croce-rossa-nel-mirino-dei-pirati-informatici
Ti-Press
Sicurezza violata
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
7 ore

Vaccino Moderna ai bambini sotto i 5 anni? Swissmedic ci pensa

Coronavirus, secondo i dati dell’Ufficio federale della sanità pubblica, da inizio pandemia nella Confederazione sono morti cinque bimbi
Svizzera
9 ore

In Svizzera accolti oltre 50’000 rifugiati dall’Ucraina

Dei 50’172 che a oggi si sono annunciati, 48’574 hanno ottenuto lo statuto S (il 97,8% di quelli complessivi rilasciati dalla Confederazione)
Svizzera
13 ore

Società elettriche, ecco il piano di salvataggio

Consiglio federale pronto a mettere sul piatto fino a dieci miliardi di franchi per evitare il collasso del sistema
Svizzera
13 ore

A 229 km/h nel tunnel del Gubrist, ecco l’atto d’accusa

Nella sua folle corsa il pirata della strada aveva pure urtato altre auto, per poi finire la sua corsa tamponando la vettura che lo precedeva
Svizzera
13 ore

Il Consiglio federale corre ai ripari sulle forniture di gas

Adottato un piano per far fronte all’eventuale riduzione delle forniture dalla Russia: riserve stoccate in Paesi vicini e opzione per ulteriori forniture
Svizzera
14 ore

F-35A, si ratifichi subito l’acquisto. Senza passare dal voto

Il Consiglio federale sposa le raccomandazioni della Commissione di sicurezza degli Stati. Ma non sul tema dei Tiger, che vorrebbe pensionare
Svizzera
15 ore

Da dicembre treni supplementari da e per il Ticino

Cambiamenti in vigore con l’introduzione dell’orario invernale. Per la prima volta Grigioni e Romandia uniti da un collegamento diretto
Svizzera
15 ore

Manca il rientro e si cappotta: 82enne ferito in modo serio

L’uomo ha perso il controllo della sua vettura dopo una deviazione all’altezza di Rongellen, nel canton Grigioni
19.01.2022 - 23:13
Aggiornamento : 20.01.2022 - 21:15

Croce Rossa nel mirino dei pirati informatici

Cicr preda di un vasto cyberattacco: violati i dati di 515’000 persone estremamente vulnerabili

Il Comitato internazionale della Croce Rosa (Cicr), ha dato notizia in tarda serata di essere stato preso di mira da un vasto attacco cibernetico. Attacco che avrebbe permesso ai pirati informatici di impossessarsi dei dati di oltre 515’00 persone estremamente vulnerabili (in particolare alcune persone in fuga da conflitti o altre in stato di detenzione). «Questo attacco informatico espone le persone vulnerabili, ossia quelle che già necessitano di servizi umanitari, a un ulteriore rischio», commenta il direttore generale del Cicr Robert Mardini.

L‘appello: ’Non utilizzate questi dati’

L’attacco è stato rilevato questa settimana dall’organizzazione con sede a Ginevra. La direzione del Cicr precisa che al momento non dispone di indicazioni concernenti l’identità dei pirati informatici, che hanno preso di mira una società esterna (in Svizzera) con la quale il Cicr collabora per la conservazione dei dati. «Anche se non sappiamo chi siano i responsabili di questo attacco, o perché l’abbiano compiuto, vogliamo rivolgere loro un appello: le vostre azioni potrebbero potenzialmente causare ulteriori danni e dolore a coloro che hanno già sopportato sofferenze indicibili – sottolinea Mardini –. Per cui non condividete, vendete, divulgate o utilizzate questi dati in alcun modo». Secondo il Cicr, ad ogni buon conto, non vi è alcuna indicazione al momento che le informazioni compromesse siano state divulgate o condivise pubblicamente.

Informazioni su 515’000 persone

L’attacco informatico «ha compromesso i dati personali e le informazioni sensibili di più di 515’000 persone estremamente vulnerabili, comprese le persone separate dalle loro famiglie a causa di conflitti, migrazioni e disastri, le persone scomparse e le loro famiglie, e le persone in detenzione». I dati provengono da almeno 60 società nazionali di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa di tutto il mondo. Durante i conflitti e i disastri, le famiglie possono perdere le tracce di una persona cara. Il Cicr e le società nazionali della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa stanno lavorando per chiarire il destino delle persone scomparse, scambiare messaggi familiari e riunire le famiglie. «Ogni giorno, il Movimento della Croce Rossa aiuta a riunire una media di dodici persone scomparse con le loro famiglie. Si tratta di una dozzina di gioiose riunioni di famiglia ogni giorno. Attacchi informatici come questo mettono a rischio questo lavoro vitale».

Al fine di fare luce sull’entità dell’attacco informatico, e per intraprendere le misure appropriate per salvaguardare i suoi dati in futuro, il Cicr sta lavorando con i suoi partner umanitari sparsi in tutto il mondo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cicr croce rossa cyberattacco pirateria informatica
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved