per-chi-non-e-vaccinato-si-prospettano-tempi-difficili
Keystone
12.12.2021 - 10:00
Aggiornamento : 21:10

‘Per chi non è vaccinato si prospettano tempi difficili’

A dirlo il presidente Guy Parmelin, sottolineando l’importanza del vaccino per uscire dalla crisi

Ats, a cura de laRegione

I non vaccinati devono aspettarsi che le loro libertà siano limitate per molto tempo. Lo ha affermato il presidente della Confederazione Guy Parmelin in un’intervista pubblicata oggi dalla SonntagsZeitung.

Il Consiglio federale ha posto in consultazione venerdì nuove misure sanitarie. Una variante prevede la generalizzazione della cosiddetta regola delle 2G, cioè limitare l’accesso ai ristoranti, agli spazi culturali, sportivi e di svago alle persone vaccinate o guarite (in tedesco “geimpft” o “genesen”).

Se la situazione continuerà a peggiorare in tutta la Svizzera, le autorità potranno agire immediatamente, ha rilevato Parmelin. Con la variante Delta, la situazione non è ancora tale da dover introdurre immediatamente delle regole che valgano per tutti, ha aggiunto per difendere la posizione del Consiglio federale.

Della nuova variante Omicron sappiamo ancora troppo poco, ha aggiunto Parmelin, precisando che alcune indicazioni suggeriscono che è molto più contagiosa, ma non ci sono ancora abbastanza indizi su quanto sia pericolosa.

Parmelin ha quindi ribadito che il Consiglio federale vuole evitare il più possibile un confinamento, anche parziale. Ha poi sottolineato l’importanza della vaccinazione per uscire dalla crisi, pur assicurando che la Svizzera non vuole introdurre un obbligo.

Ufsp, c’è preoccupazione

Preoccupazione per la situazione negli ospedali è stata espressa da Anne Lévy, direttrice dell’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp), sulle colonne del SonntagsBlick. Già confrontati con un forte carico di lavoro, ora devono far fronte anche alla nuova variante Omicron. Da un punto di vista epidemiologico, l’introduzione di misure rapide diventa ancora più urgente, ha rilevato.

Se Omicron prende piede, la Svizzera deve essere pronta, ha aggiunto Lévy. Quest’ultima si aspetta che la nuova variante possa essere dominante al più tardi all’inizio del 2022, forse anche prima. Visto il numero crescente di casi, la Svizzera non potrà probabilmente evitare di introdurre il 2G a livello nazionale, ha proseguito.

Questa regola offre un certo grado di sicurezza alle persone vaccinate e guarite, perché non sono più così facilmente infettabili. Nelle ultime settimane, sono così tante le persone non vaccinate finite negli ospedali che il 3G non rappresenta più un’opzione, secondo Lévy.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
covid crisi guy parmelin pandemia vaccinato
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved