crimine-organizzato-migliorare-scambio-dati-tra-attori-statali
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
12 ore

I due centauri morti sul Bernina erano sposati da un mese

Stavano scendendo dal passo con un maxi scooter quando sono stati travolti da due auto
Svizzera
12 ore

Boom dei costi, i contadini: alzare i prezzi di pane e latte

I produttori di cereali e latte chiedono aumenti di pochi centesimi dei prezzi al dettaglio per compensare il boom milionario dei costi di produzione
Svizzera
12 ore

Svizzeri e viaggi: Edelweiss fa il record di passeggeri

La compagnia svizzera specializzata in voli per vacanzieri ha fatto registrare il più alto numero di passeggeri trasportati in un mese nella sua storia
Svizzera
13 ore

Lieto evento allo zoo di Basilea: nascono tre procavie

Si tratta di un roditore tipico dell’Africa subsahriana. Il parto è stato possibile nonostante due operazioni agli occhi per la madre dei cuccioli
Svizzera
16 ore

Il lupo che doveva essere abbattuto a Uri si è dato alla macchia

Per l’animale era stato autorizzato l’abbattimento dopo oltre dieci predazioni. Verosimilmente non è più nel territorio del cantone
Svizzera
17 ore

Caduta fatale per un escursionista 77enne nel Klöntal

È successo ieri nel canton Glarona. Il corpo è stato trovato a 1’512 metri d’altitudine.
Votazioni federali
17 ore

Avs: modifiche apprezzate soprattutto dagli uomini

Secondo il sondaggio di Tamedia e 20 Minuten si prospetta un ‘sì’ anche per l’iniziativa sull’allevamento. ‘No’ invece per l’imposta preventiva.
Svizzera
18 ore

Vallese, alpinista 64enne muore sul Täschhorn

L’uomo, un olandese, si trovava in compagnia di un altro scalatore. Si trovava a circa 3’910 metri d’altitudine quando è caduto dalla parete rocciosa.
25.11.2021 - 15:42

Crimine organizzato, migliorare scambio dati tra attori statali

È quanto il Consiglio federale si dice disposto a compiere in ossequio a una richiesta sottoposta dal consigliere nazionale Marco Romano

Un’analisi per esaminare se sussiste la possibilità di adeguare la legislazione alla sfida posta dalla criminalità organizzata, in particolare le mafie italiane, puntando sullo scambio proattivo di informazioni anche con autorità diverse da quelle deputate alla repressione del crimine. È quanto il Consiglio federale si dice disposto a compiere in ossequio a una richiesta sottoposta dal consigliere nazionale Marco Romano (Centro/TI) in forma di postulato.

Romano pensa, in particolare, alla raccolta e allo scambio mirato di informazioni tra autorità di polizia e perseguimento penale cantonali e federali, nonché a informazioni provenienti da altri settori delle amministrazioni federale e cantonali utili a individuare operazioni finanziarie e commerciali riconducibili ad organizzazioni criminali internazionali.

La complessità del sistema istituzionale svizzero rappresenta talvolta un limite nella prevenzione, individuazione e lotta a complesse strutture connesse ad organizzazioni criminali internazionali (ad es. di stampo mafioso), precisa il deputato ticinese, che giustifica il suo intervento con l’ammissione da parte delle stesse autorità federali di aver sottovalutato il fenomeno dell’infiltrazione mafiosa in Svizzera.

L’esperienza di Paesi come l’Italia dimostra come il radicamento nel territorio, nel tessuto economico e sociale, con ramificazioni internazionali, necessiti di un approccio di sistema utile ad analizzare attività economiche e finanziare, tanto legali quanto illegali, con un potenziale collegamento, diretto ed indiretto, a tali organizzazioni. Nel sistema elvetico sono spesso unità amministrative cantonali a trattare pratiche (ad es. costituzioni di società, compravendite fondiarie o immobiliari, Polizia degli stranieri) che potenzialmente sono riconducibili a persone o affari con un nesso alla criminalità organizzata internazionale.

Parimenti sono le istituzioni di perseguimento penale cantonali a confrontarsi con reati minori (ad es. reati finanziari, droga, armi) che contestualizzati a livello nazionale e internazionale hanno evidenti nessi con sistemi criminosi internazionali.

Facendo riferimento ad altri interventi simili inoltrati in passato, il governo si dice disposto ad esaminare il problema sollevato. L’attenzione, precisa nella sua risposta l’esecutivo, si concentra sul diritto di segnalazione delle autorità diverse da quelle di polizia.

Attualmente, infatti, le singole autorità sono sì tenute, su richiesta della Polizia giudiziaria federale, a collaborare e a fornire informazioni, tuttavia non possono segnalare spontaneamente alla stessa istanza eventuali loro constatazioni in relazione alla criminalità organizzata, poiché non esiste un’apposita base giuridica.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio federale crimine marco romano
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved