processo-an-nur-3-assoluzioni-e-6-condanne
L'ingresso della moschea di An'Nur (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Vaccino Moderna ai bambini sotto i 5 anni? Swissmedic ci pensa

Coronavirus, secondo i dati dell’Ufficio federale della sanità pubblica, da inizio pandemia nella Confederazione sono morti cinque bimbi
Svizzera
3 ore

In Svizzera accolti oltre 50’000 rifugiati dall’Ucraina

Dei 50’172 che a oggi si sono annunciati, 48’574 hanno ottenuto lo statuto S (il 97,8% di quelli complessivi rilasciati dalla Confederazione)
Svizzera
7 ore

Società elettriche, ecco il piano di salvataggio

Consiglio federale pronto a mettere sul piatto fino a dieci miliardi di franchi per evitare il collasso del sistema
Svizzera
8 ore

A 229 km/h nel tunnel del Gubrist, ecco l’atto d’accusa

Nella sua folle corsa il pirata della strada aveva pure urtato altre auto, per poi finire la sua corsa tamponando la vettura che lo precedeva
Svizzera
8 ore

Il Consiglio federale corre ai ripari sulle forniture di gas

Adottato un piano per far fronte all’eventuale riduzione delle forniture dalla Russia: riserve stoccate in Paesi vicini e opzione per ulteriori forniture
Svizzera
8 ore

F-35A, si ratifichi subito l’acquisto. Senza passare dal voto

Il Consiglio federale sposa le raccomandazioni della Commissione di sicurezza degli Stati. Ma non sul tema dei Tiger, che vorrebbe pensionare
Svizzera
9 ore

Da dicembre treni supplementari da e per il Ticino

Cambiamenti in vigore con l’introduzione dell’orario invernale. Per la prima volta Grigioni e Romandia uniti da un collegamento diretto
Svizzera
10 ore

Manca il rientro e si cappotta: 82enne ferito in modo serio

L’uomo ha perso il controllo della sua vettura dopo una deviazione all’altezza di Rongellen, nel canton Grigioni
zurigo
06.10.2021 - 15:12
Aggiornamento : 18:39

Processo An’Nur: 3 assoluzioni e 6 condanne

Al processo d’Appello a nove imputati per un’aggressione avvenuta cinque anni fa nella ex moschea di Winterthur

Ats, a cura de laRegione

Al processo d’Appello a nove imputati per un’aggressione avvenuta cinque anni fa nella ex moschea An’Nur di Winterthur (Zh) il Tribunale cantonale di Zurigo ha pronunciato tre assoluzioni e sei pene detentive e pecuniarie con la condizionale. Nella sentenza comunicata oggi la Corte ha inoltre rinunciato a espulsioni dalla Svizzera. Il verdetto può ancora essere impugnato.

In primo grado, nell’ottobre del 2018, il Tribunale distrettuale di Winterthur aveva inflitto otto condanne e due assoluzioni. La Procura, che aveva chiesto pene fino a tre anni di prigione in parte sospese, aveva fatto Appello nei nove casi di sua competenza. Il dossier che riguardava un 17enne al momento dei fatti è stato affidato al giudice dei minorenni.

I fatti risalgono alla sera del 22 novembre del 2016. Secondo l’atto di accusa, gli imputati hanno bloccato due frequentatori della moschea, per poi minacciarli e malmenarli perché considerati “traditori”. A una delle vittime è stata cacciata in bocca una banconota da dieci dollari che ha dovuto ingoiare. Gli aggressori erano convinti che i due avessero trasmesso a un giornalista il testo di un controverso sermone tenuto un mese prima da un 25enne imam etiope. Quest’ultimo è poi stato condannato a 18 mesi con la condizionale e a 10 anni di espulsione dalla Svizzera per aver esortato ad “evitare, calunniare” e persino a uccidere i musulmani che non pregano in comunità.

Gli imputati al Tribunale cantonale erano sette giovani che al momento dei fatti avevano fra 18 e i 24 anni d’età, un 54enne libico che fungeva da imam principale e l’allora 49enne presidente dell’associazione che gestiva la moschea An’Nur (La Luce). Quest’ultima è stata per anni considerata un luogo di radicalizzazione islamica - con diversi giovani partiti da Winterthur per il jihad in Siria - ed è stata chiusa definitivamente nel giugno 2017, allo scadere del contratto d’affitto.

Nella sentenza odierna la Suprema Corte cantonale ha imposto pene detentive con la condizionale da 12 a 19 mesi - per coazione, sequestro di persona e minacce -, nonché pene pecuniarie da 150 a 2’000 franchi. Al fedele costretto a ingoiare una banconota è stato riconosciuto un risarcimento di 2’000 franchi. Sono stati assolti l’imam libico, che era intervenuto solo in seguito nella bagarre, il presidente di An’Nur e un giovane frequentatore della moschea. Per la loro ingiusta detenzione è stato concesso un risarcimento di rispettivamente 500, 18’000 e 34’000 franchi.

In prima istanza, sette giovani frequentatori della moschea erano stati condannati a pene detentive con la condizionale fra i 6 e i 18 mesi e in alcuni casi a pene pecuniarie, pure sospese, per una serie di accuse quali sequestro di persona, lesioni personali, coazione e minacce. Il Tribunale distrettuale di Winterthur aveva anche deciso due assoluzioni e ordinato l’espulsione dalla Svizzera per un periodo di sette anni per due imputati: un afghano e un macedone.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
imam islam moschea moschea an'nur processo winterthur zurigo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved