ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
12 ore

Addio carta: il Canton Berna si dà al digitale

Dal primo marzo le autorità comunicheranno, salvo rare eccezioni, unicamente attraverso i mezzi elettronici
Svizzera
16 ore

Ringier istituisce gruppo di lavoro su missione giornalistica

Alla ‘task force’ il compito di sviluppare una dichiarazione che i caporedattori saranno chiamati a dover rispettare
Svizzera
17 ore

Marco Chiesa sollecita la congiunzione delle liste con il Plr

Per il presidente dll’Udc è l’unico modo per evitare l’avanzata della sinistra. Che non risparmia di critiche
Svizzera
18 ore

I Verdi puntano a diventare la terza forza politica del Paese

Dall’assemblea di Ginevra, il presidente Balthasar Glättli non lesina critiche all’indirizzo dell’Udc e della sua posizione in materia energetica
Svizzera
19 ore

Sale la tensione con la Cina? Le Pmi svizzere delocalizzano

A causa della delicata situazione, le aziende battenti bandiera rossocrociata si orientano su piazze produttive in Vietnam, Thailandia e India
Svizzera
21 ore

L’Udc pronta a dar battaglia a ‘cultura woke’ e immigrazione

Adunata dei delegati a Bülach per lanciare l’anno elettorale 2023. Piatto forte dell’assemblea discussioni sul genere e approvvigionamento energetico
Svizzera
1 gior

Sarebbe riuscita l’iniziativa per la responsabilità ambientale

I Giovani Verdi annunciano di aver raccolto oltre 100mila firme. Il concetto di ‘limite naturale’ al centro della proposta di modifica costituzionale.
Svizzera
1 gior

Giornalista scopre monumento nazista nel cimitero di Coira

Ha fatto parte del culto dell’eroe con cui Hitler ha giustificato la guerra, scrive la Srf. Le autorità non ne erano a conoscenza.
12.01.2022 - 12:46
Aggiornamento: 19:03

Legge Netflix: se il referendum riesce, si voterà il 15 maggio

La scadenza per l’inoltro delle firme è il 20 gennaio. Alle urne altri due oggetti: trapianto di organi e adozione del regolamento europeo Frontex

Ats, a cura de laRegione
legge-netflix-se-il-referendum-riesce-si-votera-il-15-maggio
Keystone

A condizione che i referendum annunciati riescano, il 15 di maggio, come deciso oggi dal Consiglio federale, si voterà su tre oggetti: la cosiddetta “legge Netflix”, la legge federale sul trapianto di organi e l’ulteriore sviluppo di Schengen. La data di scadenza per l’inoltro delle firme è il 20 di gennaio.

Il primo oggetto riguarda la modifica della legge federale sulla produzione e la cultura cinematografiche. Il comitato che ha lanciato il referendum giudica una “truffa” nei confronti dei consumatori il fatto che le piattaforme di streaming, come Netflix o Disney, debbano investire il 4% del loro reddito lordo generato in Svizzera nella produzione di film elvetici indipendenti.

Alla revisione della legge sul cinema si oppongono le sezioni giovanili dell’Udc, del Plr, dei Verdi liberali e anche diversi esponenti del Centro, spalleggiati dall’associazione svizzera delle televisioni private e da Suissedigital, l’associazione che riunisce gli operatori via cavo.

La revisione della legge prevede, tra l’altro, che le società di streaming – tra cui anche emittenti private come 3+, Sat 1 o Pro7 – dovranno garantire che almeno il 30% della loro programmazione sia dedicata a film europei, che devono essere designati come tali e facili da trovare.

Consenso presunto

Contro la revisione della legge sui trapianti è stato lanciato un referendum da un comitato apolitico composto di medici, esperti di cure, giuristi e specialisti in questioni etiche. Stando ai contrari della modifica legislativa, imporre la donazione di organi a persone che non hanno dato il loro consenso significa agire in modo disonesto e indegno di uno stato democratico.

Poiché in Svizzera mancano organi e donatori, per porvi rimedio il Parlamento ha adottato un cambiamento di paradigma: chi non intende donare i propri organi dopo la morte dovrà dichiararlo formalmente quando è ancora in vita. In mancanza di una dichiarazione, la facoltà di prendere una decisione andrà conferita agli stretti congiunti o a una persona di fiducia.

Schengen

Il terzo referendum prende di mira il recepimento del regolamento Ue riguardante la guardia di frontiera e costiera europea (sviluppo dell’acquis di Schengen). Stando alle associazioni di migranti, il nuovo regolamento europeo Frontex non fa che complicare l’ingresso in Europa delle persone in viaggio, compresi coloro che necessitano di protezione.

Al fine di controllare meglio le frontiere esterne di Schengen, e sulla scorta delle ondate migratorie degli ultimi anni, come nel 2015, l’Ue ha deciso di rafforzare il mandato dell’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera (Frontex) istituita nel 2004. Il nuovo regolamento mira, tra le altre cose, a migliorare il rimpatrio dei migranti illegali, a sostenere i ritorni volontari e a ottenere documenti di viaggio. Il Parlamento ha approvato il progetto nel settembre scorso. I contributi finanziari della Svizzera a Frontex aumenteranno, passando dai 24 milioni di franchi del 2021 a 61 milioni nel 2027.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved