domani-si-decide-il-destino-del-miliardo-di-coesione
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Un lupo sbrana 28 animali in Vallese: ordinato l’abbattimento

Il predatore ha ucciso gli ovini in situazione protetta su superfici agricole utili: soddisfatti i requisiti per l’uccisione
Svizzera
4 ore

Entro il 2025 il 50% dei nuovi veicoli dovrà essere ricaricabile

Sottoscritta oggi dai rappresentanti dello Stato e dei settori automobilistico, elettrico e immobiliare la nuova fase della Roadmap mobilità elettrica
Svizzera
5 ore

Imbrattato il monumento a Suvorov nelle Gole della Schöllenen

Il memoriale al feldmaresciallo russo e ai soldati austro-russi caduti contro le truppe napoleoniche del 1799 è stato sporcato con vernice blu e gialla
Svizzera
5 ore

Adozioni illegali da Sri Lanka, Berna aiuta a ritrovare origini

La Confederazione e i Cantoni partecipano a un progetto pilota a sostegno delle persone adottate dello Sri Lanka nella ricerca delle loro origini
Svizzera
5 ore

Oro di origine ignota, Ong svizzera ricorre al TF

La Società per i popoli minacciati contro una decisione del Taf che permette a quattro raffinerie d’oro svizzere di non rivelare l’origine del metallo
Svizzera
6 ore

Berna, un 29enne muore schiacciato da una balla di fieno

L’incidente è avvenuto mentre l’uomo stava caricando il foraggio su un mezzo agricolo
gallery
Svizzera
7 ore

Proiettili inesplosi: 227 eliminati nel 2021

L’anno scorso sono state fatte 908 segnalazioni per vari oggetti tra cui anche munizioni. In alcuni casi è possibile ricevere una ricompensa
Svizzera
7 ore

‘Quest’anno ferie più care del 20%’

La causa sarebbe l’aumento dei costi di materie prime e catene d’approvvigionamento. Lo sostiene il responsabile della società di viaggi Globetrotter
Svizzera
8 ore

In Ticino un’ottima estate in vista per le case vacanze

Parahotellerie Svizzera ha diffuso i dati sulle prenotazioni per i prossimi mesi: molto bene i campeggi Tcs, bene appartamenti e ostelli, meno bene Reka
29.09.2021 - 15:37
Aggiornamento : 15:56

Domani si decide il destino del miliardo di coesione

Il Parlamento discuterà il versamento degli 1,3 miliardi per il fondo di coesione per l’Est Europa, che sarà effettivo se l’Ue ritirerà le misure discriminatorie

Ats, a cura de laRegione

Domani si saprà se la Confederazione verserà il cosiddetto “secondo miliardo di coesione” destinato al fondo di coesione per gli Stati dell’Europa dell’Est. Il tema è infatti all’ordine del giorno sia al Consiglio nazionale che agli Stati. La decisione potrebbe arrivare a tarda sera.

Le Camere federali avevano già approvato il contributo il 3 dicembre 2019. Il Parlamento aveva però aggiunto una clausola: il versamento diverrà effettivo solo quando l’Ue ritirerà le misure discriminatorie nei suoi confronti, come la mancata proroga dell’equivalenza borsistica. E, soprattutto, se non ne adotterà di nuove.

Le acque sono in seguito rimaste calme fino alla scorsa primavera, quando il Consiglio federale aveva respinto l’accordo quadro istituzionale. Nella lettera inviata il 26 maggio 2021 alla presidente della Commissione europea nella quale diceva di non voler firmare l’accordo, il Governo aveva anche precisato la volontà di adoperarsi affinché il Parlamento sbloccasse in tempi rapidi il cosiddetto secondo miliardo di coesione.

Nel suo messaggio licenziato l’11 agosto, il Consiglio federale ha formalmente chiesto al Parlamento di revocare il blocco del miliardo (in realtà 1,3 miliardi di franchi spalmati su dieci anni). Con il contributo di coesione il Governo afferma di voler “sottolineare, in seguito alla decisione di porre fine ai negoziati sull’accordo istituzionale, che la Svizzera rimarrà un partner affidabile dell’Ue”.

Alcuni giorni dopo le due Commissioni della politica estera (Cip) del Consiglio nazionale e degli Stati hanno dato il loro benestare. La Cip della Camera del popolo intende però subordinare lo sblocco alla presentazione, da parte del Consiglio federale, del messaggio concernente il finanziamento della partecipazione della Svizzera a Erasmus+.

A tale proposito la stessa Cip ha depositato una mozione che chiede al Governo di presentare il messaggio in questione entro la sessione invernale 2021. Nel prendere posizione su tale atto parlamentare, il Consiglio federale ha indicato questo lunedì che prima di discutere del finanziamento della partecipazione elvetica al programma di scambio studentesco Erasmus+ occorrerebbe chiarirne i parametri con l’Ue. Bruxelles non ha però ancora elaborato alcun mandato negoziale.

Alla luce delle relazioni generali tra la Svizzera e Bruxelles, “l’Ue finora non è stata disposta a condurre colloqui esplorativi sui parametri di un’associazione in termini di tempistiche, finanziamenti o contenuti”. In questo contesto, per il Consiglio federale non si può adottare un messaggio di finanziamento “che lascerebbe necessariamente molti punti in sospeso e riporterebbe cifre da centinaia di milioni di franchi non corrette né verificate”.

Pur deplorando il ritardo accumulato, il Governo ricorda che le cause non sono riconducibili a una sua mancanza di volontà. Sono invece una conseguenza dello stato attuale della politica europea.

Per tale ragione, lo sblocco del secondo miliardo di coesione da solo non garantirebbe una associazione della Confederazione a Erasmus+. La sua approvazione è tuttavia una condizione necessaria per riuscirvi. È insomma il gatto che si morde la coda.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio federale miliardo coesione ue
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved