Yverdon-sport Fc
2
Sciaffusa
1
fine
(1-0)
FC Stade Ls Ouchy
0
Xamax
0
fine
(0-0)
Aarau
2
Winterthur
0
fine
(2-0)
MEKTIC N./PAVIC M.
2
DJOKOVIC N./KRAJINOVIC F.
0
fine
Zurigo
5
Bienne
2
fine
(2-0 : 0-1 : 3-1)
Friborgo
4
Berna
3
fine
(1-2 : 1-0 : 1-1 : 1-0)
Ginevra
2
Lakers
0
fine
(1-0 : 0-0 : 1-0)
Losanna
2
Davos
3
fine
(1-0 : 1-1 : 0-1 : 0-0 : 0-1)
Olten
3
Langenthal
2
fine
(2-1 : 1-1 : 0-0)
La Chaux de Fonds
2
Turgovia
3
fine
(2-0 : 0-1 : 0-1 : 0-0 : 0-1)
Sierre
0
Visp
4
fine
(0-2 : 0-1 : 0-1)
Ticino Rockets
4
GCK Lions
3
fine
(1-1 : 0-1 : 3-1)
Winterthur
1
Zugo Academy
3
fine
(0-0 : 0-1 : 1-2)
multe-per-il-turismo-della-spesa-il-governo-ammette-errori
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

I No-Ue verso un ‘potente movimento unico’ in Svizzera

Tre organizzazioni intendono unire le forze per preparare la prossima battaglia politica contro l’adesione all’Unione europea
Svizzera
3 ore

Covid e provvedimenti: ristoratori soddisfatti, cultura delusa

Il mondo professionale felice per la non introduzione dell’obbligo di telelavoro. Dalla politica: Plr, Pvl e Centro soddisfatti, Verdi scontenti
Svizzera
4 ore

Ginevra: sparò e uccise un amico, 16 anni di carcere

I fatti risalgono al maggio 2016. Il tribunale criminale ha condannato un uomo di 42 anni
Svizzera
4 ore

Cassis ha accolto a Berna il ministro degli esteri del Marocco

La visita segna il centenario della presenza diplomatica svizzera in Marocco. I ministri hanno discusso di sfide internazionali in materia di migrazione
Svizzera
7 ore

Ingresso o rientro in Svizzera, come funziona da domani

Chi arriva o rientra dalle regioni di confine (Lombardia e Piemonte per il Ticino) non dovrà presentare il test Pcr né compilare il modulo di entrata
Svizzera
8 ore

Imprese responsabili, controprogetto in vigore da gennaio

Lo ha deciso oggi il Consiglio federale: i nuovi obblighi di diligenza per le imprese saranno applicati a partire dall’esercizio contabile del 2023
Svizzera
8 ore

In Svizzera 9’951 contagi, scende il tasso di riproduzione

Nelle ultime 24 ore si segnalano 29 decessi e 118 ricoveri
Svizzera
9 ore

Dal 6 dicembre mascherine al chiuso e Covid Pass esteso

Obbligatorio indossare la mascherina al lavoro se si è in più di uno. Inasprito il regime dei test in ingresso ma abolita la quarantena
Svizzera
10 ore

Dal 1°gennaio libera circolazione per i lavoratori croati

Se la quota di lavoratori dalla Croazia dovesse superare una certa soglia potrà essere utilizzata la clausola di protezione ripristinando i contingenti
Svizzera
10 ore

Casse malati, da gennaio le prime misure per contenere i costi

La revisione della Legge federale sull’assicurazione malattie (LAMal) prevede un migliore controllo delle fatture da parte dei pazienti
Svizzera
20.10.2021 - 09:480

Multe per il turismo della spesa, il Governo ammette errori

Le multe da 100 franchi elevate durante la prima fase della pandemia non avevano base legale. Il Consiglio federale ammette: “comunicazione insufficiente”

a cura de laRegione

Le multe per il turismo degli acquisti elevate durante la prima ondata della pandemia nella primavera del 2020 non avevano una base legale. Il Consiglio federale ammette l’errore parziale. Ne dà notizia il TagesAnzeiger. Erano dunque fondate le critiche della Commissione Gestione degli Stati in merito, inserite nel rapporto sulle misure Covid alle frontiere pubblicato a giugno.

Come si ricorderà, dopo l’imposizione delle restrizioni in ingresso nel marzo del 2020 il Consiglio federale, a partire dal 23 marzo aveva imposto anche il divieto di recarsi all’estero esclusivamente per fare acquisti, per cui l’Amministrazione federale delle dogane (Afd) aveva sanzionato diverse persone con una multa da 100 franchi basandosi sulla legge doganale, prima che la sanzione venisse inserita nell’ordinanza Covid-19 il 17 aprile.

Nel rapporto di giugno, dunque, la Commissione Gestione del Consiglio degli Stati aveva concluso che fino a quella data “non c’era una base legale esplicita per multare le violazioni del divieto del turismo degli acquisti”. Inoltre, la decisione dell’Afd avrebbe dovuto essere comunicata più chiaramente.

Il Consiglio federale, nella dichiarazione sul Foglio federale di martedi, ha dichiarato che intende attuare alcune raccomandazioni della Commissione Gestione agli Stati, ad esempio chiarire la portata e l’estensione, per i casi futuri, della legge doganale, la cui attuale revisione dovrebbe essere l’occasione per tale adeguamento. Il Governo ha chiarito che “una tale situazione non si ripeterà in futuro”.

Comunicazione "parzialmente insufficiente”


Nella sua dichiarazione pubblicata martedì nel Foglio federale, il Consiglio federale dichiara che intende attuare alcune delle raccomandazioni della CPC-S. Ad esempio, il campo di applicazione della FCA dovrebbe essere ampliato. Per esempio, la portata del Customs Act dovrebbe essere chiarita per i casi futuri. L’attuale revisione totale della legge doganale offre l’opportunità di farlo. Egli presume “che una tale situazione non si ripeterà in futuro”, scrive il Consiglio federale.

Il Governo fa anche autocritica circa la comunicazione relativa alle multe per lo shopping, dichiarando che la cooperazione tra le unità amministrative “avrebbe dovuto essere più intensa", che il tema avrebbe potuto essere discusso "più dettagliatamente" durante le proprie sedute e che in alcuni casi la comunicazione è stata "inadeguata". Ciò, comunque, tenendo presente che nelle prime fasi della pandemia il carico di lavoro per i dipartimenti coinvolti è stato "enorme" e dunque è “comprensibile” che determinati chiarimenti siano stati messi in secondo piano. Il Consiglio federale dichiara tuttavia che in futuro ci si impegnerà "per una maggiore cooperazione”.

"Decisioni prese in breve tempo e in situazione incerta”

Anche la stessa Commissione Gestione ammette che comunque il proprio rapporto è “una valutazione retrospettiva di decisioni che hanno dovuto essere prese dall’amministrazione federale in un periodo di tempo molto breve e sulla base di una situazione informativa incerta" e che comunque nell’agire del personale doganale non si è riscontrato "nessun problema fondamentale”: il numero di contestazioni è stato “relativamente piccolo” rispetto alla mole di passaggi transfrontalieri e controlli, per cui è possibile concludere che il personale e le autorità doganali hanno fatto un buono lavoro.

Il Consiglio federale informa che le multe contestate saranno esaminate dagli organi di ricorso federali o cantonali competenti. Le multe imposte erroneamente verranno rimborsate se verrà emessa una decisione giuridicamente vincolante.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved