lavoro-ridotto-prorogate-misure-e-tutela-per-soggetti-al-2g
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
commercio al dettaglio
5 ore

Princìpi e realtà, la Migros a un bivio

I 2,28 milioni di soci votano fino al 4 giugno sulla revoca del divieto di vendere alcolici. Analisi, contesto e reportage.
Svizzera
17 ore

‘2,2 miliardi in più per ridurre i premi di cassa malati’

È quanto prevede il controprogetto all’iniziativa socialista sui premi di assicurazione malattia adottato dalla Commissione sanità del Nazionale
Svizzera
17 ore

Violenza domestica, si allontani l’autore dal tetto familiare

La Commissione affari giuridici al Nazionale ha approvato due mozioni che estende a livello nazionale il principio già in vigore in diversi cantoni
Svizzera
19 ore

Nell’Alto Vallese i guardiacaccia abbattono un lupo

L’abbattimento del lupo fra i comuni di Ergisch e Unterbäch era stato ordinato questa settimana dal Consiglio di Stato vallesano
Svizzera
19 ore

Pandemia, la Farmacia dell’esercito ha rispettato il mandato

Per il Consiglio federale si è mossa in modo corretto nell’acquisto di un sufficiente numero di mascherine. Ci sono stati errori, ma comprensibili
Svizzera
21 ore

La sfida ora è scolarizzare i 12mila giovani profughi ucraini

Emergenza Ucraina, Karin Keller-Sutter traccia un bilancio dell’accoglienza svizzera. Attese 10mila persone ogni mese
Svizzera
21 ore

Wef, più sicurezza a ‘impatto zero’ sulle finanze federali

Il cambio di stagione del Forum economico di Davos comporta nuove mansioni in fatto di sorveglianza. Ma senza ulteriori aggravi
Svizzera
22 ore

Gestione della pandemia: sia ancora Berna a occuparsene

Contro al parere del Consiglio federale, per i Cantoni a intervenire con misure appropriate in caso di necessità dovrebbe essere la Confederazione
Svizzera
23 ore

Controllo delle finanze, c’è margine per migliorare

Nel suo ultimo rapporto, il direttore Michel Huissoud si toglie qualche sassolino: ‘Berna più presente all’estero che sulle faccende interne’
Svizzera
23 ore

Elettricità, nel 2023 bolletta più salata (almeno) del 20%

Secondo un primo sondaggio, per un alloggio di 5 locali l’anno prossimo si pagheranno all’incirca 180 franchi in più
26.01.2022 - 15:21
Aggiornamento : 19:14

Lavoro ridotto, prorogate misure e tutela per soggetti al 2G+

Le aziende alle quali le autorità hanno imposto l’obbligo 2G potranno far valere il diritto all’indennità di lavoro ridotto

Ats, a cura de laRegione

Per sostenere le imprese colpite dagli ultimi provvedimenti legati al coronavirus, il Consiglio federale ha deciso di adeguare l’ordinanza COVID-19 concernente l’assicurazione contro la disoccupazione, in particolare per tutelare le aziende nell’ambito delle indennità per lavoro ridotto (ILR). È inoltre stato reintrodotto il diritto all’ILR per alcune categorie di lavoratori nelle aziende soggette all’obbligo 2G+.

Lo scorso 17 dicembre sono state annunciate diverse misure più restrittive – poi prorogate la scorsa settimana – per arginare la diffusione del coronavirus. Ciò ha inevitabilmente avuto ripercussioni anche sul mondo del lavoro: non si può infatti escludere, nelle prossime settimane, un nuovo aumento delle aziende in lavoro ridotto.

Procedura di conteggio sommario

Oggi il Consiglio federale ha così preso alcune contromisure, prorogando ad esempio – fino a fine marzo – la procedura di conteggio sommaria relativa all’indennità per lavoro ridotto e l’aumento della durata massima di riscossione dell’ILR a 24 mesi (finora limitata al prossimo 28 febbraio e ora prorogata fino al 30 giugno), indica un comunicato governativo odierno. Questa procedura era stata introdotta nei primi mesi del 2020 per consentire un rapido versamento delle indennità.

Il Consiglio federale tiene a precisare che con questa proroga si mantengono altre due misure: le ore in esubero accumulate al di fuori dei periodi di lavoro ridotto non devono essere dedotte dalla perdita di lavoro e il reddito conseguito con un’occupazione provvisoria non è computato nel calcolo dell’ILR.

Perdite di lavoro di oltre l’85%

Inoltre, l’Esecutivo oggi ha soppresso per tutte le aziende, dal primo gennaio al 31 marzo 2022, il periodo d’attesa e la limitazione a quattro periodi di conteggio per le perdite di lavoro di oltre l’85%.

La soppressione del periodo d’attesa migliora la liquidità delle aziende in lavoro ridotto, riducendo ulteriormente il rischio di licenziamenti, osserva il Consiglio federale. Mentre con la seconda misura, le aziende nei primi quattro mesi del 2022 possono di nuovo far valere l’ILR a prescindere dall’entità della perdita di lavoro.

A partire dal primo aprile, spiega ancora l’Esecutivo, “i periodi di conteggio che in questo lasso di tempo presentano una perdita di lavoro di oltre l’85% non vengono computati nel calcolo del diritto massimo di quattro periodi di conteggio durante il termine quadro di due anni”.

Aziende colpite dal 2G+

Lo scorso dicembre il Consiglio federale ha anche introdotto il concetto del 2G+: ciò significa che una persona deve essere vaccinata o guarita e in possesso di un risultato negativo del test. Oppure, in alternativa, che la persona sia in possesso di un certificato di vaccinazione o di guarigione emesso da meno di 120 giorni.

In seguito alle limitazioni economiche legate a questo obbligo del 2G+, in via eccezionale si può di nuovo far valere il diritto all’ILR per i dipendenti assunti a tempo determinato, gli apprendisti e i lavoratori su chiamata impiegati a tempo indeterminato.

Il diritto, sottolinea il comunicato, si applica solo alle aziende per le quali le autorità hanno imposto l’obbligo 2G+. Tale disposizione entra retroattivamente in vigore il 20 dicembre 2021 e ha effetto fino al prossimo 31 marzo.

Di fatto, conclude il Consiglio federale, le categorie di lavoratori interessate hanno diritto all’ILR solo finché vige l’obbligo 2G+, ma non oltre il 31 marzo 2022.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio federale ilr lavoro ridotto obbligo 2g
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved