ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
9 ore

Sulle etichette dei prodotti freschi anche il mezzo di trasporto

Lo chiede un’iniziativa parlamentare approvata dalla Commissione scienza, educazione e cultura degli Stati, in particolare per il trasporto via aereo
Svizzera
10 ore

Corona-Leaks, in esame la consegna dei dati a Marti

La consigliera federale Keller-Sutter chiede di verificare se il procuratore straordinario può legalmente accedere all’intera casella e-mail di Lauener
Svizzera
11 ore

Altra giornata di sciopero per i funzionari pubblici vodesi

È la terza nelle ultime sei settimane per rivendicare l’indicizzazione completa dei salari. Previsto un corteo fino alle porte del Gran Consiglio
Svizzera
11 ore

Stranieri di terza generazione, no a naturalizzazione agevolata

Prematura una revisione della procedura: la Commissione delle istituzioni politiche degli Stati raccomanda di respingere l’iniziativa parlamentare
Svizzera
11 ore

Gatto chiuso in una gabbia ritrovato morto nell’Aare

L’animale era stato recuperato da un pescatore a Wolfwil. Sulla vicenda sta indagando la Polizia cantonale solettese
Svizzera
12 ore

Catena della solidarietà, 154 milioni di ‘anelli’ nel 2022

L’anno appena concluso è stato il secondo in assoluto per la somma complessiva raccolta: solo nel 2004 le donazioni erano state superiori
Svizzera
12 ore

WhatsApp, Migros e Google sono i marchi più popolari in Svizzera

Il sondaggio in base all’indicatore Brand Indicator Switzerland è fondato su criteri come la rilevanza e l’emozionalità
Svizzera
12 ore

Brucia un appartamento a Gerlafingen, un morto

A trovare il corpo senza vita dell’uomo sono stati i pompieri, una volta spente le fiamme. Precauzionalmente evacuato l’edificio
Svizzera
12 ore

L’estate dei record fa segnare anche l’anno record per infortuni

L’assenza di limitazioni legate al coronavirus e le condizioni climatiche favorevoli fanno lievitare gli incidenti durante il tempo libero: +14%
Svizzera
12 ore

Escursionista con racchette cade e muore

Dopo un giorno di ricerche, il corpo senza vita dell’uomo, un 38enne, è stato rinvenuto in una buca carsica di Selun, nel Canton San Gallo
Svizzera
14 ore

Si schianta contro un sottopassaggio: morto

L’uomo, di mezza età, è deceduto sul posto dopo aver centrato un muro a Sirnach, nel Canton Turgovia
Svizzera
14 ore

Ignoti appiccano fuoco in una scuola elementare

Seri danni allo stabile di Brunnmatt, nella parte su della città di Basilea. Nessuno è rimasto ferito
Svizzera
14 ore

Trovati due corpi travolti da una valanga sopra Fully

Verosimilmente potrebbero essere il francese (residente nel Canton Vaud) e il belga (residente in Vallese) dispersi da qualche giorno
Svizzera
14 ore

Lotta alla corruzione nel settore pubblico, si marcia sul posto

Secondo il rapporto di Transparency International, nel nostro Paese il nepotismo è sempre troppo diffuso
Svizzera
14 ore

Ticino vagone di coda per puntualità dei convogli Ffs

Se a livello svizzero nel 2022 il 92,5% dei treni è arrivato in orario, a Sud delle Alpi più di 1 su 10 è giunto a destinazione più di 3’ dopo
Svizzera
15 ore

Udc per un giro di vite sull’immigrazione

In vista delle elezioni di autunno, il partito auspica lo spostamento delle procedure di asilo al di fuori dei confini nazionali
02.02.2022 - 07:56
Aggiornamento: 18:48

Votazioni federali, sul sostegno ai media lotta all’ultimo voto

Secondo due sondaggi il divario fra favorevoli e contrari è stretto. Atteso il ‘sì’ per vietare la pubblicità sul tabacco.

Ats, a cura de laRegione
votazioni-federali-sul-sostegno-ai-media-lotta-all-ultimo-voto
Keystone

Se si fosse votato il 23 gennaio, dei quattro oggetti sui quali il popolo è chiamato a esprimersi il 13 febbraio, solo l’iniziativa popolare ‘Sì alla protezione dei fanciulli e degli adolescenti dalla pubblicità per il tabacco’ sarebbe stata accolta. L’iniziativa volta a vietare gli esperimenti sugli animali, la modifica della legge federale sulle tasse di bollo, come anche la legge federale su un pacchetto di misure a favore dei media, sarebbero state respinte. È quanto rivela il secondo sondaggio realizzato dall’istituto di ricerca gfs.bern su mandato della Ssr e il terzo sondaggio Tamedia e 20 Minuten.

A favore del divieto il 63% degli interpellati

L’iniziativa ‘Sì alla protezione dei fanciulli e degli adolescenti dalla pubblicità per il tabacco’ viene nettamente accolta ottenendo il 63% dei voti a favore e il 35% dei contrari. Rispetto al sondaggio precedente i ‘no’ guadagnano però 10 punti percentuali a scapito dei “sì”.

Il campo dei contrari ha convinto soprattutto i simpatizzanti del Plr e dell’Udc che ora sono in maggioranza contro il divieto di pubblicità. Nel Plr la percentuale dei sostenitori è scesa dal 57% al 42% e nei ranghi dell’Udc dal 57% al 37%. Gli altri partiti sono prevalentemente a favore dell’iniziativa. Chiare tendenze al ‘no’ vi sono nella Svizzera tedesca e nelle zone rurali, così come tra le persone con un livello di istruzione basso o medio e nelle famiglie con un basso reddito. Le persone che vivono nella Svizzera latina e gli abitanti delle città sono e restano su larga scala per il ‘sì’. Nella Svizzera italiana e nella Svizzera francese i favorevoli sono rispettivamente il 68% (30% i contrari) e il 77% (22% i contrari). Nella Svizzera tedesca i ‘no’ sono il 39% e i ‘sì’ il 59%.

Anche il terzo sondaggio di Tamedia mostra una maggioranza a favore per questo oggetto, anche se più bassa (60%), con il 39% di contrari.

La maggioranza contro l’iniziativa sul divieto di esperimenti sugli animali

La bocciatura dell’iniziativa ‘Sì al divieto degli esperimenti sugli animali e sugli esseri umani - Sì ad approcci di ricerca che favoriscano la sicurezza e il progresso’ diventa ancora più netta: nel sondaggio della Ssr viene respinta da oltre i due terzi degli intervistati (68%), mentre poco più di un quarto si dice chiaramente o piuttosto a favore. Nell’arco di un mese il campo dei ‘sì’ ha perso 19 punti percentuali. Il 6% è ancora indeciso. Simile andamento lo si rileva nel sondaggio di Tamedia dove i contrari sono passati dal 71% della precedente analisi all’80% attuale.

C’è una tendenza al ‘no’ in tutti i partiti presi in considerazione. Nel sondaggio Ssr si nota persino un’inversione di tendenza tra i simpatizzanti del Ps e dei Verdi. Questi ultimi, inizialmente favorevoli (62%), sono ora per lo più contrari (59%). I socialisti, invece, sono ora contrari al 73%, rispetto al 41% del sondaggio precedente. Le donne, che inizialmente erano a favore (60%), sono ora contro con il 57% di ‘no’. A livello di regioni linguistiche la percentuale più elevata di contrari viene rilevata nella Svizzera tedesca (69%) e romanda (68%). Nella Svizzera italiana i contrari sono il 57%.

Secondo gfs.bern, i due argomenti più spesso utilizzati per giustificare il ‘no’ sono stati la necessità di mantenere la Svizzera come luogo di ricerca e il regolamento attuale, che permette di ridurre al minimo la sperimentazione animale.

Divario più stretto sul sostegno ai media

Il divario tra sostenitori e oppositori della legge federale su un pacchetto di aiuti per i media rimane stretto, con un leggero vantaggio per il ‘no’, secondo il sondaggio della Ssr. Non meno del 49% è contro e il 46% a favore. Il tasso di indecisi è del 5%. Nel sondaggio di Tamedia invece la tendenza al ‘no’ è stata più pronunciata: il 56% è contrario e il 42% è a favore.

La divisione partitica è diventata più pronunciata, con entrambi i sondaggi che mostrano un chiaro rifiuto del testo da parte del Plr e dell’Udc e un forte sostegno da parte dei Verdi e del Ps.

Gli autori del sondaggio della Ssr sottolineano che la maggioranza dei sostenitori dell’Alleanza del centro e del Pvl appoggia ancora la legge. Tuttavia l’approvazione è scesa dal 65% al 61% tra i Verdi liberali e dal 57% al 53% tra i simpatizzanti del Centro.

Differenze si riscontrano anche tra le regioni linguistiche: nella Svizzera italiana e nella Svizzera francese prevale il ‘sì’, mentre nella Svizzera tedesca i ‘no’.

Tasse di bollo: non confermate

Anche il già chiaro ‘no’ all’abolizione dell’imposta di bollo si è rafforzato, passando dal 58% al 60%, secondo il sondaggio di Tamedia. Tale tendenza è rilevata anche nel sondaggio di Ssr dove i contrari sono ora il 53%, mentre un mese fa era rappresentato dal 49%.

L’opposizione alla modifica della legge è aumentata nelle file del Ps e dei Verdi, mentre il Plr e l’Udc mostrano ancora una maggioranza a favore del progetto di legge. I simpatizzanti del Centro, inizialmente a favore, sono passati nel campo dei contrari, nonostante la linea del partito e sono ora il 49% contro e il 45% a favore, mentre il 57% era a favore un mese fa.

Il ‘no’, anche se per lo più in leggera maggioranza, è aumentato anche nella Svizzera romanda e nella Svizzera italiana. Gli autori del sondaggio della Ssr notano anche che il no è stato confermato tra gli svizzerotedeschi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved