ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
13 ore

Sarebbe riuscita l’iniziativa per la responsabilità ambientale

I Giovani Verdi annunciano di aver raccolto oltre 100mila firme. Il concetto di ‘limite naturale’ al centro della proposta di modifica costituzionale.
Svizzera
13 ore

Giornalista scopre monumento nazista nel cimitero di Coira

Ha fatto parte del culto dell’eroe con cui Hitler ha giustificato la guerra, scrive la Srf. Le autorità non ne erano a conoscenza.
Svizzera
16 ore

Nel programma Udc la lotta agli uffici per la parità di genere

Anticipate le linee guida per le Federali: ‘Preoccupazione’ per gli asterischi nei testi, niente soldi alle istituzioni che sostengono ‘ideologie’
Svizzera
17 ore

Prodotti bio troppo cari: bocciata la proposta di Mister prezzi

Stefan Meierhans ha proposto ai rivenditori una ‘soluzione amichevole’, subito però rispedita al mittente
Svizzera
19 ore

Si potrà abbattere un lupo capobranco con prove diverse dal Dna

Così il Taf sul caso del maschio alfa del branco del Beverin: la partecipazione determinante dell’esemplare al danno potrà essere dimostrata in altri modi
Svizzera
21 ore

Grigioni: furgone contro un’auto, una donna gravemente ferita

Il violento scontro è successo ieri, giovedì 26 gennaio, a Schiers in Val Prettigovia
Svizzera
1 gior

Wef e turismo, prove di convivenza a Davos

L’esecutivo locale ha intavolato una discussione con tutte le parti in causa per trovare una soluzione ideale per tutti per il prossimo anno
Svizzera
1 gior

Un 2022 in dolcezza per la lucernese Hug

La carenza di manodopera nella ristorazione fa le fortune dell’azienda che produce biscotti: vendite aumentate di 10 milioni lo scorso anno
Svizzera
1 gior

Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari

La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
1 gior

Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale

Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
1 gior

Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto

La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
1 gior

Contromano e in stato confusionale sull’A1, arrestato

Il rocambolesco fermo è avvenuto nei pressi di Neuenhof. Prima che la sua corsa finisse, il 64enne al volante ha invertito due volte la sua marcia
Svizzera
1 gior

In Svizzera si alleva sempre più pollame

Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
Svizzera
1 gior

Quasi uno svizzero su cinque ha due passaporti

Nel 2021 il 19% dei cittadini residenti dai 15 anni di età in su avevano una doppia cittadinanza: la maggioranza, quasi un quarto, sono gli italo-svizzeri
Svizzera
2 gior

In aumento i casi di maltrattamento di minori

Nel 2022 il gruppo di protezione dei bambini e servizio di consulenza per le vittime dell’Ospedale pediatrico di Zurigo ha censito 657 casi
24.01.2022 - 15:43
Aggiornamento: 16:39

Sgombero collina Mormont, solo pene pecuniarie per gli attivisti

L’accusa chiedeva la detenzione, i giudici hanno deciso altrimenti: cadono i principali capi d’imputazione, gli ‘zadisti’ se la cavano a buon prezzo

Ats, a cura de laRegione
sgombero-collina-mormont-solo-pene-pecuniarie-per-gli-attivisti
Keystone
Uno dei difensori spiega la sentenza ai sostenitori degli imputati

Losanna – Prime sentenze nei processi che hanno visto imputati gli attivisti della collina di Mormont (VD), che un anno fa avevano protestato contro l’espansione di una cava appartenente a Holcim. Il Tribunale distrettuale di La Côte ha pronunciato oggi sei pene pecuniarie sospese e una assoluzione. Il Ministero pubblico chiedeva pene detentive.

I cosiddetti “zadisti” - ossia gli occupanti della ZAD (zone à défendre, zona da difendere), sfollati a fine marzo 2021 dalla polizia - erano accusati di violazione di domicilio, impedimento di atti dell’autorità e disobbedienza a decisioni dell’autorità. Alcuni dovevano anche rispondere di violenza o minaccia contro le autorità e i funzionari.

Denuncia ritirata

Nei vari decreti d’accusa emessi poco dopo l’evacuazione della collina, il Ministero pubblico vodese rimproverava agli attivisti di aver occupato abusivamente il sito, di proprietà del produttore di cemento Holcim, e di aver resistito alle forze dell’ordine durante il loro intervento. Contro i decreti d’accusa, che prevedevano anche pene detentive da due a sei mesi a seconda dei casi, gli “zadisti” hanno inoltrato ricorso.

Il collettivo di avvocati formatosi a difesa degli attivisti ha in particolare criticato la severità delle sanzioni previste dal Ministero pubblico. Soprattutto considerato che Holcim ha ritirato la denuncia.

Questo punto è stato sollevato anche dai giudici del tribunale che hanno scartato il reato di violazione di domicilio proprio perché la multinazionale del cemento ha ritirato la denuncia. Anche il reato di disobbedienza a decisioni dell’autorità non è stato preso in considerazione.

Ostacolato il lavoro della polizia

La maggioranza degli “zadisti” è stata così riconosciuta colpevole di impedimento di atti dell’autorità. Il tribunale ha ritenuto che gli attivisti avevano ostacolato il lavoro della polizia durante l’evacuazione del sito, ad esempio aggrappandosi a una corda o rifugiandosi sul tetto di un vecchio edificio.

Da notare che in apertura di processo il tribunale ha dovuto esprimersi sulla legittimità del diritto da parte degli imputati di opporsi contro il decreto d’accusa visto che questi si erano inizialmente rifiutati di rivelare le loro identità. Uno dei giudici, Daniel Stoll, ha spiegato di aver concesso questa possibilità “in via eccezionale, data la situazione senza precedenti” di questa prima ZAD svizzera.

Contro gli attivisti condannati oggi sono così state inflitte cinque aliquote giornaliere sospese. Il Ministero pubblico chiedeva una pena di due mesi di prigione da scontare, sei contro uno “zadista” accusato, sulla base di tracce del DNA, di aver lanciato proiettili contro le forze dell’ordine. Il processo ha però permesso di accertare che l’interessato quel giorno non si trovava a Mormont. È quindi stato assolto.

‘Urgenza climatica’ non considerata

Il procuratore generale del canton Vaud, Eric Cottier, che aveva sostenuto la requisitoria in aula la scorsa settimana, oggi era assente. I rappresentanti del Ministero pubblico presenti non hanno rilasciato commenti, in particolare circa un eventuale ricorso in appello.

La difesa non è invece stata tenera con la procura: “È una sconfitta bruciante“, ha commentato l’avvocato Philippe Currat, la cui cliente ha visto la sua condanna ridursi da due mesi di reclusione a dieci aliquote giornaliere sospese. "Contro il buon senso, il Ministero pubblico ha voluto andare veloce e colpire duramente. È stato totalmente sconfessato”, ha aggiunto l’avvocato Sacha Camporini, che rappresentava la persona assolta. Tra i legali c’è però un velo di delusione per il fatto che il tribunale non si è espresso sul concetto di "urgenza climatica”.

Da parte loro, gli imputati - sostenuti da una cinquantina di manifestanti - si sono detti sollevati per aver evitato il carcere. Dal loro punto di vista non si può però cantar vittoria: “È Holcim che avrebbe dovuto essere processato", ha detto una "zadista”.

Quelli conclusisi oggi sono solo i primi di una lunga serie di processi. Gli attivisti che dovranno passare davanti a un giudice sono infatti una quarantina.

La vicenda

Al gruppo di ribelli ambientalisti, confluiti sulla collina di Mormont nell’ottobre 2020 per protestare contro l’espansione della cava appartenente a Holcim, il 24 febbraio 2021 era stato ordinato di andarsene entro 20 giorni; in caso contrario si sarebbe fatto ricorso alle maniere forti.

Il 29 di marzo, a causa del mancato rispetto dell’ingiunzione, Holcim ha richiesto lo sgombero della zona. L’indomani agenti di polizia sono intervenuti allontanando gli attivisti. Stando al Consiglio di Stato, l’allontanamento forzato si è svolto senza grossi intoppi, ed è stato proporzionato e rispettoso della legalità. L’operazione, che ha richiesto l’impiego totale di oltre 600 persone tra cui personale paramedico e pompieri, è costata in tutto circa 239 mila franchi.

Per complicare il compito della polizia, gli occupanti della cosiddetta ZAD avevano eretto barricate e capanne sugli alberi. Il progetto di Holcim è ancora oggetto di un ricorso al Tribunale federale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved