BOS Bruins
1
Detroit Red Wings
2
fine
(0-0 : 0-1 : 1-1)
FLO Panthers
5
WAS Capitals
4
fine
(1-2 : 0-2 : 4-0)
NJ Devils
2
SJ Sharks
5
fine
(0-1 : 0-3 : 2-1)
MIN Wild
5
ARI Coyotes
2
3. tempo
(1-1 : 3-0 : 1-1)
NAS Predators
6
COB Jackets
0
3. tempo
(3-0 : 2-0 : 1-0)
STL Blues
3
TB Lightning
3
overtime
(0-3 : 2-0 : 1-0 : 0-0)
DAL Stars
2
CAR Hurricanes
0
2. tempo
(1-0 : 1-0)
LA Kings
ANA Ducks
04:30
 
quattro-svizzeri-su-cinque-portano-occhiali-o-lenti-a-contatto
Si registra una progressione dei difetti alla vista in giovani e adolescenti
Svizzera
28.10.2021 - 15:170

Quattro svizzeri su cinque portano occhiali o lenti a contatto

La proporzione è aumentata negli scorsi 4 anni. Secondo un sondaggio dell’associazione Optikschweiz, a dovervi fare ricorso è ben l’80% della popolazione

Sempre più persone in Svizzera hanno bisogno di occhiali o lenti a contatto: la loro proporzione è aumentata negli scorsi quattro anni. Secondo un sondaggio dell’associazione Optikschweiz, a dovervi fare ricorso è ben l’80% della popolazione. Nel 2017, quando fu realizzata l’ultima analisi di questo tipo, un quarto degli svizzeri fra i 16 e i 74 anni se la cavava ancora senza occhiali o lenti, sottolinea Optikschweiz in un comunicato. Ora, a poterlo dire è solamente uno su cinque.

Le ragioni di questo incremento sono diverse. Da un lato, l’associazione degli ottici lo attribuisce al fatto che la popolazione sta diventando sempre più vecchia. Inoltre, dato che in molti lavorano costantemente davanti a un computer, leggeri disturbi visivi sono oggi più frequenti. Stando alle cifre, da vent’anni a questa parte si nota in particolare una forte progressione dei difetti alla vista in giovani e adolescenti. Nel 2001 infatti, nella fascia d’età 16-24 il 55% degli intervistati faceva a meno di occhiali o lenti a contatto. Attualmente, tale quota è scesa al 30%.

L’associazione conduce questo sondaggio con cadenza quadriennale dal 1977. Per quello del 2021, l’istituto di ricerche di mercato GfK ha intervistato 1’002 persone nella Svizzera tedesca e in Romandia durante lo scorso mese di settembre.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved