nel-2022-potremmo-dover-tornare-al-lavoro-ridotto
Keystone
24.10.2021 - 10:03
Aggiornamento : 15:42

‘Nel 2022 potremmo dover tornare al lavoro ridotto’

A dirlo è il presidente della Confederazione Guy Parmelin. A preoccuparlo non il Covid ma la difficoltà d’approvvigionamento di materiali per le aziende

Ats, a cura de laRegione

L’interruzione di molte catene di approvvigionamento di pezzi per le aziende svizzere preoccupa il presidente della Confederazione Guy Parmelin: è possibile che nel 2022 debbano ricorrere di nuovo al lavoro a orario ridotto, dice al SonntagsBlick.

«Se questa crisi dovesse peggiorare in altri Paesi, anche la Svizzera ne sarebbe colpita». E «non è perché non c’è lavoro, ma perché mancano pezzi, componenti o il materiale per finire i prodotti», nota il ministro dell’Economia elvetico svizzero in un’intervista pubblicata oggi dal domenicale svizzero-tedesco.

In questo difficile contesto economico, il vodese è preoccupato per un eventuale fallimento della Legge Covid-19 in votazione il 28 novembre: «Un ‘no’ avrebbe certamente delle ripercussioni».

La Confederazione avrebbe anche problemi a livello internazionale e dovrà trovare qualcosa di nuovo in marzo per sostituire il certificato Covid, sottolinea l’esponente dell’UDC.

Parmelin rammenta poi che l’estensione dell’indennità di lavoro ridotto a 24 mesi è inclusa in questa legge.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aziende confederazione covid guy parmelin lavoro ridotto
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved