ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 ore

Sempre più problemi per l’approvvigionamento di farmaci

Le carenze, come precisa l’Ufsp, erano già preesistenti e non dipendono dalla guerra in Ucraina. Mancano anche centinaia di prodotti salvavita
Svizzera
4 ore

Fino a oltre un’ora di coda alle biglietterie Ffs

K-Tipp traccia una mappa della Svizzera in base ai tempi di attesa agli sportelli delle principali stazioni. A Zurigo fino 71 minuti di fila
Svizzera
4 ore

‘Finora tante promesse, ma troppi pochi soldi’

Il Fondo di risarcimento per le vittime dell’amianto sta ancora attendendo i 30 milioni preannunciati da imprese e organizzazioni economiche
Svizzera
4 ore

Abbattuta una giovane lupa in Val Lumnezia

L’esemplare faceva parte del branco di Wannaspitz. L’autorizzazione a cacciarla era stata emessa a inizio settembre
Svizzera
6 ore

Non ci sarà recessione, ma una crescita del Pil più lenta

Lo indicano le previsioni del Kof, che rivede al ribasso la progressione del Prodotto interno lordo
Svizzera
7 ore

La Città di Zurigo ‘congela’ la cannabis legale

Decisione inevitabile in attesa dell’approvazione definitiva del progetto da parte di Berna. Il tutto slitta alla prima metà del 2023
Svizzera
7 ore

La distribuzione di eroina in forma agevolata proseguirà

Le persone stabili dal punto di vista sociosanitario potranno continuare a portare le dosi in compresse a casa anziché recarsi giornalmente nei centri
Svizzera
8 ore

Grigioni, passo avanti per il centro Sup

La commissione preparatoria del Gran Consiglio retico avalla il progetto per la costruzione della nuova Scuola universitaria professionale
15.09.2021 - 17:54
Aggiornamento: 18:11

‘Abolire la pena minima per i pirati della strada’

Giudici non più tenuti a condannare a un anno di carcere. Così vogliono i ‘senatori’, ma il dossier torna al Nazionale

abolire-la-pena-minima-per-i-pirati-della-strada
Keystone
La pena minima era stata introdotta nel 2012 col pacchetto ‘Via Sicura’

Berna – La pena minima di un anno per i “pirati” della strada che commettono infrazioni gravi sarà abolita: il giudice potrà in futuro infliggere anche solo una pena pecuniaria. È quanto deciso oggi dal Consiglio degli Stati discutendo il progetto di armonizzazione delle pene. Il dossier ritorna al Consiglio nazionale.

Il progetto non mira a rivedere completamente le pene. Prevede solo adeguamenti “chirurgici” in alcuni ambiti specifici e un riequilibrio del livello delle sanzioni. I valori cambiano nel tempo, alcune pene possono sembrare oggi troppo alte o troppo basse. L’obiettivo della riforma è quindi riflettere i valori della Svizzera del Ventunesimo secolo.

Il progetto prevede, ad esempio, che in caso di lesioni gravi - art. 122 Cp - la pena detentiva minima raddoppi da sei mesi a un anno. Sono state modificate anche le pene per alcune aggressioni contro la polizia (Violenza o minaccia contro le autorità, art. 285 Cp). Tuttavia, su questo punto permangono divergenze tra i due rami del Parlamento.

Pirati della strada

Altra novità: la pena minima di un anno di detenzione prevista dalla legge sulla circolazione stradale per gravi reati stradali (“reato di guida spericolata”, articolo 90) è stata abolita. La maggioranza (33 voti a 7) ha giudicato tale disposizione, introdotta nel 2012 nell’ambito del progetto “Via Sicura”, sproporzionata. Ora sarà possibile anche infliggere una pena pecuniaria.

Carlo Sommaruga (Ps/Ge) avrebbe voluto rimanere al diritto attuale. Nel suo intervento ha ricordato che le pene privative della libertà o con la condizionale sono inflitte a un numero esiguo di persone per comportamenti “selvaggi” sulle strade che possono sfociare in incidenti gravi.

Beat Rieder (Centro/Vs) e Philippe Bauer (Plr/Ne) hanno invece fatto notare che le disposizioni attuali “obbligano” i giudici ad infliggere una pena minima di un anno anche se il conducente in questione non ha messo in pericolo l’integrità di chicchessia. Capita che simili pene vengano inflitte a persone con un passato immacolato e che per una volta nella vita hanno commesso un sorpasso azzardato.

Maggior margine di manovra ai giudici

Rieder ha fatto notare che le sanzioni inflitte in casi di abusi sessuali sono talvolta inferiori a quelle applicate ai cosiddetti pirati della strada. Sia per Rieder che per Bauer si tratta insomma di dare al giudice un maggior margine di manovra nel determinare la punizione, non di impedire di sanzionare chi commette invece gravi delitti stradali: la pena massima di quattro anni rimane infatti in vigore.

Da notare che il progetto inizialmente comprendeva anche un capitolo consacrato agli articoli del Codice penale che puniscono i delitti in materia sessuale. I due rami del parlamento si sono messi d’accordo per esaminare tali reati separatamente in un altro disegno.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved