un-milione-al-massimo-di-salario-per-i-manager-delle-ex-regie
Keystone
Urs Schaeppi (Swisscom) è il più pagato
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Politica europea, ‘il Consiglio federale ci consulti’

La Commissione della politica estera del Consiglio degli Stati esige un coinvolgimento formale nelle decisioni governative riguardanti l’Ue
Svizzera
3 ore

Conciliabilità famiglia-lavoro: proposto un sostegno economico

Nel confronto internazionale la Svizzera si situa tra le ultime posizioni per quanto riguarda l’accessibilità e la qualità della custodia complementare
Svizzera
3 ore

Casse pensioni: 2021 positivo con livelli di copertura record

Il 2021 molto positivo anche per gli investimenti: gli istituti di previdenza hanno infatti realizzato un rendimento patrimoniale netto medio dell’8,0%
Svizzera
4 ore

Il casco obbligatorio fino a 16 anni non convince la Commissione

La Ctt-S propone inoltre di respingere l’introduzione della possibilità per i veicoli a due ruote di sostare sul marciapiede
Svizzera
4 ore

La Commissione è contro la privatizzazione di Postfinance

Per la Ctt-S il disegno di legge proposto dal Consiglio federale non è soddisfacente
Svizzera
5 ore

Tante famiglie poco sopra al minimo vitale, Caritas preoccupata

L’organizzazione sottolinea come da un punto di vista statistico, tali famiglie non sono considerate come povere e per questo non ricevono aiuti
Svizzera
6 ore

Pazienti adulti e bambini promuovono gli ospedali svizzeri

Secondo un sondaggio la maggior parte dei ricoverati è contenta del soggiorno in ospedale. Elevato il grado di soddisfazione in pediatria
Svizzera
7 ore

Si è arreso ed è sceso l’uomo sulla gru a Oerlikon

Dopo esservisi arrampicato ieri sera e aver dato fuoco alla cabina, l’uomo si è convinto a scendere. Non ancora chiaro il motivo dell’azione
gallery
Svizzera
8 ore

Zurigo, sale su una gru e dà fuoco alla cabina

L’uomo si trova ancora sul macchinario. Vani i tentativi della polizia di stabilire un contatto
Svizzera
23 ore

Un lupo sbrana 28 animali in Vallese: ordinato l’abbattimento

Il predatore ha ucciso gli ovini in situazione protetta su superfici agricole utili: soddisfatti i requisiti per l’uccisione
Svizzera
1 gior

Entro il 2025 il 50% dei nuovi veicoli dovrà essere ricaricabile

Sottoscritta oggi dai rappresentanti dello Stato e dei settori automobilistico, elettrico e immobiliare la nuova fase della Roadmap mobilità elettrica
16.12.2021 - 16:00
Aggiornamento : 19:24

Un milione al massimo di salario per i manager delle ex regie

Il Nazionale ribadisce la volontà di stabilire un tetto alle retribuzioni. Se i ‘senatori’ non entrano un’altra volta in materia, il progetto è liquidato

Ats, a cura de laRegione

Berna – Con un risultato assai netto – 151 voti a 39 – il Consiglio nazionale ha ribadito oggi che intende porre un tetto massimo (un milione) alle remunerazioni dei manager delle ex regie federali.

Il dossier ritorna quindi al Consiglio degli Stati che nel settembre scorso, per 19 voti a 12, non era entrato in materia sul progetto di legge frutto dell’iniziativa parlamentare del 2016 dell’ex consigliera nazionale Susanne Leutenegger Oberholzer (PS/BL). Oggi al Nazionale spettava solo decidere sull’entrata nel merito, necessaria dopo il “no” della camera dei Cantoni.

Il risultato agli Stati ha suscitato anche un rilievo critico di Gerhard Pfister (Centro/ZG), favorevole al progetto, secondo cui è giusto che la Camera dei cantoni riprenda in mano il dossier seriamente. Se una parte dei “senatori” fosse stata presente in aula, invece di “ciondolare in caffetteria”, forse l’esito del dibattito sarebbe stato diverso.

Evitare gli errori del passato

Per la maggioranza del plenum – tranne il PLR e qualche esponente del Centro – è necessario intervenire anche se dal 2016 qualcosa è cambiato. Sebbene gli importi di alcuni stipendi siano stati ridotti, non vi è la certezza che non si ripeteranno situazioni di aumenti salariali spropositati. In particolare, bisogna anche tenere conto del fatto che a pagare i salari sono i contribuenti che non sempre capiscono l’ammontare di certe retribuzioni.

Secondo la minoranza, non si dovrebbe invece fissare per legge un importo massimo, perché questo non rende giustizia all’estrema diversificazione del panorama aziendale, per non parlare della responsabilità inerente allo svolgimento di una funzione dirigenziale. Riflessione non condivise da diversi oratori, secondo cui le aziende parastatali sono di gran lunga protette dalla concorrenza. Quanto alla responsabilità, quest’ultima non è certo superiore a quella di un consigliere federale, cui le future remunerazioni dei manager di Stato dovrebbero orientarsi.

Maurer: ci sono argomenti più importanti

Nel suo intervento, il consigliere federale Ueli Maurer ha difeso la posizione della minoranza, sostenendo che il governo è già intervenuto per mitigare certe pretese. A suo parere, su questo dossier è stato sprecato fin troppo tempo, quando invece ci sono argomenti ben più importanti che andrebbero affrontati.

In prima lettura, lo scorso marzo, la modifica della Legge sul personale federale era stata approvata dal Consiglio nazionale con 139 voti a 44 e 4 astensioni. La revisione fissa a un milione di franchi la remunerazione annua massima che può essere versata ai quadri di grado più elevato o ai membri dei consigli d’amministrazione di sette grandi aziende della Confederazione, ossia FFS, RUAG, Skyguide, SUVA, SSR, La Posta e anche Swisscom, benché quest’ultima azienda sia quotata in Borsa.

Il Nazionale ha anche deciso di includere nella regolamentazione le altre imprese della Confederazione come Swissmedic o i Politecnici federali, andando così più lontano rispetto alle proposte della sua commissione preparatoria.

Consiglieri federali: un milione circa all’anno

Il termine “remunerazione” contempla, oltre allo stipendio e agli onorari, tutte le prestazioni valutabili in denaro (prestazioni accessorie, previdenza professionale, per esempio). Circa le altre aziende e stabilimenti della Confederazione, la definizione dell’importo dev’essere di competenza del Consiglio federale. A ciò si aggiunge anche il divieto di versare indennità di partenza previsto nel progetto.

Un consigliere federale percepisce circa 445mila franchi lordi all’anno, a cui si aggiunge una somma forfettaria di 30mila franchi. Aggiungendo la rendita di previdenza e altre prestazioni, si arriva a uno stipendio di circa un milione all’anno.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio nazionale manager salari tetto ueli maurer
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved