per-il-2022-previsto-un-leggero-aumento-delle-domande-d-asilo
Keystone
30.12.2021 - 08:21
Aggiornamento : 15:04

Per il 2022 previsto un leggero aumento delle domande d’asilo

È quanto afferma al ‘Blick’ Mario Gattiker, segretario di Stato uscente alla migrazione. A contribuire, lo stabilizzarsi della situazione pandemica

Ats, a cura de laRegione

Il numero di domande d’asilo in Svizzera dovrebbe aumentare leggermente nel 2022, fino a circa 15mila. È quanto afferma al “Blick” Mario Gattiker, segretario di Stato uscente alla migrazione. Per il 2021, le richieste dovrebbero attestarsi sulle 14’500 circa.

Tuttavia, c’è una probabilità leggermente più alta rispetto al 2021 che si verifichi uno scenario con fino a 25mila nuove richieste di protezione, ha aggiunto Gattiker. Il motivo? Se la situazione sul fronte pandemico dovesse attenuarsi a partire dalla primavera, il virus non avrebbe più quell’effetto “frenante” sulla migrazione avuto finora, ha spiegato il segretario di Stato al foglio zurighese.

I numeri più elevati sarebbero anche conseguenza del maggior numero di persone che si mettono in viaggio lungo la rotta del Mediterraneo centrale, tra il Nord Africa e l’Italia. Gli sbarchi di rifugiati in Italia sono già aumentati quest’anno. Inoltre, secondo Gattiker va considerata l’instabilità politica in diversi paesi africani; la pandemia ha infatti esacerbato le già esistenti difficoltà economiche.

Attualmente, la Svizzera registra un basso tasso di richieste d’asilo, ha spiegato Gattiker. Ciò è imputabile alla pandemia di coronavirus e alle misure adottate alle frontiere esterne dello spazio Schengen. Ma va tenuta in conto anche la politica migratoria elvetica che tende a scoraggiare i migranti che non hanno motivo di chiedere asilo e a privilegiare coloro invece che hanno veramente bisogno di protezione. L’alto tasso di accettazione registrato per quest’ultima categoria di persone dimostra la bontà di un simile approccio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
asilo mario gattiker
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved