ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Più soldi nel portamonete dei pensionati in Svizzera

Il Parlamento chiede un adeguamento integrale delle rendite Avs all’inflazione. Niente da fare per l’aumento dei sussidi di cassa malati.
Svizzera
1 ora

Offensiva solare, obbligo pannelli solo per edifici grandi

La Camera del popolo ha deciso di limitare tale vincolo alle strutture che occupano una superficie al suolo superiore a 300 metri quadrati
Svizzera
1 ora

‘No’ definitivo alla privatizzazione di PostFinance

Lo ha decretato il Consiglio nazionale bocciando senza opposizioni un progetto di revisione legislativa del governo sull’organizzazione della Posta
Ecuador
3 ore

Affonda barca alle Galapagos, svizzeri a bordo: vi sono morti

Secondo le autorità, quattro persone sono decedute e altre quattro risultano disperse: nessuna indicazione per ora sulla sorte dei cittadini elvetici
Svizzera
4 ore

Piano salvataggio aziende elettriche, eliminate divergenze

Il Consiglio federale ha redatto un progetto di legge così da equipaggiarsi precauzionalmente contro un eventuale collasso del sistema
Svizzera
4 ore

Allarme per le piccole medie imprese: ‘Bollette sestuplicate’

Preoccupazione per l’associazione di categoria attiva nell’industria delle macchine, elettrotecnica e metallurgica
Svizzera
4 ore

Sei indebitato? Avrai (forse) una seconda chance

Chiesti miglioramenti sul progetto di legge del Consiglio federale che mira a sostenere le persone in difficoltà finanziarie
Svizzera
5 ore

Le donne contro la riforma Avs: in centinaia a Berna

La manifestazione indetta dalle donne socialiste e dalle co-presidenti della sezione femminile del partito. Annunciato sciopero per il 14 giugno 2023
Svizzera
6 ore

Ecco come hanno votato gli italiani in Svizzera

Il Partito democratico perde la leadership dei voti di lista, ma il risultato a livello di coalizione presenta alcune sorprese rispetto al voto in Italia
Svizzera
8 ore

I faggi precocemente ingialliti sono destinati a morire presto

Secondo uno studio del Wsl, gli alberi su terreni secchi che perdono presto le foglie non si riprendono negli anni successivi
Svizzera
22 ore

‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’

A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
1 gior

Domenica di bocciature a livello cantonale

La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
22.09.2021 - 19:40

No a Chiesa (Udc): ‘Niente moratoria sulla libera circolazione’

La consigliera federale Keller-Sutter giustifica il no del governo alla mozione, poi bocciata dagli Stati, affermando che ‘il Ticino è vittima del suo successo’

Ats, a cura de laRegione
no-a-chiesa-udc-niente-moratoria-sulla-libera-circolazione
Ti-Press

“Il Ticino è vittima del suo successo”. Così oggi la consigliera federale Karin Keller-Sutter ha giustificato il “no” del governo alla mozione di Marco Chiesa - poi bocciata dal Consiglio degli Stati per 27 voti a 7 - con cui il presidente dell’Udc propugnava una moratoria sulla libera circolazione per quei cantoni e regioni malmenati dalla crisi imputabile alla pandemia.

Tale moratoria, secondo Chiesa, andrebbe accompagnata dalla reintroduzione della preferenza indigena e dal contingentamento dei permessi, fintanto che la situazione del mercato del lavoro tornerà a condizioni più “normali”.

Nelle intenzioni del presidente dell’Udc, per raggiungere questo obiettivo il Consiglio federale avrebbe dovuto convocare urgentemente il Comitato misto Svizzera-Ue per cercare una soluzione per il mercato del lavoro in crisi così come prevede l’articolo 14 dell’accordo sulla libera circolazione tra Berna e Bruxelles.

A giustificazione della sua iniziativa, ma anche consapevole che la sua mozione sarebbe in ogni caso rimasta lettera morta, Chiesa ha elencato tutte le ripercussioni negative imputabili alla libera circolazione, come il forte incremento dei lavoratori stranieri, continuato anche durante la crisi, e il parallelo aumento della disoccupazione tra i residenti, ormai al 9% come indicano i dati Ilo.

Oltre all’effetto di sostituzione della forza lavoro locale con quella importata, e il dumping salariale galoppante che nemmeno i Contratti normali di lavoro riescono a fermare, la situazione attuale ha spinto e spinge sempre più residenti formati a lasciare il Ticino in cerca di occasioni professionali nei cantoni della Svizzera interna che consentano loro di vivere, ha affermato Chiesa.

E, oltre al danno, anche la beffa. Il “senatore” democentrista ha rammentato i privilegi fiscali di cui godrebbero i frontalieri sia rispetto ai lavoratori residenti sia rispetto ai loro connazionali (il nuovo accordo in materia tra la Svizzera e l’Italia sulla tassazione dei frontalieri, che dovrebbe portare maggiore equilibrio in materia, è ancora in alto mare a Roma per quanto riguarda l’iter parlamentare in vista della sua approvazione, ndr).

Qualcosa insomma non quadra nel cantone se, a fronte di un numero di frontalieri in crescita - gli occupati stranieri hanno ormai superato quelli residenti - i disoccupati aumentano e sempre più persone devono accontentarsi di impieghi precari e mal retribuiti. Nemmeno l’introduzione di un salario minimo riuscirà secondo il ticinese a fermare questa tendenza; anzi, la situazione a suo avviso potrebbe peggiorare e trascinare verso il basso le remunerazioni.

Ma per il Consiglio federale, una moratoria come quella chiesta da Chiesa, in virtù dell’articolo 14 dell’accordo sulla libera circolazione, non è la soluzione ai problemi del Ticino o di quei cantoni e regioni che risentono maggiormente della pressione dall’estero, accentuatasi durante questa crisi pandemica.

A detta di Karin Keller-Sutter, non siamo di fronte a un grave perturbamento del mercato del lavoro come illustrato dall’autore della mozione tale da giustificare la convocazione urgente del Comitato misto Svizzera-Ue. Capisco le sue preoccupazioni, ha dichiarato Keller-Sutter, ma in un certo senso “il Ticino è vittima del suo successo”. Lo sviluppo economico è stato tale infatti negli ultimi anni da necessitare il reclutamento di manodopera estera, specie dalla Lombardia, perché il mercato del lavoro ticinese non è di per sé grande.

Quanto alle contromisure ai problemi sollevati dall’autore della mozione, la ministra di Giustizia e Polizia ha citato i contratti normali di lavoro, possibilità di cui il Ticino ha fatto ampio uso, e l’obbligo di annuncio dei posti vacanti che dovrebbe dare ai disoccupati indigeni un margine di vantaggio su chi cerca lavoro dall’estero; si tratta di strumenti applicati con successo, a parere della ministra sangallese del Plr.

Nel suo intervento, Karin Keller-Sutter ha poi rammentato anche il prezioso contributo dei numerosi frontalieri impiegati nel settore sanitario durante la crisi pandemica, tanto che la legge Covid prevede proprio delle eccezioni per la forza lavoro che abita appena oltre il confine.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved