ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
28 min

‘Shock prevedibile, poteva essere evitato’

L’esperto di Comparis Felix Schneuwly sul pesante aumento dei premi di cassa malati per il 2023
Svizzera
17 ore

In autostrada al massimo a 100 all’ora

È la proposta lanciata dall’Associazione traffico e ambiente per diminuire i consumi energetici
Svizzera
17 ore

Il Parlamento converge... sul solare

Da sabato sarà obbligatorio installare pannelli fotovoltaici sui grandi edifici di nuova costruzione
Svizzera
17 ore

Aborto: 20 anni di regime dei termini

Due decenni fa veniva concessa, in tutti i cantoni, l’interruzione di gravidanza. Presente ai festeggiamenti anche Karin Keller-Sutter.
Svizzera
18 ore

Premi di cassa malati, in Ticino l’aumento sarà del 9,2%

A livello nazionale invece il rincaro sarà pari allo 6,6%.
Svizzera
19 ore

Per i piloti di Swiss mediazione ‘inutile’. Verso lo sciopero.

Nella discussione per il nuovo contratto collettivo di lavoro le maestranze chiedono un incontro con i vertici
Svizzera
20 ore

Vittime di violenza: necessari centri di prima assistenza

La necessità di garantire la documentazione e il rilevamento delle tracce da parte di un medico legale senza obbligo di sporgere denuncia
Svizzera
23 ore

Si prospettano lunghe attese per il pediatra

Due i fattori: la penuria di personale e la scelta dei genitori di recarsi direttamente al Pronto soccorso, senza consultare prima il medico di base
Svizzera
1 gior

Premi di cassa malati, previsti forti aumenti in Ticino

Oggi alle 14 ci sarà l’annuncio del ministro della Sanità Alain Berset
Svizzera
1 gior

Più soldi nel portamonete dei pensionati in Svizzera

Il Parlamento chiede un adeguamento integrale delle rendite Avs all’inflazione. Niente da fare per l’aumento dei sussidi di cassa malati.
Svizzera
1 gior

Offensiva solare, obbligo pannelli solo per edifici grandi

La Camera del popolo ha deciso di limitare tale vincolo alle strutture che occupano una superficie al suolo superiore a 300 metri quadrati
22.11.2021 - 10:11
Aggiornamento: 15:20

Università: uno studente su due in difficoltà, uno su 10 lascia

Stando a uno studio dell’Ufficio federale di statistica, il 57% di essi ha problemi a portare avanti gli studi e uno su dieci decide di abbandonarli

Ats, a cura de laRegione
universita-uno-studente-su-due-in-difficolta-uno-su-10-lascia
Ti-Press

Studenti universitari in crisi in Svizzera, anche prima della pandemia da Covid-19. Stando a uno studio dell’Ufficio federale di statistica (Ust) realizzato prima della crisi, il 57% di essi ha problemi a portare avanti gli studi e uno su dieci decide di abbandonarli.

Dall’immagine – che valuta principalmente la situazione socioeconomica degli studenti – emerge che un terzo di essi (33%) dichiara di avere difficoltà in relazione al contenuto degli studi. La mancanza di motivazione, menzionata da circa uno studente su quattro (24%), è il secondo tipo di difficoltà negli studi per frequenza. Seguono quelle finanziarie e personali (entrambe al 17%).

Coloro che hanno già compiuto i 30 anni sono meno spesso toccati dalle difficoltà in relazione al contenuto degli studi rispetto ai più giovani, ma più spesso da quelle finanziarie o personali. Gli studenti i cui genitori non dispongono di una formazione post obbligatoria (7% del totale) riscontrano più difficoltà degli altri, indipendentemente dal tipo di difficoltà considerate.

Scienze esatte e naturali le più difficili

Più nel dettaglio, nelle scuole universitarie (Uni) ad avere maggiori problemi con il contenuto degli studi sono coloro che frequentano scienze esatte e naturali (42%) e medicina e farmacia (39%). Hanno invece meno difficoltà gli studenti iscritti a scienze umane e sociali (30%) o materie interdisciplinari o altro (26%).

Nelle scuole universitarie professionali e nelle alte scuole pedagogiche (Sup/Asp) invece sono più in difficoltà gli studenti di tecnica e informatica (37%), design (36%) e chimica e scienze della vita (35%), mentre hanno vita più facile coloro che frequentano corsi di sport (19%), musica, arti sceniche e altre arti (21%) o psicologia applicata (23%).

Ambito di studio incide su integrazione

Nelle Uni, in medicina e farmacia, scienze tecniche e scienze economiche, in generale pochi affermano di andare d’accordo con gli insegnanti, mentre sono in molti a sostenere di avere amici tra i compagni di corso. Coloro che frequentano le facoltà di scienze umane e sociali hanno un buon rapporto con gli insegnanti ma non hanno molti amici tra i compagni. Gli studenti di diritto tendenzialmente hanno sia problemi nell’andare d’accordo con gli insegnanti che a legarsi ai compagni di corso.

I risultati relativi alle Sup/Asp sono ben diversi: il numero di studenti che affermano di andare d’accordo con gli insegnanti è sempre superiore alla media, indipendentemente dal settore di studio.

Uno su dieci abbandona

Sovente la decisione di gettare la spugna deriva da preoccupazioni legate alla salute: coloro che ritengono che la propria salute vada discretamente, male o molto male sono quelli che pensano più spesso di abbandonare gli studi (17%).

A prendere in considerazione l’opzione di lasciare i corsi vi sono pure gli studenti i cui genitori non hanno proseguito la formazione dopo la scuola dell’obbligo, quelli con difficoltà finanziarie, quelli con un grado di occupazione superiore all’80% e quelli di più di 35 anni. L’indirizzo di studio, invece, non influisce in modo significativo su questa intenzione.

La rilevazione 2020 sulla situazione socioeconomica degli studenti (Ssee) è stata condotta interpellando 26’685 studenti immatricolati in una scuola universitaria in Svizzera che nel semestre invernale 2019/2020 erano iscritti a un ciclo di studi per un bachelor o un master o a un’altra formazione analoga. Non sono stati considerati i dottorandi, le persone che seguono una formazione continua o un semestre di scambio (ad es. Erasmus) presso una scuola universitaria svizzera.

L’inchiesta è stata condotta nel semestre primaverile dal 25 marzo al 31 maggio 2020 tramite questionari online. All’inizio del questionario si precisava nel rispondere alle domande di fare riferimento a una settimana tipica di studio e non alla situazione insolita del momento legato alla pandemia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved