27.01.2022 - 15:18
Aggiornamento: 15:55

Report settimanale: -11% di pazienti Covid in cure intense

Il numero di contagi è aumentato del 28,2%, con un livello di test record. Stabili i decessi

report-settimanale-11-di-pazienti-covid-in-cure-intense
Keystone

La settimana scorsa all’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) sono stati segnalati 238’013 casi confermati di coronavirus. Dato che i test vengono effettuati al limite delle capacità e il tasso di positività è molto alto, l’Ufsp si aspetta tuttavia un numero significativo di casi non annunciati.

Rispetto ai sette giorni precedenti, il numero di infezioni confermate è aumentato del 28,2%, viene sottolineato nel rapporto settimanale sulla situazione pandemica pubblicato oggi.

Il numero di ricoveri ospedalieri contabilizzati fra il 17 e il 23 gennaio è sceso leggermente rispetto alla settimana precedente, passando da 673 a 649. A causa dei ritardi nelle segnalazioni, l’Ufsp suppone tuttavia che ci sia stato un aumento anche qui. Il numero di decessi associati alla malattia è rimasto stabile a circa 90.

Rispetto alla settimana precedente il numero di pazienti in terapia intensiva affetti da Covid-19 è diminuito dell’11% a 240 in media. La loro quota nei confronti dell’insieme dei pazienti in cure intense è diminuita, passando dal 40% al 37%. La ventilazione è stata necessaria per 171 persone, il 17% in meno rispetto ai sette giorni prima.

L’Ufsp ha nuovamente registrato un aumento nel numero di test, facendo segnare un livello record. In una settimana ne sono stati contabilizzati 657’524, ciò che corrisponde all’8,8% in più rispetto alla settimana precedente.

Il 42,3% dei test Pcr ha dato esito positivo. Si tratta di 4,4 punti percentuali in più rispetto a una settimana fa. Per i test antigenici rapidi, il tasso di positività è stato del 32,8%, 4,9 punti in più rispetto alla settimana precedente.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved