croce-rossa-nel-mirino-dei-pirati-informatici
Ti-Press
Sicurezza violata
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
7 ore

La legge più inutile? Vietare le campane al collo delle mucche

Lo ha stabilito l’associazione ‘IG Freiheit’, che ha conferito l’annuale riconoscimento a una norma fatta valere a Berikon, nel canton Argovia
Svizzera
10 ore

Manifestarono a seno nudo per l’8 marzo, sei donne prosciolte

Le militanti femministe erano accusate di manifestazione vietata secondo le norme Covid, disturbo alla quiete pubblica e di abbigliamento indecente
Svizzera
13 ore

Negazionista multirecidivo condannato a sei mesi di carcere

L’uomo aveva definito la Shoah una frode e postato varie tesi razziste sui social. Nessuna sospensione condizionale concessa: dovrà scontare la pena
Svizzera
13 ore

Vittime di violenza, servono centri di prima assistenza

Lo indica una mozione della ticinese Marina Carobbio Guscetti, e che il Consiglio federale si dice pronto ad accogliere
Svizzera
14 ore

Per Smood un Ccl con migliori condizioni di lavoro. Unia critica

Il Ccl negoziato prevede un salario minimo di 23 fr./ora e un minimo di 4 ore di lavoro settimanali garantite. Dovrà ora essere accettato dal personale
Svizzera
14 ore

Più mezzi ai servizi segreti contro l’estremismo violento

Fra le novità poste in consultazione l’accresciuta sorveglianza dell’estremismo violento, anche con metodi di controllo intrusivi, e dei flussi finanziari
Svizzera
16 ore

Ciclista ubriaco dà in escandescenze alla centrale di polizia

Movimentato fermo di un uomo in sella alla sua bici in stato di ebbrezza ieri sera a Weinfelden
Svizzera
17 ore

Passo del Furka, riapertura anticipata al 25 maggio

Inizialmente previsto per il 10 giugno, il via libera è stato anticipato poiché i lavori di sgombero della neve e di ripristino sono a buon punto
19.01.2022 - 23:13
Aggiornamento : 20.01.2022 - 21:15

Croce Rossa nel mirino dei pirati informatici

Cicr preda di un vasto cyberattacco: violati i dati di 515’000 persone estremamente vulnerabili

Il Comitato internazionale della Croce Rosa (Cicr), ha dato notizia in tarda serata di essere stato preso di mira da un vasto attacco cibernetico. Attacco che avrebbe permesso ai pirati informatici di impossessarsi dei dati di oltre 515’00 persone estremamente vulnerabili (in particolare alcune persone in fuga da conflitti o altre in stato di detenzione). «Questo attacco informatico espone le persone vulnerabili, ossia quelle che già necessitano di servizi umanitari, a un ulteriore rischio», commenta il direttore generale del Cicr Robert Mardini.

L‘appello: ’Non utilizzate questi dati’

L’attacco è stato rilevato questa settimana dall’organizzazione con sede a Ginevra. La direzione del Cicr precisa che al momento non dispone di indicazioni concernenti l’identità dei pirati informatici, che hanno preso di mira una società esterna (in Svizzera) con la quale il Cicr collabora per la conservazione dei dati. «Anche se non sappiamo chi siano i responsabili di questo attacco, o perché l’abbiano compiuto, vogliamo rivolgere loro un appello: le vostre azioni potrebbero potenzialmente causare ulteriori danni e dolore a coloro che hanno già sopportato sofferenze indicibili – sottolinea Mardini –. Per cui non condividete, vendete, divulgate o utilizzate questi dati in alcun modo». Secondo il Cicr, ad ogni buon conto, non vi è alcuna indicazione al momento che le informazioni compromesse siano state divulgate o condivise pubblicamente.

Informazioni su 515’000 persone

L’attacco informatico «ha compromesso i dati personali e le informazioni sensibili di più di 515’000 persone estremamente vulnerabili, comprese le persone separate dalle loro famiglie a causa di conflitti, migrazioni e disastri, le persone scomparse e le loro famiglie, e le persone in detenzione». I dati provengono da almeno 60 società nazionali di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa di tutto il mondo. Durante i conflitti e i disastri, le famiglie possono perdere le tracce di una persona cara. Il Cicr e le società nazionali della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa stanno lavorando per chiarire il destino delle persone scomparse, scambiare messaggi familiari e riunire le famiglie. «Ogni giorno, il Movimento della Croce Rossa aiuta a riunire una media di dodici persone scomparse con le loro famiglie. Si tratta di una dozzina di gioiose riunioni di famiglia ogni giorno. Attacchi informatici come questo mettono a rischio questo lavoro vitale».

Al fine di fare luce sull’entità dell’attacco informatico, e per intraprendere le misure appropriate per salvaguardare i suoi dati in futuro, il Cicr sta lavorando con i suoi partner umanitari sparsi in tutto il mondo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cicr croce rossa cyberattacco pirateria informatica
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved