprio in riva al Reno, a cominciare dal fatto che al momento di iniziarla, di scimmie se ne contavano diverse anche fra i privati come appunto quelli citati poc’anzi».

Il comunicato: nessun diritto di base per i primati di Basilea: un’occasione persa

I primati non umani a Basilea non riceveranno per il momento i diritti fondamentali, si legge nel comunicato di Sentience Politics diffuso dopo le votazioni. Gli elettori di Basilea Città hanno respinto l’iniziativa ‘Diritti fondamentali per i primati’ lanciata da Sentience. Ciononostante, Sentience si rallegra del discorso sulla relazione tra uomini e animali, che è stato condotto ben oltre i confini del Paese nelle ultime settimane. Si trattava di due diritti concreti che avrebbero dovuto essere garantiti ai primati non umani: il diritto alla vita e il diritto all’integrità fisica e mentale. Nonostante una campagna elettorale impegnata in cui, oltre al Ps e ai Verdi, celebrità internazionali come la dottoressa Jane Goodall si erano espresse a favore delle richieste dell’Iniziativa Primati, l’elettorato di Basilea si è dimostrato non ancora pronto per compiere questo passo.

Il team della campagna e la sua leader Tamina Graben sono delusi, ma vedono anche molte cose positive e guardano con ottimismo al futuro: «Abbiamo innescato un dibattito internazionale. È diventato chiaro a molte persone: dobbiamo rivalutare la nostra posizione nel mondo e vederci come parte del tutto. Questo include anche dare il giusto riconoscimento al valore intrinseco degli altri animali. Ce ne rendiamo conto più chiaramente con i nostri parenti più prossimi, i primati non umani».

Cambiare lo status quo è sempre stato difficile, come dimostrano numerose conquiste del passato che ora diamo per scontate. L’Iniziativa sui Primati è stata la prima volta al mondo che con un referendum il popolo è stato chiamato a decidere se gli animali non umani dovessero ricevere diritti fondamentali. «Siamo felici che molte persone a Basilea si siano dimostrate pronte per questo passo – continua Graber – Ciò dimostra che molte persone non mettano più sistematicamente l’uomo al di sopra degli altri animali, ma vogliono anche prendere sul serio i loro bisogni. Inoltre, con oltre 300 articoli dei media sull’iniziativa, abbiamo stimolato un discorso ben oltre i confini del Paese e reso lo status giuridico di altri esseri senzienti una questione importante».

Per Sentience, una cosa è certa: il dibattito non è certo finito con questo voto. La questione non è se i primati non umani avranno mai i diritti di base, ma quando li avranno.

Chi sono gli iniziativisti

Sentience Politics (o, semplicemente, ‘Sentience’ in breve) è un’associazione che pone gli interessi degli ‘animali non umani al centro della società. Il termine ‘senzienza’ si riferisce alla capacità di sentire, e più specificamente, di provare piacere e dolore.

Oltre agli umani, anche gli animali non umani possiedono infatti questa capacità. «È la capacità di sentire che definisce moralmente il motivo per cui possiamo essere danneggiati – spiegano da Sentience Politics –. Quindi, questa capacità di sentire è di fondamentale importanza politica. Poiché le sofferenze e gli interessi di tutte le persone sono importanti, vogliamo avere un impatto positivo su quante più persone possibile. È quindi utile cercare i cosiddetti punti di sinergia: come possono le nostre azioni risolvere o alleviare più problemi contemporaneamente? È anche importante vedere quali aree sono attualmente relativamente trascurate: se troppe risorse sono già assegnate a un’area, il beneficio marginale delle risorse aggiuntive è di solito inferiore a quello che si ottiene se si è fatto poco».

Oltre alla campagna che mirava a riconoscere ai primati i medesimi diritti degli esseri umani a Basilea, Sentience Politics si batte in particolare contro l’allevamento intensivo degli animali da reddito.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
basilea diritti animali iniziativa primati sentencie politics
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved