lavoro-ridotto-prorogate-misure-e-tutela-per-soggetti-al-2g
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
12 ore

La legge più inutile? Vietare le campane al collo delle mucche

Lo ha stabilito l’associazione ‘IG Freiheit’, che ha conferito l’annuale riconoscimento a una norma fatta valere a Berikon, nel canton Argovia
Svizzera
15 ore

Manifestarono a seno nudo per l’8 marzo, sei donne prosciolte

Le militanti femministe erano accusate di manifestazione vietata secondo le norme Covid, disturbo alla quiete pubblica e di abbigliamento indecente
Svizzera
18 ore

Negazionista multirecidivo condannato a sei mesi di carcere

L’uomo aveva definito la Shoah una frode e postato varie tesi razziste sui social. Nessuna sospensione condizionale concessa: dovrà scontare la pena
Svizzera
19 ore

Vittime di violenza, servono centri di prima assistenza

Lo indica una mozione della ticinese Marina Carobbio Guscetti, e che il Consiglio federale si dice pronto ad accogliere
Svizzera
19 ore

Per Smood un Ccl con migliori condizioni di lavoro. Unia critica

Il Ccl negoziato prevede un salario minimo di 23 fr./ora e un minimo di 4 ore di lavoro settimanali garantite. Dovrà ora essere accettato dal personale
Svizzera
20 ore

Più mezzi ai servizi segreti contro l’estremismo violento

Fra le novità poste in consultazione l’accresciuta sorveglianza dell’estremismo violento, anche con metodi di controllo intrusivi, e dei flussi finanziari
Svizzera
21 ore

Ciclista ubriaco dà in escandescenze alla centrale di polizia

Movimentato fermo di un uomo in sella alla sua bici in stato di ebbrezza ieri sera a Weinfelden
Svizzera
22 ore

Passo del Furka, riapertura anticipata al 25 maggio

Inizialmente previsto per il 10 giugno, il via libera è stato anticipato poiché i lavori di sgombero della neve e di ripristino sono a buon punto
Svizzera
22 ore

Servizio universale, statu quo della ComCom fino a fine 2023

Complice la revisione dell’ordinanza sui servizi di telecomunicazione, la concessione a Swisscom sarà prolungata d’ufficio di un anno
Svizzera
1 gior

Caro-carburanti, da Berna niente sgravi sui dazi

Per ora non sussiste alcuna necessità immediata di adottare misure compensatorie: così il governo risponde a diversi interventi parlamentari
26.01.2022 - 15:21
Aggiornamento : 19:14

Lavoro ridotto, prorogate misure e tutela per soggetti al 2G+

Le aziende alle quali le autorità hanno imposto l’obbligo 2G potranno far valere il diritto all’indennità di lavoro ridotto

Ats, a cura de laRegione

Per sostenere le imprese colpite dagli ultimi provvedimenti legati al coronavirus, il Consiglio federale ha deciso di adeguare l’ordinanza COVID-19 concernente l’assicurazione contro la disoccupazione, in particolare per tutelare le aziende nell’ambito delle indennità per lavoro ridotto (ILR). È inoltre stato reintrodotto il diritto all’ILR per alcune categorie di lavoratori nelle aziende soggette all’obbligo 2G+.

Lo scorso 17 dicembre sono state annunciate diverse misure più restrittive – poi prorogate la scorsa settimana – per arginare la diffusione del coronavirus. Ciò ha inevitabilmente avuto ripercussioni anche sul mondo del lavoro: non si può infatti escludere, nelle prossime settimane, un nuovo aumento delle aziende in lavoro ridotto.

Procedura di conteggio sommario

Oggi il Consiglio federale ha così preso alcune contromisure, prorogando ad esempio – fino a fine marzo – la procedura di conteggio sommaria relativa all’indennità per lavoro ridotto e l’aumento della durata massima di riscossione dell’ILR a 24 mesi (finora limitata al prossimo 28 febbraio e ora prorogata fino al 30 giugno), indica un comunicato governativo odierno. Questa procedura era stata introdotta nei primi mesi del 2020 per consentire un rapido versamento delle indennità.

Il Consiglio federale tiene a precisare che con questa proroga si mantengono altre due misure: le ore in esubero accumulate al di fuori dei periodi di lavoro ridotto non devono essere dedotte dalla perdita di lavoro e il reddito conseguito con un’occupazione provvisoria non è computato nel calcolo dell’ILR.

Perdite di lavoro di oltre l’85%

Inoltre, l’Esecutivo oggi ha soppresso per tutte le aziende, dal primo gennaio al 31 marzo 2022, il periodo d’attesa e la limitazione a quattro periodi di conteggio per le perdite di lavoro di oltre l’85%.

La soppressione del periodo d’attesa migliora la liquidità delle aziende in lavoro ridotto, riducendo ulteriormente il rischio di licenziamenti, osserva il Consiglio federale. Mentre con la seconda misura, le aziende nei primi quattro mesi del 2022 possono di nuovo far valere l’ILR a prescindere dall’entità della perdita di lavoro.

A partire dal primo aprile, spiega ancora l’Esecutivo, “i periodi di conteggio che in questo lasso di tempo presentano una perdita di lavoro di oltre l’85% non vengono computati nel calcolo del diritto massimo di quattro periodi di conteggio durante il termine quadro di due anni”.

Aziende colpite dal 2G+

Lo scorso dicembre il Consiglio federale ha anche introdotto il concetto del 2G+: ciò significa che una persona deve essere vaccinata o guarita e in possesso di un risultato negativo del test. Oppure, in alternativa, che la persona sia in possesso di un certificato di vaccinazione o di guarigione emesso da meno di 120 giorni.

In seguito alle limitazioni economiche legate a questo obbligo del 2G+, in via eccezionale si può di nuovo far valere il diritto all’ILR per i dipendenti assunti a tempo determinato, gli apprendisti e i lavoratori su chiamata impiegati a tempo indeterminato.

Il diritto, sottolinea il comunicato, si applica solo alle aziende per le quali le autorità hanno imposto l’obbligo 2G+. Tale disposizione entra retroattivamente in vigore il 20 dicembre 2021 e ha effetto fino al prossimo 31 marzo.

Di fatto, conclude il Consiglio federale, le categorie di lavoratori interessate hanno diritto all’ILR solo finché vige l’obbligo 2G+, ma non oltre il 31 marzo 2022.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio federale ilr lavoro ridotto obbligo 2g
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved