ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
10 ore

Sarebbe riuscita l’iniziativa per la responsabilità ambientale

I Giovani Verdi annunciano di aver raccolto oltre 100mila firme. Il concetto di ‘limite naturale’ al centro della proposta di modifica costituzionale.
Svizzera
10 ore

Giornalista scopre monumento nazista nel cimitero di Coira

Ha fatto parte del culto dell’eroe con cui Hitler ha giustificato la guerra, scrive la Srf. Le autorità non ne erano a conoscenza.
Svizzera
13 ore

Nel programma Udc la lotta agli uffici per la parità di genere

Anticipate le linee guida per le Federali: ‘Preoccupazione’ per gli asterischi nei testi, niente soldi alle istituzioni che sostengono ‘ideologie’
Svizzera
14 ore

Prodotti bio troppo cari: bocciata la proposta di Mister prezzi

Stefan Meierhans ha proposto ai rivenditori una ‘soluzione amichevole’, subito però rispedita al mittente
Svizzera
16 ore

Si potrà abbattere un lupo capobranco con prove diverse dal Dna

Così il Taf sul caso del maschio alfa del branco del Beverin: la partecipazione determinante dell’esemplare al danno potrà essere dimostrata in altri modi
Svizzera
18 ore

Grigioni: furgone contro un’auto, una donna gravemente ferita

Il violento scontro è successo ieri, giovedì 26 gennaio, a Schiers in Val Prettigovia
Svizzera
1 gior

Wef e turismo, prove di convivenza a Davos

L’esecutivo locale ha intavolato una discussione con tutte le parti in causa per trovare una soluzione ideale per tutti per il prossimo anno
Svizzera
1 gior

Un 2022 in dolcezza per la lucernese Hug

La carenza di manodopera nella ristorazione fa le fortune dell’azienda che produce biscotti: vendite aumentate di 10 milioni lo scorso anno
Svizzera
1 gior

Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari

La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
1 gior

Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale

Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
06.10.2021 - 18:02

Quasi 8mila afghani vorrebbero il visto umanitario elvetico

Le richieste sono arrivate via e-mail. Per un terzo di queste l’esito potrebbe essere positivo. Sono tre i criteri di valutazione per la concessione di un visto

Ats, a cura de laRegione
quasi-8mila-afghani-vorrebbero-il-visto-umanitario-elvetico
Keystone
In cerca di un futuro migliore

La Segreteria di Stato della migrazione (Sem) ha finora ricevuto 7’800 e-mail da persone originarie dell’Afghanistan che desiderano presentare domanda per ottenere un visto umanitario. Per tre di queste domande la Sem potrebbe dare una risposta positiva. “La Sem non ha ancora trattato alcuna domanda formale per la concessione di visti umanitari”, ha comunicato oggi l’autorità a Keystone-Ats, confermando così un’informazione di radio Srf. Le richieste ufficiali devono essere presentate presso una rappresentanza svizzera all’estero, ha precisato.

Nessuna domanda pendente

La Sem, secondo quanto da essa stessa indicato, valuta se i criteri per la concessione di un visto umanitario possono essere soddisfatti. La valutazione non ha alcun effetto legale. “Non abbiamo quindi respinto nessuna domanda, né ci sono domande pendenti”, scrive la Sem. Nella maggior parte dei casi, la Sem non crede che le informazioni e gli eventuali documenti provino che i criteri per un visto umanitario possano essere soddisfatti. “In tre casi supponiamo che i criteri possano essere soddisfatti”, ha sottolineato. Secondo la Sem, devono essere soddisfatti in particolare due criteri. La persona in questione deve essere in grado di dimostrare che su di lei incombe una minaccia di pericolo concreto e imminente per la sua vita. L’appartenenza a un gruppo possibilmente in pericolo non è sufficiente. Anche la presa del potere da parte dei talebani in quanto tale non è sufficiente. Inoltre, deve essere dimostrato uno stretto legame con la Svizzera.

Critica della prassi restrittiva

Visti umanitari, ricongiungimento familiare e reinsediamento sono tre diverse possibilità per vie di fuga legali e sicure. L’Organizzazione svizzera d’aiuto ai rifugiati (Osar) chiede che la Svizzera faciliti il rilascio di visti umanitari e acceleri i ricongiungimenti familiari per accogliere i rifugiati afghani. La pratica attuale in materia di visti umanitari è estremamente restrittiva, ha indicato Osar a Keystone-Ats. La Confederazione non rilascia quasi nessun visto umanitario. L’Osar accoglie positivamente il fatto che la Sem stia esaminando le richieste preliminari di visti umanitari. A metà agosto, l’Osar aveva già chiesto che parenti o altre persone di contatto in Svizzera potessero presentare in anticipo per iscritto la domanda di visto umanitario alla Sem per un esame preliminare. Questo perché la fuga verso un’ambasciata elvetica in un Paese vicino è molto rischiosa e difficile per le persone vulnerabili in Afghanistan. Attualmente la Svizzera non ha una rappresentanza in Afghanistan. Secondo l’Osar anche le persone ammesse provvisoriamente dovrebbero avere lo stesso diritto al ricongiungimento familiare dei rifugiati riconosciuti, dal momento che hanno un bisogno di protezione paragonabile e l’esperienza dimostra che rimangono in Svizzera a lungo termine. Oggi, le persone ammesse provvisoriamente sono soggette a un periodo di attesa di tre anni per il ricongiungimento familiare. “Le restrizioni esistenti non sono compatibili con i diritti umani - soprattutto per quanto riguarda la Convenzione europea dei diritti dell’uomo e la Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia”, scrive l’Osar. L’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), Filippo Grandi, ha chiesto alla Svizzera alla fine di settembre di accogliere ulteriori rifugiati afghani da un Paese vicino all’Afghanistan nell’ambito del reinsediamento. I rifugiati di reinsediamento sono già riconosciuti dall’Unhcr. Si tratta di rifugiati particolarmente vulnerabili senza accesso ai servizi di base vitali e ai diritti fondamentali, come donne, bambini e famiglie.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved