l-alleanza-di-centro-chiede-soluzioni-pragmatiche-con-l-ue
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

La legge più inutile? Vietare le campane al collo delle mucche

Lo ha stabilito l’associazione ‘IG Freiheit’, che ha conferito l’annuale riconoscimento a una norma fatta valere a Berikon, nel canton Argovia
Svizzera
11 ore

Manifestarono a seno nudo per l’8 marzo, sei donne prosciolte

Le militanti femministe erano accusate di manifestazione vietata secondo le norme Covid, disturbo alla quiete pubblica e di abbigliamento indecente
Svizzera
14 ore

Negazionista multirecidivo condannato a sei mesi di carcere

L’uomo aveva definito la Shoah una frode e postato varie tesi razziste sui social. Nessuna sospensione condizionale concessa: dovrà scontare la pena
Svizzera
14 ore

Vittime di violenza, servono centri di prima assistenza

Lo indica una mozione della ticinese Marina Carobbio Guscetti, e che il Consiglio federale si dice pronto ad accogliere
Svizzera
15 ore

Per Smood un Ccl con migliori condizioni di lavoro. Unia critica

Il Ccl negoziato prevede un salario minimo di 23 fr./ora e un minimo di 4 ore di lavoro settimanali garantite. Dovrà ora essere accettato dal personale
Svizzera
15 ore

Più mezzi ai servizi segreti contro l’estremismo violento

Fra le novità poste in consultazione l’accresciuta sorveglianza dell’estremismo violento, anche con metodi di controllo intrusivi, e dei flussi finanziari
Svizzera
17 ore

Ciclista ubriaco dà in escandescenze alla centrale di polizia

Movimentato fermo di un uomo in sella alla sua bici in stato di ebbrezza ieri sera a Weinfelden
Svizzera
17 ore

Passo del Furka, riapertura anticipata al 25 maggio

Inizialmente previsto per il 10 giugno, il via libera è stato anticipato poiché i lavori di sgombero della neve e di ripristino sono a buon punto
Svizzera
17 ore

Servizio universale, statu quo della ComCom fino a fine 2023

Complice la revisione dell’ordinanza sui servizi di telecomunicazione, la concessione a Swisscom sarà prolungata d’ufficio di un anno
Svizzera
19 ore

Caro-carburanti, da Berna niente sgravi sui dazi

Per ora non sussiste alcuna necessità immediata di adottare misure compensatorie: così il governo risponde a diversi interventi parlamentari
15.01.2022 - 17:09

L’Alleanza di Centro chiede soluzioni pragmatiche con l’Ue

Il partito di Pfister vuole un approccio che preservi la competitività dell’economia elvetica e che tenga conto della sua sovranità

Ats, a cura de laRegione

L’Alleanza di Centro chiede al Consiglio federale di agire per difendere in maniera pragmatica gli interessi della Svizzera a Bruxelles. Il partito di Gerhard Pfister vuole un approccio che preservi la competitività dell’economia elvetica e che tenga conto della sovranità e della responsabilità sociale nei negoziati con l’UE.

A queste conclusioni è giunto il gruppo parlamentare del Centro, che si è riunito in una “giornata di clausura” oggi a Spiez (BE) per discutere in maniera approfondita il dossier europeo. Da quando il Consiglio federale ha deciso, nel maggio 2021, di interrompere i negoziati sull’accordo quadro istituzionale, la Confederazione si trova in un’impasse che minaccia la prosperità del Paese, secondo il Centro.

L’UE è il nostro principale partner commerciale e condividiamo con Bruxelles valori sociali essenziali. Per questo “è nell’interesse della Svizzera che le relazioni con l’Unione Europea continuino a svolgersi su un piano di parità”, scrive l’Alleanza di centro in una nota odierna.

Il partito deplora il fatto che l’UE non voglia proseguire la forma di cooperazione che ha dato buone prove di sé da oltre due decenni. La conseguenza sarà inevitabilmente un’erosione, a medio termine, degli accordi esistenti a scapito della Svizzera e della stessa UE.

Mancanza di una strategia

Mentre Bruxelles ha chiaramente annunciato le sue esigenze, il Consiglio federale non ha ancora adottato una strategia per uscire da questo vicolo cieco, sottolinea il Centro.

Il partito chiede pertanto che il Dipartimento federale degli affari esteri assuma il suo mandato e presenti rapidamente una valutazione della situazione all’attenzione del Consiglio federale, affinché quest’ultimo disponga delle basi necessarie all’elaborazione di una “road map”.

Secondo il Centro, nuovi ritardi in questo dossier sarebbero dannosi per il nostro Paese, in particolare se fossero legati a interessi particolari di taluni partiti politici.

In particolare, le sfide sociali poste dalla libera circolazione delle persone sono al centro delle preoccupazioni del partito. A suo avviso, la protezione del livello attuale dei salari, delle istituzioni sociali nonché le basi della politica migratoria svizzera non sono negoziabili.

Per l’Alleanza di Centro, è essenziale che l’accordo sulla libera circolazione venga escluso dalla ripresa dinamica del diritto europeo e da una risoluzione delle controversie da parte della Corte europea di giustizia.

Contropartite

Tra le concessioni che la Svizzera potrebbe fare figura il contributo al fondo di coesione dell’UE. Quale contropartita, Bruxelles dovrebbe concedere nuovamente a Berna un accesso libero e non discriminatorio ai programmi di cooperazione nell’ambito della ricerca, della formazione e della cultura.

Dovrebbe inoltre essere trovato un rapido accordo sulla questione del riconoscimento delle equivalenze finanziarie ed industriali.

Alla discussione odierna sono stati invitati il professor Michael Ambühl, la segretaria di Stato Livia Leu nonché rappresentanti degli ambienti economici.

A fine novembre, l’UE aveva richiesto a Berna una road map concreta entro la fine di gennaio 2022. Il Consiglio federale avrebbe dovuto discuterne con Bruxelles in occasione del Forum economico mondiale di Davos (WEF), poi rinviato in estate a causa della nuova variante del coronavirus Omicron. Bruxelles intende comunque mantenere delle discussioni online con Berna.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved