perse-il-figlio-durante-un-rinvio-chiesto-un-risarcimento
Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
6 ore

Novartis taglia 1’400 posti di lavoro in Svizzera

La riduzione degli impieghi riguarda il 10% dei posti occupati nella Confederazione
Svizzera
7 ore

In Svizzera +34% di contagi da coronavirus in sette giorni

Nell’ultima settimana sono stati registrati 33’108 casi. In terapia intensiva il 6% dei letti è occupato da pazienti Covid
Svizzera
8 ore

Giochi d’azzardo all’estero, appropriato il blocco alle reti

Lo ha stabilito il Tribunale federale, confermando il provvedimento imposto a tre fornitori esteri di simili servizi
Svizzera
8 ore

Assistenza ventricolare, 3 ospedali impianteranno i dispositivi

Mandato di prestazione per l’Inselspital e i nosocomi universitari di Losanna e Zurigo. A sollecitarlo erano state sette strutture
Svizzera
8 ore

Sottratti 3,2 milioni alle Ffs, condannati in quattro

Tre ex dipendenti giudicati colpevoli di truffa per mestiere, falsità in documenti e infedeltà nella gestione pubblica. Punito anche il complice
Svizzera
8 ore

L’iniziativa sull’allevamento intensivo è ‘inutile e costosa’

Secondo le stime della Confederazione, se accettata, provocherebbe spese aggiuntive tra 0,4 e 1,1 miliardi di franchi
Svizzera
10 ore

L’inflazione incombe sulla ristorazione svizzera

In Svizzera il fenomeno è ancora limitato rispetto all’area Euro. Ma c’è già chi, come la catena Starbucks, ha alzato leggermente i prezzi
Svizzera
10 ore

Aumentano gli incidenti gravi sulle strade svizzere

Nel 2021 sono stati 3’933, e in duecento casi con esito letale. In Ticino la proporzione più elevata
Svizzera
13 ore

Sempre più privati richiedono l’accesso a documenti ufficiali

L’anno scorso le domande di visionare questi atti sono state 1’385, il 16% in più rispetto al 2020. Accesso completo concesso solo in 694 casi
Svizzera
13 ore

Il Covid ha pesato sul turismo anche nel 2021: -43,9% di entrate

Rispetto al 2019 la bilancia segna un -605 milioni di franchi
Svizzera
1 gior

71 pecore precipitate nell’Oberland grigionese, sospetto lupo

Gli ovini sono caduti da una parete rocciosa alta dieci metri, 24 sono morti e 19 hanno dovuto essere abbattuti. Si pensa all’attacco di un predatore
Svizzera
1 gior

Aumenta il consumo degli oppioidi in Svizzera

Uno studio del Politecnico di Zurigo evidenzia come la vendita è cresciuta del 91 per cento, così come sono triplicate le chiamate a Tox Info
03.02.2022 - 10:57
Aggiornamento: 16:43
Ats, a cura de laRegione

Perse il figlio durante un rinvio. Chiesto un risarcimento

La donna siriana aveva avuto un aborto spontaneo. Era stata rimandata con la sua famiglia in Italia mentre cercava di raggiungere la Francia

La famiglia di una donna siriana, che abortì durante un rinvio in Italia nell’estate del 2014, ha presentato una richiesta di riparazione morale e di risarcimento danni, dell’ordine rispettivamente di 159’000 e 136’000 franchi. Lo ha fatto oggi in un’udienza pubblica davanti al Tribunale amministrativo federale (TAF) di San Gallo.

L’avvocata della famiglia (moglie, marito e tre figli) ha affermato che la sua cliente soffre ancora oggi di un disturbo da stress post-traumatico e di depressione. Era stata colta da angoscia e panico negli uffici doganali di Briga (VS).

La legale ha messo in risalto come il sentimento di abbandono e il trasferimento forzato verso l’Italia, mentre la donna soffriva di dolori insopportabili, siano all’origine delle sue difficoltà psichiche.

Quest’ultima chiede pure una riparazione in nome del marito e dei tre figli, minorenni all’epoca dei fatti. Tutti hanno subito le conseguenze di tale tragedia e oggi il coniuge deve praticamente badare solo alla famiglia a causa dei problemi della moglie.

‘Manca la causalità’

Nel gennaio 2021, il Dipartimento federale delle finanze (DFF) ha respinto in prima istanza la richiesta di riparazione e risarcimento danni inoltrata dalla famiglia. Ha giustificato la sua decisione affermando che sebbene le guardie di confine non abbiano agito correttamente in quel momento, il loro comportamento non è la ragione del presunto danno subito. Manca l’asserita causalità, presupposto per la richiesta di risarcimento.

Il DFF non attribuisce nemmeno al comportamento delle guardie di confine i problemi psicologici della donna. Piuttosto sono dovuti all’evento traumatizzante dell’aborto spontaneo. Per tutti questi motivi il DFF ha rifiutato la richiesta della famiglia, come risulta dagli atti pubblicati dal TAF.

La coppia ha allora impugnato la decisione negativa del DFF davanti al Tribunale amministrativo federale. A loro avviso, i problemi psichici sono una conseguenza della lesione personale inflitta alla donna in quelle circostanze traumatiche.

La famiglia cercava di raggiungere la Francia

I fatti risalgono al 4 luglio 2014: quel giorno il marito e la moglie - allora 22enne e al settimo mese di gravidanza - assieme ai loro tre figli minorenni erano stati intercettati alla frontiera franco-svizzera mentre cercavano di raggiungere la Francia dall’Italia con altri 36 profughi. I doganieri francesi li consegnarono allora alle Guardie di confine svizzere per il rinvio in Italia, lo Stato dello Spazio Dublino dove i migranti avevano inoltrato la prima richiesta d’asilo

I migranti furono dapprima portati in bus a Briga (VS), dove arrivarono poco prima delle 14.30. Da lì avrebbero dovuto proseguire in treno fino a Domodossola. A causa della forte affluenza di passeggeri il viaggio fu posticipato.

I profughi vennero temporaneamente ospitati nei locali di controllo delle guardie di confine di Briga. Poco dopo l’arrivo in Vallese la donna iniziò ad avere dolori e sanguinamenti, che descrisse come doglie. Il marito sostiene di avere avvisato le guardie di confine e di avere ripetutamente chiesto di chiamare un medico, ma senza successo. A Domodossola (I) la siriana ebbe un collasso. Le guardie di frontiera italiane chiamarono subito i soccorsi, ma una volta portata in ospedale, la donna ebbe l’aborto spontaneo.

Tre guardie di confine condannate

Ad inizio 2021, la giustizia militare ha condannato tre guardie di confine in relazione all’aborto spontaneo della donna siriana durante il rinvio in Italia. Secondo i giudici i tre avrebbero dovuto mostrare coraggio civile: sarebbe stato loro dovere chiamare un’ambulanza, anche contro la volontà del loro superiore.

Con decreti di accusa i tre sono stati condannati in febbraio e marzo a 30 aliquote giornaliere da 100 a 200 franchi (da 3000 a 6000 franchi) ciascuno. Il capo delle tre guardie di confine, un sergente maggiore, era già stato condannato nel 2018. In appello, la pena detentiva per lesioni colpose e ripetuta inosservanza di prescrizioni di servizio era stata ridotta a 150 aliquote giornaliere di 150 franchi con la condizionale

Leggi anche:

Siriana abortì a Domodossola, condannate 3 guardie di confine

Ridotta in Appello la pena alla Guardia di confine

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved