ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 ore

Tempi bui per i lupi: passa agli Stati l’abbattimento preventivo

Potranno essere uccisi esemplari che si avvicinano minacciosamente a zone abitate o esseri umani o che predano eludendo la protezione delle greggi
Svizzera
6 ore

Rinnovabili da potenziare, ma sempre nel rispetto dell’ambiente

Il dossier approvato dagli Stati passa ora all’esame del Nazionale. Unanime la volontà di ridurre la dipendenza dalle fonti fossili, e non, importate
Svizzera
7 ore

Salta il contratto per il nuovo elicottero della Rega

Il velivolo Aw169-Fips non raggiunge le alte prestazioni richieste dalla Rega in termini di resistenza al gelo
Svizzera
10 ore

Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio

Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
11 ore

Il Consiglio federale non potrà imporre sanzioni autonomamente

Attualmente, la Svizzera può adottare misure restrittive decretate dall’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa
Svizzera
11 ore

Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo

Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
12 ore

Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole

Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
13 ore

I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi

In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
Svizzera
1 gior

Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050

Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
25.11.2021 - 12:17
Aggiornamento: 19:18

La sanità nel 2021 costa il 7,3% in più a causa del Covid

I costi della salute, secondo le previsioni del Centro di ricerca congiunturale (KOF) del Politecnico di Zurigo, raggiungeranno i 91 miliardi di franchi

la-sanita-nel-2021-costa-il-7-3-in-piu-a-causa-del-covid
Ti-Press

A causa della pandemia, i costi della sanità sono destinati a crescere del 7,3% nel 2021 e a raggiungere 91 miliardi di franchi. L’aumento dovrebbe affievolirsi nel 2022 (1,3%) e nel 2023 (1,2%), secondo le previsioni del Centro di ricerca congiunturale (KOF) del Politecnico di Zurigo.

In base allo studio, realizzato con un contributo di comparis.ch, l’evoluzione per il 2022 e il 2023 sarà determinata “in misura significativa dallo sviluppo presente e futuro della pandemia”, sottolinea in una nota il KOF.

Nell’intero periodo di previsione (2020-2023), l’aumento medio annuo è del 3,2%, rispetto al 3,0% degli anni 2010-2019 e al 4,0% degli anni 2000-2009.

Il rapporto tra spesa sanitaria e prodotto interno lordo (PIL) dovrebbe aumentare quest’anno dal 12,0% al 12,3%, per poi diminuire leggermente nel 2022 (12,0%) e nel 2023 (11,8%).

Come la spagnola

Nel quadriennio 2020-2023, il rapporto tra spesa sanitaria e PIL è in media del 12,0%, dopo il 10,8% negli anni 2010-2019 e il 9,7% negli anni 2000-2009. Il KOF ha calcolato una spesa sanitaria di 84,8 miliardi di franchi nel 2020, di 91 miliardi nel 2021, di 92,3 miliardi nel 2022 e di 93,4 miliardi nel 2023.

“Fare previsioni è sempre legato ad elementi di incertezza”, ha sottolineato in una conferenza stampa Michael Graff, capo dell’unità di ricerca congiunturale del KOF. Le conseguenze di eventi come la pandemia di coronavirus sono difficili da valutare. E possono essere paragonate soltanto a quelle dell’influenza spagnola alla fine della Prima guerra mondiale, più di 100 anni fa.

Test anti-Covid e vaccini

Un esame del finanziamento della spesa sanitaria mostra che la pandemia di Covid-19 ha fatto lievitare nel 2020 e soprattutto nel 2021 i contributi versati dallo Stato: ciò è legato in particolare alla decisione di coprire i costi di gran parte di test anti-Covid e della fornitura di vaccini alla popolazione.

Questa tendenza è destinata ad invertirsi nel 2022 e 2023, a condizione, naturalmente, che la pandemia non richieda un maggiore impegno finanziario da parte dello Stato.

La seconda evidenza - scrive il KOF - è l’elevato contributo dei privati alla crescita delle spese sanitarie. Gran parte della spesa privata è causata dai costi dei test anti-Covid che non sono più coperti dalla Confederazione.

Questa spesa privata è quindi destinata ad aumentare significativamente quest’anno, a causa del nuovo regime introdotto questo autunno, ma dovrebbe diminuire nei prossimi anni. Sempre ammesso che la pandemia non porti nuove spiacevoli sorprese, conclude il KOF.

Comparis: niente esplosione dei premi

Comparis ha reso noto da parte sua che la pandemia “ha un impatto pesante sui costi sanitari, ma certamente non porterà a un’esplosione dei premi dell’assicurazione di base”. Le assicurazioni malattia coprono solo una parte delle spese mediche legate al coronavirus. E dispongono inoltre di riserve sufficienti.

Nel 2022, diverse casse malattia ridurranno le loro riserve e gli assicurati beneficeranno di premi più bassi. Comparis considera questa riduzione delle riserve “troppo veloce e troppo forte”, con il rischio di un “forte aumento” dei premi negli anni seguenti a causa dell’aumento dei costi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved