processo-an-nur-3-assoluzioni-e-6-condanne
L'ingresso della moschea di An'Nur (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

C’è un terzo caso di infezione da variante Omicron in Svizzera

La persona è isolata e i suoi contatti sono in quarantena. Uno dei due casi annunciati ieri dall’Ufsp è stato rilevato a Basilea Città
Svizzera
15 ore

Confermati i primi casi di variante Omicron in Svizzera

L’Ufficio federale della sanità pubblica annuncia che sono due le persone ad averla contratta
Svizzera
16 ore

Boom di vaccinazioni nel Giura: chiesto aiuto all’esercito

Le autorità cantonali scrivono alla Confederazione al fine di poter beneficiare dei militari per aumentare le proprie capacità di somministrazione
Svizzera
17 ore

Salta la festa di Cassis per la prevista elezione a presidente

Le celebrazioni, posticipate all’estate 2022, avrebbero dovuto tenersi in Ticino il prossimo 16 dicembre
Svizzera
18 ore

Stretta su Covid pass e mascherine, Berna vara nuove misure

Si profila l’estensione dell’obbligo del certificato e la limitazione della validità dei test. Valutati pure tre scenari sul posto di lavoro
Svizzera
19 ore

Anche a Lucerna bagni unisex in scuole e impianti sportivi

Meno di due settimane fa ne avevano annunciato l’installazione il Politecnico federale e l’Università di Losanna
Svizzera
19 ore

Il Tf: ritirata a un medico la licenza di prescrivere metadone

La dottoressa zurighese aveva venduto farmaci sottoposti a prescrizione a tossicodipendenti pur non essendo autorizzata alla vendita
Svizzera
20 ore

Misure anti-Covid alla Posta: da domani mascherina e telelavoro

Ammesse solo cinque persone per le riunioni fisiche, annullati gli eventi di fine anno. La mascherina sarà indossata anche da seduti al posto di lavoro
zurigo
06.10.2021 - 15:120
Aggiornamento : 18:39

Processo An’Nur: 3 assoluzioni e 6 condanne

Al processo d’Appello a nove imputati per un’aggressione avvenuta cinque anni fa nella ex moschea di Winterthur

Al processo d’Appello a nove imputati per un’aggressione avvenuta cinque anni fa nella ex moschea An’Nur di Winterthur (Zh) il Tribunale cantonale di Zurigo ha pronunciato tre assoluzioni e sei pene detentive e pecuniarie con la condizionale. Nella sentenza comunicata oggi la Corte ha inoltre rinunciato a espulsioni dalla Svizzera. Il verdetto può ancora essere impugnato.

In primo grado, nell’ottobre del 2018, il Tribunale distrettuale di Winterthur aveva inflitto otto condanne e due assoluzioni. La Procura, che aveva chiesto pene fino a tre anni di prigione in parte sospese, aveva fatto Appello nei nove casi di sua competenza. Il dossier che riguardava un 17enne al momento dei fatti è stato affidato al giudice dei minorenni.

I fatti risalgono alla sera del 22 novembre del 2016. Secondo l’atto di accusa, gli imputati hanno bloccato due frequentatori della moschea, per poi minacciarli e malmenarli perché considerati “traditori”. A una delle vittime è stata cacciata in bocca una banconota da dieci dollari che ha dovuto ingoiare. Gli aggressori erano convinti che i due avessero trasmesso a un giornalista il testo di un controverso sermone tenuto un mese prima da un 25enne imam etiope. Quest’ultimo è poi stato condannato a 18 mesi con la condizionale e a 10 anni di espulsione dalla Svizzera per aver esortato ad “evitare, calunniare” e persino a uccidere i musulmani che non pregano in comunità.

Gli imputati al Tribunale cantonale erano sette giovani che al momento dei fatti avevano fra 18 e i 24 anni d’età, un 54enne libico che fungeva da imam principale e l’allora 49enne presidente dell’associazione che gestiva la moschea An’Nur (La Luce). Quest’ultima è stata per anni considerata un luogo di radicalizzazione islamica - con diversi giovani partiti da Winterthur per il jihad in Siria - ed è stata chiusa definitivamente nel giugno 2017, allo scadere del contratto d’affitto.

Nella sentenza odierna la Suprema Corte cantonale ha imposto pene detentive con la condizionale da 12 a 19 mesi - per coazione, sequestro di persona e minacce -, nonché pene pecuniarie da 150 a 2’000 franchi. Al fedele costretto a ingoiare una banconota è stato riconosciuto un risarcimento di 2’000 franchi. Sono stati assolti l’imam libico, che era intervenuto solo in seguito nella bagarre, il presidente di An’Nur e un giovane frequentatore della moschea. Per la loro ingiusta detenzione è stato concesso un risarcimento di rispettivamente 500, 18’000 e 34’000 franchi.

In prima istanza, sette giovani frequentatori della moschea erano stati condannati a pene detentive con la condizionale fra i 6 e i 18 mesi e in alcuni casi a pene pecuniarie, pure sospese, per una serie di accuse quali sequestro di persona, lesioni personali, coazione e minacce. Il Tribunale distrettuale di Winterthur aveva anche deciso due assoluzioni e ordinato l’espulsione dalla Svizzera per un periodo di sette anni per due imputati: un afghano e un macedone.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved