nel-canton-vaud-e-crisi-cantonale
Keystone
12.12.2021 - 14:04
Aggiornamento: 14:22
Ats, a cura de laRegione

Nel canton Vaud è ‘crisi cantonale’

Per far fronte alla quinta ondata di coronavirus, il cantone romando ha deciso di attivare la ‘fase 3’. A ‘farne le spese’ le operazioni non urgenti

Il canton Vaud ha aumentato il livello di allerta per far fronte alla quinta ondata di Covid-19: ha infatti attivato la fase tre, passando da «sistema in tensione» a «crisi cantonale».
Questa fase tre implica che «l’insieme degli attori del sistema sanitario interessati adattano le loro infrastrutture e le loro risorse di personale», ha spiegato oggi a Keystone-Ats il Dipartimento della salute e azione sociale, confermando un’informazione di 24 heures.

Ciò significa che il cantone può obbligare gli ospedali, se necessario, a rinunciare a certe operazioni non urgenti allo scopo di poter trattare i pazienti affetti da Covid-19.

La fase 3 permette anche al Dipartimento della salute di chiedere alle istituzioni, in particolare a scuole di carattere sanitario, di mettere a disposizione del personale. Quest’ultimo potrebbe così essere assegnato a strutture in difficoltà, per esempio a causa dell’assenteismo.

«I tirocini degli studenti, che vengono normalmente effettuati negli ospedali, potrebbero essere svolti nelle case di cura per anziani, che sono particolarmente colpite», precisa il Dipartimento della salute.
Il cantone di Vaud era già passato alla fase tre nell’autunno del 2020 durante la seconda ondata.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
canton vaud coronavirus ondata ospedali pazienti vaud
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved