crimine-organizzato-migliorare-scambio-dati-tra-attori-statali
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
14 min

CSt, fondi supplementari per il traffico regionale

Treni, autobus, battelli e impianti a fune riceveranno 4,35 miliardi di franchi per il quadriennio 2022-2025
Svizzera
1 ora

Thomas Hefti presidente del Consiglio degli Stati

62enne, di professione avvocato con un proprio studio legale, subentra ad Alex Kuprecht (Udc/Sz)
Svizzera
2 ore

‘Doppia ondata Omicron-Delta porterebbe al collasso’

Parole di Anne Lévy, direttrice Ufsp: ‘Impensabille tenere la variante Omicron fuori dalla Svizzera, ma possiamo almeno frenarne la diffusione’
Svizzera
2 ore

Svizzera, l’inverno si presenta: fino a mezzo metro di neve

Da domenica sera, nelle Alpi centrali e orientali nevica senza interruzione. Nel Canton Glarona, in località Tierfehd, a 800 metri di quota, 49 centimetri
Svizzera
3 ore

Vaccinazione sotto i 30 anni, Ufsp raccomanda Pfizer

Adeguate le raccomandazioni in base ai dati provenienti da analisi internazionali sulle dichiarazioni di miocardite
Svizzera
3 ore

Scrivere alcune parole su Twint può bloccare i pagamenti

A scoprirlo un cliente di un ristorante afghano di Zurigo che aveva scritto ‘Afghanistan’ come causale dell’invio all’amico della propria quota del conto
Svizzera
3 ore

Irène Kälin eletta presidente del Consiglio nazionale

La 34enne argoviese, esponente dei Verdi, ha ottenuto 151 voti su 166 schede valide
Svizzera
4 ore

Argovia, fanno esplodere un bancomat e fuggono con la refurtiva

Il furto ‘col botto’ nella notte presso la filiale Raiffeisen a Vordemwald. Sono una trentina i casi analoghi in mano alla Procura federale
Svizzera
25.11.2021 - 15:420

Crimine organizzato, migliorare scambio dati tra attori statali

È quanto il Consiglio federale si dice disposto a compiere in ossequio a una richiesta sottoposta dal consigliere nazionale Marco Romano

a cura de laRegione

Un’analisi per esaminare se sussiste la possibilità di adeguare la legislazione alla sfida posta dalla criminalità organizzata, in particolare le mafie italiane, puntando sullo scambio proattivo di informazioni anche con autorità diverse da quelle deputate alla repressione del crimine. È quanto il Consiglio federale si dice disposto a compiere in ossequio a una richiesta sottoposta dal consigliere nazionale Marco Romano (Centro/TI) in forma di postulato.

Romano pensa, in particolare, alla raccolta e allo scambio mirato di informazioni tra autorità di polizia e perseguimento penale cantonali e federali, nonché a informazioni provenienti da altri settori delle amministrazioni federale e cantonali utili a individuare operazioni finanziarie e commerciali riconducibili ad organizzazioni criminali internazionali.

La complessità del sistema istituzionale svizzero rappresenta talvolta un limite nella prevenzione, individuazione e lotta a complesse strutture connesse ad organizzazioni criminali internazionali (ad es. di stampo mafioso), precisa il deputato ticinese, che giustifica il suo intervento con l’ammissione da parte delle stesse autorità federali di aver sottovalutato il fenomeno dell’infiltrazione mafiosa in Svizzera.

L’esperienza di Paesi come l’Italia dimostra come il radicamento nel territorio, nel tessuto economico e sociale, con ramificazioni internazionali, necessiti di un approccio di sistema utile ad analizzare attività economiche e finanziare, tanto legali quanto illegali, con un potenziale collegamento, diretto ed indiretto, a tali organizzazioni. Nel sistema elvetico sono spesso unità amministrative cantonali a trattare pratiche (ad es. costituzioni di società, compravendite fondiarie o immobiliari, Polizia degli stranieri) che potenzialmente sono riconducibili a persone o affari con un nesso alla criminalità organizzata internazionale.

Parimenti sono le istituzioni di perseguimento penale cantonali a confrontarsi con reati minori (ad es. reati finanziari, droga, armi) che contestualizzati a livello nazionale e internazionale hanno evidenti nessi con sistemi criminosi internazionali.

Facendo riferimento ad altri interventi simili inoltrati in passato, il governo si dice disposto ad esaminare il problema sollevato. L’attenzione, precisa nella sua risposta l’esecutivo, si concentra sul diritto di segnalazione delle autorità diverse da quelle di polizia.

Attualmente, infatti, le singole autorità sono sì tenute, su richiesta della Polizia giudiziaria federale, a collaborare e a fornire informazioni, tuttavia non possono segnalare spontaneamente alla stessa istanza eventuali loro constatazioni in relazione alla criminalità organizzata, poiché non esiste un’apposita base giuridica.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved