Young Boys
3
Lugano
1
fine
(0-1)
Genoa
0
Milan
3
fine
(0-2)
Sassuolo
2
Napoli
2
fine
(0-0)
CACIC N./DJOKOVIC N.
1
GOLUBEV A./NEDOVYESOV A.
1
3 set
(6-2 : 2-6 : 1-2)
Langenthal
3
Visp
2
fine
(1-0 : 0-2 : 2-0)
ruag-ammotec-puo-essere-venduta-ai-privati
Keystone
Il consigliere federale Ueli Maurer esclude difficoltà di approvvigionamento
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 ore

Cantoni contrari alle restrizioni in famiglia

La consultazione sulle misure di contrasto della pandemia: no anche all’obbligo del telelavoro
Svizzera
5 ore

Sei anni e mezzo per un incidente mortale

‘Omicidio intenzionale plurimo’: a Effingen morirono tre persone
Svizzera
6 ore

Arrestati 15 produttori di marijuana e hashish

Dalla Polizia di Svitto, che ha scoperto coltivazioni indoor nel villaggio di Ried
Svizzera
8 ore

Peter Lack sarà il nuovo direttore di Caritas Svizzera

L’attuale direttore della Federazione svizzera dei samaritani sostituirà Peter Marbet che ha lasciato la carica lo scorso agosto
Svizzera
8 ore

Nel canton Zurigo terapie intensive piene

Alcuni pazienti che necessitavano di un ricovero in cure intense hanno dovuto essere respinti e non è stato possibile trasferirli altrove
Svizzera
9 ore

La Svizzera supera i 10’000 casi giornalieri, 140 i ricoveri

La quota di pazienti Covid in cure intense raggiunge il 27% su un’occupazione complessiva dell’81,10%. 22 decessi segnalati
Svizzera
9 ore

Legge Covid, gli Stati prorogano disposizioni su eventi e lavoro

Estese sino a fine 2022 anche le disposizioni che conferiscono al governo il potere di adottare misure a protezione della popolazione
Svizzera
11 ore

Il 35% di utenti dei media non riconosce i contenuti a pagamento

Emerge da uno studio della Scuola universitaria professionale zurighese di scienze applicate (Zhaw). Al centro dell’indagine gli articoli sponsorizzati
Svizzera
11 ore

Il Nazionale boccia il raddoppio del contributo di coesione Ue

La mozione di Nussbaumer (Ps) chiedeva di aumentare i fondi versati alla Ue per garantire la partecipazione della Svizzera ai programmi di ricerca europei
Svizzera
13 ore

Omicron in Svizzera: i casi sono tre, o forse quattro

Svizzera
16.09.2021 - 15:320
Aggiornamento : 17:26

Ruag Ammotec può essere venduta ai privati

Lo ha deciso il Consiglio degli Stati. Il governo terrà conto del desiderio di cedere l’azienda di munizioni ad acquirenti svizzeri strategici

a cura de laRegione

Berna – Al termine di un dibattito intenso, il Consiglio degli Stati ha deciso che Ruag Ammotec, azienda produttrice di munizioni, può essere venduta a privati, come nelle intenzioni del Consiglio federale.

Una mozione di Werner Salzmann (Udc/BE), già accolta dal Nazionale, che domandava di rinunciare alla cessione per motivi di sicurezza e per preservare posti di lavoro, è stata respinta per 21 voti a 16 e 4 astensioni.

In precedenza, per 19 voti a 18 e 4 astensioni, il plenum aveva bocciato una mozione di commissione che chiedeva al governo di prediligere, a parità di condizioni, acquirenti svizzeri strategici, qualora l’esecutivo decida di separarsi comunque da questa azienda con sede a Thun (BE), considerata tra le aziende leader nella produzione di munizioni di piccolo calibro.

Occhio di riguardo per acquirenti svizzeri

A tale proposito, il governo si è detto disposto a considerare questo desiderio della commissione. Per quanto riguarda la rinuncia alla vendita di Ruag Ammotec, come chiede la mozione Salzmann, il consigliere federale Ueli Maurer ha sostenuto di non temere un’emorragia di posti di lavoro dalla sede di Thun, dal momento che si tratta di un sito produttivo altamente qualificato per il quale ci sono degli investitori interessati.

In merito al rischio per la sicurezza dovuto a eventuali difficoltà di approvvigionamento per l’esercito e le polizie cantonali, il ministro delle finanze ha fatto notare di non intravedere un simile problema, anche perché è sempre possibile costituire delle scorte. Ruag Ammotec non rifornisce principalmente l’esercito. I bisogni delle forze armate svizzere potrebbero essere assicurati, a suo avviso, con un contratto di prestazione.

Inoltre, qualora anche Ruag Ammotec dovesse rimanere in mano alla Confederazione, eventuali difficoltà di approvvigionamento non possono essere escluse del tutto: l’80% delle materie prime per le produzione di munizioni è infatti importato dall’estero, ha fatto notare il ministro democentrista.

Punto finale

Col voto negativo odierno, il Consiglio degli Stati mette fine al dibattito attorno alla vendita di Ruag Ammotec. La decisione del plenum non è proprio una sorpresa, dal momento che la commissione preparatoria aveva raccomandato l’adozione della mozione solo grazie al voto preponderante del suo presidente, lo stesso Salzmann.

Il dossier era già stato affrontato in giugno nel plenum. Allora gli Stati, seppur d’accordo con la cessione diversamente dal Nazionale, avevano però deciso di rinviare in commissione la mozione per ulteriori approfondimenti, specie in merito allo scorporo dei dati di Ruag Ammotec. Lo scopo? Preservare la sicurezza e l’indipendenza delle informazioni di quest’ultima.

Dopo aver ottenuto rassicurazioni che tale lavoro era stato eseguito, la commissione aveva ripreso in mano l’argomento, pronunciandosi tuttavia a favore della mozione. La maggioranza riteneva infatti importante conservare un sito di produzione nazionale di munizioni di piccolo calibro per garantire la sicurezza di approvvigionamento dell’esercito e delle polizie svizzere, ma anche per preservare a lungo termine i posti di lavoro che ciò rappresenta.

Oggi in aula, pur non contestando l’importanza del mantenimento della sede di Thun, la minoranza della commissione ha giudicato invece essenziale proseguire il processo di scorporo di Ruah Mro Svizzera e Ruag International, processo di cui la vendita di Ruag Ammotec costituisce a suo avviso un passo essenziale. Al voto, l’hanno spuntata i promotori della vendita.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved